Risultati per Robe di Kappa e Bananeras

Stampa

Immagine

Continuano le campagne di pressione anche durante l'estate. Scritta da Francesco Gesualdi a nome della Rete di Lilliput, arriva la risposta alla BasicNet che ha in gestione il marchio Robe di Kappa. "Dissentiamo totalmente su molte delle vostre affermazioni e riteniamo che le misure adottate siano del tutto insufficienti. Riteniamo che le imprese si rivolgano ad organismi di controllo indipendenti e debbano cercare il coinvolgimento sia dei sindacati che della società civile. Vi chiediamo di attenervi ai giudizi già espressi da organismi internazionali quali l'ILO. Vi chiediamo quindi di cessare la produzione di abbigliamento sportivo a marchio Kappa e Robe di Kappa in Birmania e inoltre rendervi disponibile a un incontro con la Campagna e le organizzazioni sindacali". Continua ancora la campagna di pressione via e-mail e cartolina che si può stampare e spedire. Anche per la Campagna Bananeras sono stati ottenuti i primi risultati che hanno costretto la Dow Chemical a versare 5 milioni di dollari come Deposito di Garanzia, solo una parte della quota di risarcimento che ammonterebbe a 45 milioni di dollari. La Dow Chemical è stata la sola multinazionale a rispondere alla denuncia, tra le 7 compagnie accusate di aver usato veleni tossici che hanno provocato in Nicaragua la morte di 206 lavoratori delle piantagioni di banane. Grazie agli aiuti raccolti sono state curate altre due ex lavoratrici portando ad un totale di 16.
Pubblicato il: 26.07.2002 " Fonte: » Ass. Italia-Nicaragua, Rete di Lilliput;
" Approfondimento: » Lettera risposta a BasicNet - formato .doc ;

Ultime notizie

Spazio al bosco, e le specie spariscono

23 Settembre 2019
Che l’uomo intervenga o si assenti, per la sopravvivenza dell’ecosistema avrà sempre una responsabilità. (Anna Molinari)

Giornata del dono, coinvolti centinaia di studenti

22 Settembre 2019
Sono 80 gli istituti scolastici che hanno aderito al progetto #DonoDay2019, realizzato in collaborazione con il Miur. 

Abbiamo solo 11 anni per salvare la nostra specie

21 Settembre 2019
Ci avviciniamo al prossimo evento, venerdì 27 settembre, organizzato dai giovani dei "Fridays for Future”. (Lia Curcio)

La guerra nel nome della pace

20 Settembre 2019
Attorno ad Idlib continuano i combattimenti, la fuga dei cittadini, le morti, le distruzioni. Il ruolo della Turchia è sempre più ambiguo, nei suoi giochi anti-curdi tra Mosca, Washington e Damasco...

Presidenziali in Tunisia: vincono astensione e populismo anti-casta

20 Settembre 2019
Al ballottaggio per eleggere il nuovo presidente tunisino si affronteranno due candidati controversi e fuori dagli schemi tradizionali. (Ferruccio Bellicini