Ue: la direttiva 'uccelli' inapplicata in Italia

Stampa

Privatizzare i servizi

Nuove oasi per gli uccelli selvatici in sette dei dieci nuovi Stati membri dell'Unione Europea: lo comunica la Commissione Europea ricordando che Polonia, Slovacchia, Malta, Lituania, Lettonia, Estonia e Cipro si stanno così adeguando alla Direttiva 79/409/CEE sulla conservazione degli uccelli, obbligatoria per i Paesi entrati nell'Unione Europea.

Ma la LAV ricorda che, dopo ben 25 anni dalla firma, l'Italia non ha ancora integralmente recepito ed applicato tale Direttiva: ancora una volta l'UE bacchetta il nostro Paese sulla tutela della fauna.

"E' la conferma che la politica esercitata da Governo e Regioni in questi anni è decisamente fallimentare e pone a rischio soprattutto le popolazioni migratorie - dichiara Ennio Bonfanti, responsabile "fauna" della LAV -, patrimonio della comunità internazionale. I Ministri dell'Ambiente e delle Politiche Agricole, on. Matteoli e on. Alemanno, hanno una grossa responsabilità perché hanno favorito forme di caccia selvagge e massicce e si sono fatti promotori di proposte di legge sulle "deroghe" per la caccia ai migratori protetti o per la liberalizzazione selvaggia della caccia, come il noto "testo Onnis" approdato alla Camera. In più i due Ministeri non sono intervenuti per bloccare i provvedimenti regionali che, in barba alla Direttiva 79/409/CEE, hanno promulgato calendari venatori sulla caccia di specie a rischio o in periodi maggiori rispetto a quelli dettati dalle normative statali e comunitarie".

In proposito la LAV denuncia che Governo e Regioni hanno già avviato le procedure per la "spartizione", nella prossima stagione venatoria, delle quote di fringuelli e peppole (piccoli uccelli canori protetti dall'UE) da ammazzare: in nome del "federalismo alla cacciatora", la Conferenza Stato-Regioni sarà chiamata ad approvare la ripartizione delle quote delle due specie protette. Grazie alla contestatissima legge Berlusconi-La Loggia n.221 del 2002, infatti, alle Regioni sono stati affidati poteri in materia di "deroghe" per la caccia anche di specie (fino ad oggi) protette dalla Direttiva 79/409/CEE.

Nella passata stagione venatoria 2004-2005, grazie a questa procedura 3 milioni (!) di fringuelli sono stati assegnati a 6 regioni (Lombardia 685.260 fringuelli; Veneto 437.400; Umbria 298.890; Marche 262.440; Liguria 204.120; Toscana 874.800; Calabria 233.280) e 60mila peppole a 2 regioni (Lombardia 36.600; Veneto 23.400). Milioni di migratori, più piccoli della stessa penna usata per scrivere queste cifre, saranno impallinati in nome della "polenta e osei".

"Auspichiamo che il Governo abbandoni questa politica 'calibro 12' e che i nuovi Governatori regionali, recentemente eletti, attuino una inversione di marcia a tutela del patrimonio faunistico - conclude Bonfanti -; in ogni caso la LAV proseguirà ad impugnare presso la Commissione Europea e la Corte di Giustizia UE tutti i provvedimenti statali o locali in materia venatoria che violino il diritto comunitario".

Ultime notizie

Bambini: “chi non produce è inutile”

25 Giugno 2019
È necessario contrastare l’idea che chi non produce è inutile per la società. A cominciare dai bambini costretti ad essere “economicamente attivi”. (Alessandro Graziadei)

Cocktail artico… al veleno

24 Giugno 2019
Le inquietanti conseguenze dello scioglimento dei ghiacci. (Anna Molinari)

La seconda vita dei libri, nelle mani dei senza dimora

23 Giugno 2019
I volontari della Ronda della carità distribuiscono (oltre a panini e bevande) fumetti, romanzi e riviste. 

Niente sta scritto vince Il Premio Cinema degli Italian Paralympic Awards

22 Giugno 2019
Il documentario Niente sta scritto riceve il Premio Cinema agli Italian Paralympic Awards 2019, gli “Oscar” dello sport paralimpico. (Raffaella Bonora)

La donna che combatte i matrimoni precoci

21 Giugno 2019
Povertà, matrimoni precoci e abbandono scolastico sono tre componenti dello stesso circolo vizioso. È contro un tale flagello che si batte da oltre 15 anni Theresa Kachindamoto, una donna...