Thailandia: Thaksin lasci la politica chiede l'opposizione

Stampa

Il primo ministro thailandese Thaksin Shinawatra

Dopo che il primo ministro thailandese Thaksin Shinawatra ha annunciato le sue dimissioni "per rispetto del re", i tre partiti di opposizione chiedono a Thaksin di lasciare anche la guida del suo partito. Uno dei responsabili del Pad, il principale partito di opposizione, chiede inoltre chiarimenti sulla gestione delle aziende pubbliche durante gli anni di governo e sulla condotta delle ultime elezioni del 2 aprile - riporta Asianews. Sonthi Limthongkul, uno dei capi del Pad, ha sottolineato che "il fatto che Thaksin abbia rassegnato le dimissioni non toglie i sospetti che gravano sulla sua condotta morale ed etica. Sono in molti a contestare non solo i grandi progetti politici ma soprattutto la trasformazione della struttura di molte aziende pubbliche".

Nelle ultime elezioni erano 28 milioni gli aventi diritto al voto; 16 milioni hanno votato per il Thai Rak Thai, 10 milioni per il partito Bangkonian. Gli altri voti sono nulli. "Questo dimostra - continua Sonthi - che il 40% degli elettori sono contro Thaksin, e questo è un dato unico nella storia del nostro Paese". In 38 distretti i cittadini sono chiamati di nuovo alle urne perché il numero dei votanti è stato inferiore alla soglia minima del 20% fissata dalla legge
Ieri infatti Thaksin aveva annunciato di non accettare l'incarico di primo ministro anche se aveva ottenuto 16 milioni di voti alle ultime elezioni del 2 aprile. Aveva però dichiarato che avrebbe mantenuto la guida del suo partito. La decisione di Thaksin Shinawatra è nata dalla attuale apparente impossibilità di risolvere una crisi politica, che nemmeno le elezioni anticipate di domenica sembrano avere sbloccato. Prima di apparire in televisione, il capo del governo uscente, pesantemente contestato dall'opposizione, che lo accusa di corruzione e abuso di potere, ha avuto un colloquio con il re Adulyadej Bhumibol.

Il viceprimo ministro Chidchai Vanasatidya dovrebbe prendere il posto di Thaksin, che potrebbe tornare se necessario al suo incarico, ha detto il portavoce. "Il primo ministro sta per prendere una pausa di riposo nel suo incarico sino a quando vi sarà un incarico reale ad un nuovo primo ministro. Il vice primo ministro Chidchai svolgerà le mansioni al suo posto", ha detto il portavoce. A poche ore dall'annuncio di Thaksin di ieri sera, col quale il premier aveva annunciato che se ne sarebbe andato dopo che si riunirà il nuovo Parlamento, i contestatori che hanno assediato per settimane il suo ufficio hanno iniziato a smontare le loro tende e tornare a casa. Thaksin aveva le lacrime agli occhi mentre abbracciava familiari e amici ieri dopo aver fatto il proprio annuncio. "Voglio ritirarmi non assumendo il ruolo di primo ministro, ma resterò premier provvisorio fino a che non sarà completato il processo di selezione del prossimo premier", aveva detto Thaksin in un discorso trasmesso dalla tv. [GB]

Ultime notizie

Elezioni in Tunisia: un presidente post ideologico

16 Ottobre 2019
Sono molte le incognite scaturite dal voto per l’Assemblea legislativa e per il presidente. (Ferruccio Bellicini)

Commissione Europea, una partenza in salita

15 Ottobre 2019
Tre commissari non hanno superato l’esame del Parlamento Europeo: ragioni e conseguenze. (Matteo Angeli)

Il principe assassino di Khashoggi a rischio regno ricatta col petrolio

14 Ottobre 2019
Trump impone il silenzio, un anno dopo non c’è giustizia per Khashoggi, il giornalista saudita assassinato e fatto a pezzi nel consolato dell’Arabia Saudita a Istanbul. Guerra del golfo a perdere p...

Il Senegal ha sete

14 Ottobre 2019
La crisi idrica causata da un ritardo della stagione delle piogge e le anomalie della produzione di biomassa mettono in ginocchio il nord del Paese africano. (Lucia Michelini)

Pescara: dalla periferia nasce una nuova mappa del bene comune

13 Ottobre 2019
Al via cinque progetti realizzati da reti di associazioni con il supporto del Csv locale.