Social Forum: verso un patto di lavoro

Stampa

Si è conclusa domenica a Firenze l'assemblea nazionale dei social forum italiani, novanta realtà di aggregamento spontaneo della società civile (dall'area antagonista alle associazioni ambientaliste e le ong di cooperazione) che si sono sviluppate in seguito all'esperienza del Genoa Social Forum. Più di mille persone hanno partecipato all'assemblea sotto la volta della vecchia stazione Leopolda, suddivise in 7 gruppi di lavoro (guerra e pace, migranti, comunicazione, lavoro e sviluppo sostenibili, saperi, Wto e Fao, consumo critico e finanziaria di guerra). Assenti molte realtà del mondo cattolico e non governativo. Entro gennaio 2001, dovrà essere concordato un nuovo "patto di lavoro" tra le varie componenti dei social forum italiani e l'indicazione per una serie di appuntamenti, primo tra i quali la mobilitazione contro il Wto e la guerra, il prossimo 8,9 e 10 novembre, in tutta Italia.
Pubblicato il: 22.10.2001
" Fonte: » Unimondo, Carta, Genoa Social Forum;

Ultime notizie

Equo e Solidale: il paradigma di un sistema

24 Maggio 2019
Equo e Solidale: è il paradigma di un sistema di mercato che si propone di modificare le pratiche commerciali sleali verso i produttori. (Lia Curcio)

Europee in Bulgaria, sotto il segno della corruzione

23 Maggio 2019
Appartamenti acquistati a prezzi agevolati da parte di politici e funzionari pubblici. Una serie di scandali ha scosso la Bulgaria alla vigilia delle prossime elezioni europee e mettere in secondo...

Leggi, sostanze, propaganda e persone

23 Maggio 2019
La questione droga non può essere affrontata a partire dalle pene, ma dalle persone. (Alessandro Graziadei)

L'Africa è invisibile per i tg

22 Maggio 2019
Lo rileva il 2° rapporto “Illuminare le periferie” dell’Osservatorio di Pavia. Monitorate le notizie esteri di 14mila telegiornali di prima serata. Terrorismo e migrazioni trattati senza attenzione...

Il Premio Goldman a un difensore mapuche del territorio

22 Maggio 2019
Il premio, ritenuto una sorta di “Nobel ambientale”, è il più importante riconoscimento per chi difende i diritti dell’ambiente. (Michela Giovannini)