Sosteniamo PeaceLink in tribunale

Stampa

Peacelink

"Dieci anni fa il computer centrale della rete PeaceLink veniva sequestrato e sigillato. Cominciò allora un processo penale che ci impegnò per molto tempo. In gioco c'era la nostra sopravvivenza. Dopo anni di tribunale, vincemmo e ne uscimmo a testa alta. Oggi PeaceLink continua a dover comparire in tribunale, questa volta per un processo civile in cui ci viene richiesto il pagamento di 50mila euro" - scrive in un recente editoriale l'associazione pioniera del volontariato dell'informazione pacifista e ambientalista.

Dallo scorso anno, infatti, Peacelink si trova coinvolta in un nuovo processo intentatole dal prof. Daclon, già presidente di "Pro Natura" e consulente Nato, per aver riportato sul proprio sito nel novembre del 2002 il 'Manifesto per un forum ambientalista' nel quale compariva tra i sottoscrittori il Daclon. Il giovane professore due anni e nove mesi dalla pubblicazione di quell'appello ha dichiarato di non averlo mai sottoscritto e, senza nemmeno chiedere una rettifica a Peacelink, ha citato in giudizio i responsabili dell'associazione chiedendo un risarcimento di 50mila euro. Va ricordato che Peacelink aveva tenuto celato il nome del professore, che è stato reso pubblico per la prima volta da un articolo apparso su Libero.

Il processo sta continuando, con tutte le spese legali annesse, e Peacelink rilancia l'appello ad una raccolta fondi per sostenere le spese. Nel caso di esito favorevole del processo Peacelink si è impegnata a destinare la somma raccolta, detratte le spese legali, alle iniziative di pace in Africa organizzate dall'Africa Peace Point di Nairobi.

Per aiutare Peacelink a sostenere le spese legali
E' possibile effettuare un versamento sul conto corrente postale n. 13403746
intestato a: PeaceLink
c.p. 2009
74100 Taranto
Causale: processo a PeaceLink

NB: A chi sostiene economicamente la difficile causa civile Peacelink invierà in dono il libro "Telematica per la pace": un libro "storico" che racconta come e' nata PeaceLink e gli ideali che l'hanno animata.

Ultime notizie

Locanda Dal Barba, dove l’accoglienza si fa in tavola

24 Febbraio 2020
Inclusione sociale per persone con disturbi del neurosviluppo, un’esperienza da conoscere. (Anna Molinari)

Bari il cibo torna in circolo (per i poveri)

23 Febbraio 2020
Sette frigo solidali ospitano il cibo donato. I volontari si spostano anche con pattini e biciclette. L’idea di Kenda onlus. (Bepi Castellaneta)

Disabilità in Ecuador: un cammino disseminato di ostacoli

22 Febbraio 2020
Nonostante le iniziative realizzate, la situazione dei disabili, soprattutto intellettivi, rimane profondamente disagiata e vittima di una politica viziosa. (Marco Grisenti)

Un clima impazzito

21 Febbraio 2020
Un clima impazzito che non conosce una via di mezzo e le cui conseguenze sono pagate soprattutto dai più deboli. (Lia Curcio)

"Niente più vittime, niente più martiri"

20 Febbraio 2020
“Niente più vittime, niente più martiri, vogliamo sentire solo le voci di persone vive” che difendano i loro diritti umani. (Alessandro Graziadei)