Shara Occidentale: le acque rubate

Stampa

Sto: Nigrizia.it

La neoministra spagnola degli esteri Gonzáles Laya è volata oggi a Rabat per incontrare il suo omologo Nasser Burita, oltre al primo ministro Otmani, dopo che il parlamento marocchino ha approvato l’altro ieri due leggi che fissano unilateralmente i limiti della frontiera marittima del Marocco, sia quella delle acque territoriali e soprattutto della Zona Economica Esclusiva (ZEE) di 200 miglia marine.

Quest’ultima si sovrappone con la ZEE delle isole Canarie, da qui la nascita di un contenzioso, annunciato da tempo. La zona è particolarmente sensibile perché è tradizionalmente solcata dai pescherecci spagnoli e soprattutto per le ricerche in corso di giacimenti petroliferi al largo delle coste atlantiche.

Il contenzioso riguarda anche il Sahara Occidentale, occupato per 2/3 dal Marocco e per intero lungo gli oltre 1.000 km di costa atlantica. Il Fronte Polisario, per bocca di Mohamed Khaddad, coordinatore del Polisario presso la missione delle Nazioni Unite, ha denunciato l’atto illegittimo compiuto dal parlamento di Rabat.

Entrambe le leggi inglobano le acque prospicienti il Sahara Occidentale. Rabat ne afferma la “marocchinità”, mentre le Nazioni Unite lo considerano un territorio non autonomo cui spetta il diritto all’autodeterminazione come rivendicato da quasi mezzo secolo dal Polisario. Dal canto suo l’Unione Africana vede entrambi gli Stati, la RASD (Repubblica Araba Sahrawi Democratica, proclamata nel 1975 dal Polisario) e il Regno del Marocco, come suoi membri.

È evidente che con queste leggi, il Marocco vuole una volta di più legittimare l’occupazione del Sahara Occidentale e lo sfruttamento delle risorse marittime della costa atlantica del Sahara, particolarmente pescosa.

A dare una mano non virtuosa all’occupazione e allo sfruttamento illegali di queste acque decisiva è la politica dell’Unione Europea. Dalla fine anni ’80 l’UE ha concluso col Marocco accordi di pesca che includono le acque del Sahara Occidentale, in totale violazione del diritto internazionale, tanto che la stessa Corte di giustizia dell’UE ha più volte ribadito tale violazione anche per ciò che riguarda più in generale lo sfruttamento delle risorse naturali. Malgrado ciò l’UE ha continuato a rinnovare gli accordi di pesca, l’ultimo nel 2018, e lo stesso Parlamento europeo lo ha poi avallato.

Luciano Ardesi da Nigrizia.it

Ultime notizie

Paesi vietati ai turisti italiani: perchè la Farnesina tace?

28 Febbraio 2020
Perchè la Farnesina non ha fatto alcuna rimostranza verso i Paesi che stanno vietando l’ingresso ai cittadini italiani? C’entrano le vendite di armi? (Giorgio Beretta) 

La pesca illegale destabilizza la Somalia

27 Febbraio 2020
Decine di migliaia di tonnellate di pesce vengono sottratte ogni anno al patrimonio ittico somalo e alle comunità locali, da pescherecci stranieri che operano privi di licenze o con permessi frutto...

“Non c'è salute senza salute mentale”

27 Febbraio 2020
I dati relativi alla salute mentale in Italia mostrano la necessità di migliorare ulteriormente la rete assistenziale per il malato e le famiglie. (Alessandro Graziadei)

Coronavirus: a che punto siamo

26 Febbraio 2020
La situazione attuale dell'emergenza sanitaria  Covid-19. I rischi politico-economico-sociali di un'epidemia sempre più "infodemica":  l'unica cosa che non serve è l'allarmismo....

Appunti da Camerino e Bolognola (cratere del centro Italia)

26 Febbraio 2020
Non avete paura di andare lassù? (Matthias Canapini)