Traversine e traffico d'armi

Stampa

© Greenpeace - Greenpeace manifesta davanti al Ministero

Greenpeace Italia ha consegnato il 7 novembre scorso al ministro per le Infrastrutture un rapporto in cui si evidenzia come le Ferrovie dello Stato abbiano acquistato il legname per traverse, armamenti e altro materiale in Azobe' (un legno molto resistente che in gran parte proviene dalla Liberia) dalla Tecnoalp srl, che a sua volta si rifornisce dalla compagnia asiatica OTC (Oriental Timber Company). Come indicato dal rapporto del comitato degli esperti del Consiglio di Sicurezza dell'ONU, la OTC svolge un ruolo essenziale nella guerra civile in Sierra Leone, fornendo strutture e mezzi per il traffico di armi, impiegando i camion e le strade delle compagnie del legno per rifornire di armi la fazione armata della Sierra Leone Revolutionary United Front (RUF). Il rapporto indica il direttore della OTC, l'olandese Gus Van Kouwenhoven, come "responsabile per gli aspetti logistici di molti degli accordi sul traffico di armi tra Liberia e Sierra Leone". Proprio quando si faceva più forte il coinvolgimento del settore del legno con il traffico di armi e con la guerra civile, l'Italia moltiplicava per 25 volte le proprie importazioni di tronchi da questo paese.
Pubblicato il: 13.11.2001
" Fonte: » Greenpeace Italia, Peacelink notizie, OTC, Consiglio di sicurezza dell'ONU ;

Ultime notizie

Cocktail artico… al veleno

24 Giugno 2019
Le inquietanti conseguenze dello scioglimento dei ghiacci. (Anna Molinari)

La seconda vita dei libri, nelle mani dei senza dimora

23 Giugno 2019
I volontari della Ronda della carità distribuiscono (oltre a panini e bevande) fumetti, romanzi e riviste. 

Niente sta scritto vince Il Premio Cinema degli Italian Paralympic Awards

22 Giugno 2019
Il documentario Niente sta scritto riceve il Premio Cinema agli Italian Paralympic Awards 2019, gli “Oscar” dello sport paralimpico. (Raffaella Bonora)

L’Africa sempre più dimenticata

21 Giugno 2019
Gli ultimi dati sull’informazione che danno i telegiornali italiani sul Sud del mondo sono sconfortanti. Ma gli utenti possono fare qualcosa. (Piergiorgio Cattani)

Brasile in piazza contro Bolsonaro e poi il ‘Moro della vergogna’

21 Giugno 2019
Primo sciopero da quando Bolsonaro è Presidente, contro l’aumento dell’età pensionabile e contro l’economia che non riparte. E poi lo scandalo di Sergio Moro, ‘il Moro della vergogna’, giudice a ma...