Scontri di civiltà Occidente-Oriente?

Stampa

Immagine: Webtrends.mx

Sì, islam e cristianesimo sono in antiche terre buddhiste; con scontri musulmano-buddhisti in Sri Lanka e Myanmar. L’Occidente è il grande spazio delle tre religioni abramitiche giudaismo-cristianesimo-islam, con i secolarismi delle prime due, che si escludono a vicenda. Indonesia-Filippine sono nell’Occidente.

L’Oriente è un grande spazio attraversato dal buddhismo, che non esclude altri potdri, neppure quello statale violento; quindi più complesso. Ci sono paesi strettamente buddhisti: Sri Lanka, Thailandia, Myanmar, Cambogia, Laos, Vietnam; e paesi buddhisti misti, con altre cosmologie non esclusive: in Cina con taoismo-confucianesimo, in Giappone con scintoismo Kami – confucianesimo, e in Corea con confucianesimo e cristianesimo.

Il paesaggio religioso mondiale iniziò col naturismo, che invocava le benedizioni della Natura – sole, acqua, suolo, fertilità; offerti dalla Madre Terra. [È] la civiltà peggio trattata, anzi neppure definita “civiltà”. Poi giunse oltre 3000 anni fa Padre Cielo nelle religioni abramitiche; la miscela Padre-Madre nell’hinduismo; e il naturismo avanzato nel taoismo in Cina e lo scintoismo Kami in Giappone, e il confucianesimo come naturismo sociale in entrambi i paesi e in Corea. L’hinduismo fu sfidato dal buddhismo in quanto alle caste e ne fu scacciato; il giudaismo in quanto tribale scacciato poi dal cristianesimo.

Occidente vs Oriente si può considerare come abramismo vs buddhismo e affini con cosmologie molto diverse. La naturaHerrschaft [signoria] vs Partnerschaft [associazione]. Il sé: gli ego individuali vs i rapporti fra essi, nodi vs reti, cultura dell’Io vs cultura del Noi. La società: verticale-competitiva vs orizzontale-cooperativa (sangha). Il mondo: globalismo, centro vs periferia vs il male vs localismo, ciascuna parte un centro. Il tempo: limitato dalla creazione alla fine vs dall’infinità all’ infinità. Il transpersonale: un Dio-Satana-anima-Paradiso-Inferno, esclusivi vs nessuno dei precedenti, e inclusivi verso gli altri. L’episteme: atomistico-deduttivo, nessuna contraddizione vs olistico-dialettico come nel taoismo, contraddizioni dell’olismo, yin/yang.   La realtà è così.

Cristianesimo ed islam, mossi da “le uniche vere fedi per il mondo intero” andarono come missionari verso ovest e verso sud, conquistando il naturismo; e verso est: l’islam con i sultanati, il cristianesimo con le colonie e le compagnie mercantili.

Ma l’hinduismo-buddhismo andarono a est prima di loro. Buddha, 563-483 a.C., visse mezzo millennio prima di Cristo e un millennio prima di Maometto – l’hegira del 622. Ashoka inviò missionari buddhisti in Sri Lanka attorno al 250 a.C., poi a est in Myanmar-Thailandia-Malesia-Indonesia-Laos-Cambogia-Vietnam, in Cina attorno al 100 d.C. sulla Via della Seta, in Giappone nel 532, per lo più pacificamente. L’epica Mahawamsa è una narrazione di molte di queste dinamiche, con trionfalismo.

Lislam si mosse verso est: il, percorso deserto-tundra, la via marittima dallo Yemen: (dalla Spagna alla) Persia nel 750, CentrAsia, Sultanato di Delhi nel 1192, di Aceh nel 1496, di Pattani fra il 1516 e il 1902, delle Filippine nel 1390 con Sulu nel 1405, Maguindanao nel 1490, in Malesia, Indonesia; per lo più pacificamente.

Il cristianesimo si mosse verso est; dapprima Portogallo-Inghilterra conquistarono la via marittima dalla Cina orientale all’Africa orientale nel 1500 per i loro rispettivi re, poi conquiste anglo-francesi ed altre: gran parte dell’India nel 1805, il Sri Lanka nel 1815, la Birmania nel 1852-75, il VietNam nel 1859-85; attacchi alla Cina, guerre dell’oppio, incendio del palazzo imperiale nel 1860; “apertura [forzata]” del Giappone nel 1853, boicottaggio-combattimenti-nuclearizzazione fra il 1941 e il 1945. Pochi convertiti cristiani, ma spesso insediati al vertice delle colonie e tuttora lì. Le Filippine divennero cattoliche, colonizzate dalla Spagna nel 1521 e dagli USA nel 1898; tutto ciò per lo più con la guerra. Difficilmente stabile.

