Se lo Stato gioca d'azzardo con Regioni e Comuni

Stampa

Foto: Vita.it

È un'intervista da leggere con attenzione quella a Pier Paolo Baretta pubblicata da Gabriele Martini su La Stampa. Il sottosegretario all'Economia, con delega ai giochi, aveva infatti promesso per fine ottobre un decreto che attuasse l'accordo che, nel settembre scorso, in Conferenza Unificata Stato, Regioni, Enti Locali era stato faticosamente trovato sul tema della riorganizzazione della rete di vendita dell'azzardo legalizzato. Purtroppo - o per fortuna, secondo molti, soprattutto lobbysti - di quel decreto non se ne vedono, né - sempre secondo i bene informati - se ne vedranno tracce. Perché? Ogni lettore, facendo il computo degli interessi in ballo - economici da un lato, sociali dall'altro - potrà capirlo da sé.

Ma Pierpaolo Baretta insiste: l'accordo c'è e va rispettato. Sottinteso: da tutti, fuorché dal Governo. Una posizione che lo stesso Governo ha messo nero su bianco in un inquietante articolo della Legge di Bilancio, come abbiamo a suo tempo segnalato (cfr. Legge di Bilancio 2018: cosa prevede sull'azzardo). Non solo, Baretta si dice «disposto a sedermi a un tavolo anche domattina». Il tempo dei valzer e dei tavoli è finito: la società civile chiedeva coerenza. Da Roma, a oggi, i segnali non arrivano. Arrivano invece dai tanti amministratori che sul territorio vivono, lavorano e tentano, con sforzo immane e fatica, di far fronte a questo collasso istituzionale che ha nome azzardo. Perché oramai è chiaro a tutti, che su questa partita si gioca ben altro che la tenuta dell'Erario: si gioca illegame sociale.

Oggi, però, la partita il Governo sembra giocarla altrove, anziché assumersi la responsabilità piena dell'accordo trovato il 7 settembre. Accordo che, pur con tutti i suoi (enormi) limiti, poneva al centro l'attenzione per la persona e non l'interesse economico-finanziario di multinazionali o erario: da qui la necessità di non vincolare in nome di un centralismo fuori tempo massimo le legittime richieste dei territori e l'altrettanto legittima e doverosa presa in carico di quelle richieste da parte degli amministratori locali.

Ecco perché, dopo la decisione del Consiglio della Regione Piemonte di non derogare (e ci mancherebbe altro!) alla piena operatività della sua Legge No Slot, il Governo per bocca del Sottosegretario Pier Paolo Baretta si dice sconcertato e minaccia (testuale, dall'articolo a p. 5 de La Stampa): «gli amministratori potrebbero rispondere delle mancate entrate erariali». Già dopo il regolamento comunale anti azzardo di Avellino, il sottosegretario Baretta aveva rilasciato dichiarazioni simili.

Tutto questo mentre tra i lobbysti si vocifera del prossimo tentativo di sabotare un'altra legge, quella dell'Emilia Romagna, virtuosamente emendata alcuni mesi fa quando a maggioranza venne introdotto il vincolo delle distanze dai luoghi sensibili per ogni rivendita di azzardo. Ma anche in Emilia Romagna, come in Piemonte l'opposizione sociale sarà ferma. Ciò di cui le istituzioni romane non vogliono prendere atto è che, oramai, il processo è irreversibile. Il re è nudo, ha gettato la maschera e cittadini e amministratori hanno capito benissimo da che parte pende la bilancia dei bisogni e da che parte vorrebbe farla pendere quella degli interessi.

Davvero contrastare l'azzardo con leggi virtuose (definite "proibizioniste" dal sottosegretario Baretta, come se fosse proibizionismo vietare nocività integrali come l'azzardo o gli scarichi tossici) significa come dice Baretta «fare un grosso favore alla criminalità organizzata»? Davvero è "eccessivo" chiedere che quelle leggi - nelle prossime ore entrerà nella sua piena efficacia quella piemontese - vengano applicate? In altri tempi, l’avremmo chiamata semplicemente "coerenza". Quella che sul tema azzardo il Governo non ha, ad oggi, e a dispetto di chi gli ha dato fiducia, mostrato di avere.

Marco Dotti da Vita.it

Ultime notizie

La terra che dorme

21 Marzo 2019
A Ulan Udè (la Porta Rossa) diparte la Transmongolica, ferrovia a binario unico e non elettrificata, che attraversa la Mongolia passando per Ulan Bator. (Matthias Canapini)

Jair Bolsonaro e il futuro dei circa 300 popoli indigeni

20 Marzo 2019
Bolsonaro fin dal primo giorno di mandato non ha perso occasione per attaccare i diritti territoriali dei popoli indigeni del Brasile. (Alessandro Graziadei)

La nuova destra europea frena la lotta al riscaldamento globale

20 Marzo 2019
Sul finire di un inverno insolitamente tiepido su tutta l’Europa occidentale, bisogna chiedersi: l’Unione europea sarà in grado di fare la sua parte per contrastare il riscaldamento globale? Stiamo...

Economia circolare: l’Ue alla ricerca dell’anello mancante

19 Marzo 2019
La Commissione europea ha pubblicato una relazione completa sull’attuazione del piano d’azione per l’economia circolare adottato nel dicembre 2015  «per spianare la strada verso un’e...

La verità sull’industria del latte

19 Marzo 2019
Cosa succede quando si perde di vista la realtà. (Anna Molinari)