Televisioni per sperimentare democrazia

Stampa

© Campagna CRIS

Si chiamano Orfeotv, Telestreet, TeleFabbrica e sono progetti di televisioni di strada che pur consapevoli della propria illegalità (articolo 195 della legge Mammì), si appellano per la loro mission al diritto sancito dall'articolo 21 della nostra costituzione. Obiettivo ultimo è la creazione e proliferazione di microtelevisioni di quartiere per spezzare l'attuale monopolio nazionale sull'etere e gli attuali vincoli delle concessioni nei confronti delle microemittenti. Queste televisioni indipendenti organizzano a Bologna nella giornata del 14 dicembre "Eterea", il primo meeting nazionale per discutere su come sia possibile creare le condizioni (culturali e tecnologiche) perché ciascuno possa smettere di essere spettatore e diventare soggetto attivo di comunicazione e maturazione politica. Il 13 dicembre si è volto invece a Milano lo sciopero dei telespettatori in chiave anti-auditel, organizzato dall'associazione "Esterni". Il blackout televisivo degli attivisti si è accompagnato a proposte "politiche" per una diversa gestione delle trasmissioni televisive: la creazione di una "Carta dei diritti dei Telespettatori", l'istituzione di una fascia oraria programmata di buio e silenzio televisivo, inserita contemporaneamente nei palinsesti di tutti i canali nazionali. A Lecce è nata intanto A TV televisione del sociale e della solidarietà, che si pone come punto di riferimento in particolare per gli immigrati presenti a Lecce e provincia e in generale per tutto ciò che riguarda il sociale e la solidarietà.
Pubblicato il: 14.12.2002
" Fonte: » Telestreet , Redattore Sociale., CTM Lecce;
" Approfondimento: » Oneworld TV, Global Radio ,No WarTv, Progetto Mega Chip, Campagna CRIS sul diritto alla comunicazione ;

Ultime notizie

Cocktail artico… al veleno

24 Giugno 2019
Le inquietanti conseguenze dello scioglimento dei ghiacci. (Anna Molinari)

La seconda vita dei libri, nelle mani dei senza dimora

23 Giugno 2019
I volontari della Ronda della carità distribuiscono (oltre a panini e bevande) fumetti, romanzi e riviste. 

Niente sta scritto vince Il Premio Cinema degli Italian Paralympic Awards

22 Giugno 2019
Il documentario Niente sta scritto riceve il Premio Cinema agli Italian Paralympic Awards 2019, gli “Oscar” dello sport paralimpico. (Raffaella Bonora)

L’Africa sempre più dimenticata

21 Giugno 2019
Gli ultimi dati sull’informazione che danno i telegiornali italiani sul Sud del mondo sono sconfortanti. Ma gli utenti possono fare qualcosa. (Piergiorgio Cattani)

Brasile in piazza contro Bolsonaro e poi il ‘Moro della vergogna’

21 Giugno 2019
Primo sciopero da quando Bolsonaro è Presidente, contro l’aumento dell’età pensionabile e contro l’economia che non riparte. E poi lo scandalo di Sergio Moro, ‘il Moro della vergogna’, giudice a ma...