L’islam ha oggi quattro scontriDue confini: la conquista thai del sultanato Pattani nel 1785 riconosciuta nel trattato anglo-siamese del 1909; lo Xinjiang cinese con gli uighuri musulmani, prossimi al Kazakhstan musulmano. Due migrazioni: dal Bangladesh in Myanmar, e dalla Malaysia in Sri Lanka; tutt’e quattro nell’impero britannico, in parte smosse dal Regno Unito come responsabile chiave.

C’è stata migrazione da paesi buddhisti, Cina!, e conversione. Ma attacchi solo dallo stato scintoista Giappone – per cui gli imperatori vengono resi come re: a nord, alla Russia; a ovest, alla Cina; a sud, alle terre musulmane fra il 1941e il ‘45; a est, a Pearl Harbor – come auto-difesa, ed aggressione.

Il conflitto? Diritti storici buddhisti vs diritti umani musulmaniNessuna conversione religiosa all’altro campo, niente né una cosa né l’altra secolare, nessun compromesso mezzo buddhista / mezzo musulmano, nessun amalgama sia-sia: il buddhism con potere di stato è anch’esso esclusivo. Che prospettive di soluzioni politiche?

Thailandia del sudCina dell’ovest: autonomia musulmana in federazioni. La Cina lo è già, ma la Thailandia è uno stato unitario. Oppure l’indipendenza: un DarussalamSultanato Pattani di tre province thai e una malese. Oppure come regione nell’ambito dell’ASEAN (Associazione delle Nazioni Sudest-Asiatiche) con confini aperti: i baschi in Spagna-Francia stanno forse andando verso una tal soluzione in ambito Unione Europea. E così forse Cina e Kazakhstan in ambito SCO.

Sri Lanka-Myanmar: Etnocidio-“lento genocidio” dei musulmani. Una provincia musulmana nell’est di Sri Lanka; lo stato Rakhine per i Rohingya in Myanmar? Conquista mediante migrazione? Ma il Mahawamsa è adesso una dottrina in Sri Lanka come terra promessa dal Buddha, per gente eletta, i buddhisti.

Qui entrano in gioco i Diritti Umani. Articolo 18 della Dichiarazione Universale:

Ognuno ha il diritto alla libertà di pensiero, coscienza e religione – e di manifestare la propria religione in pubblico o in privato“.

Questo è norma prevalente rispetto al “convertitevi al buddhismo” o “tornatevene da dove siete venuti” del Mahawamsa. ma il Comitato per i Diritti Umani dell’ONU è andato oltre il 21 novembre 2014: al milione e 300mila Rohingya perseguitati si deve permettere “l’accesso alla piena cittadinanza su base uguale”. Se no, le sanzioni del Capitolo VI?

Si spera venga rispettato il buon buddhismo, e la lingua dell’ospitante.

In Sri Lanka il gruppo estremista buddhista Bodu Bala Sena è sostenuto dal governo di Mahinda Rajapaksa, che ora erge stupa in tutte le nove province per commemorare i caduti nella lotta genocida contro i tamil. L’INYT (16.10.2014) ha un possente editoriale contro l’alleanza islamo-fobica fra lui [MR], Thein Sein del Myanmar e Modi dell’India a favore di una Zona di Pace hindu-buddhista anti-musulmana. Il [giornale] buddhista Seeds of Peace [Semi di pace] punta dita accusatorie sulla violenza buddhista.

E la reazione a tutto questo delle “terre buddhiste”? Il taoismo-buddhismo, [in] Cina, sta facendo quel che il Giappone ha mancato di fare, espandendosi ovunque in ogni direzione – ma pacifica-mente. Sperando che rimanga tale.

Johan Galtung

Ultime notizie

"È cruciale includere le opinioni dei giovani nei processi di policy-making"

13 Dicembre 2019
Un'intervista al Ministro portoghese dell’Ambiente sulla partecipazione e l’educazione dei giovani. (Agenzia di Stampa Giovanile)

Chi sponsorizza la COP25? Il futuro del clima è forse corrotto?

12 Dicembre 2019
A cosa pensi appena vedi “Coca Cola”, “Iberia”, “L’oreal” proiettati sul grande schermo del palazzo che ospita la Conferenza ONU sul Clima (COP25) a Madrid? I maggiori responsabili dell’inquinament...

La "Cumbre Social per il Clima" lancia il Manifesto Climatico

12 Dicembre 2019
Dal 6 al 13 dicembre 2019, parallelamente alla COP25 di Madrid, si tiene la "Cumbre Social per il Clima". (Domenico Vito)

Il futuro potrebbe essere un terrificante film di fantascienza

11 Dicembre 2019
Cosa succede se superiamo la soglia di 1.5°C? Questa è la domanda che ha aperto un side event alla COP25 il cui obiettivo era quello di analizzare gli scenari che si verificheranno nel caso in...

Il ruolo delle giovani donne per la giustizia climatica

11 Dicembre 2019
Ritrovarsi in una sala conferenze ad ascoltare giovani donne attiviste per il clima e uscire con le lacrime agli occhi e un nodo alla gola. (Roberto Barbiero)