Pronta la regolarizzazione degli immigrati

Stampa

Rai News 24


Il decreto sulla regolarizzazione degli immigrati è pronto e sarà varato nei primi giorni di settembre. Sono quindi fissati i termini per procedere alla "sanatoria" dei migranti che come colf e badanti (già inserite nella Bossi-Fini) lavorano in nero: tre i requisiti necessari, due i moduli stampati per le richieste. Restano vive le proteste contro la legge Bossi-Fini in primo luogo, come si legge nell'editoriale di Vita, per lo spirito che la anima: "l'assunzione esplicita, anzi proclamata, dell'immigrazione come fonte di pericolo. Come problema da fronteggiare con misure di contenimento, di controllo e di repressione. E dell'immigrato, dello straniero, come potenziale nemico: presenza ostile contro cui premunirsi." Resta vivo l'impegno per far sì che sempre più persone guardino agli immigrati in modo diverso, anche considerando che per adesso, i veri europei sono, paradossalmente, gli extraeuropei, con la loro conoscenza di più lingue, la loro diffusione su tutto il territorio del Vecchio Continente e la loro voglia di raccontare la propria vita".
Pubblicato il: 06.08.2002 " Fonte: » RaiNews24, Stranieri in Italia, Vita;
" Approfondimento: » Centro studi immigrazione; Caritas; Nigrizia

Ultime notizie

Plastica: siamo più consapevoli del problema, ma…

19 Luglio 2019
Siamo più consapevoli dei problemi legati all'inquinamento da plastica, ma solo ora iniziamo a prendere in considerazione le possibili soluzioni. (Alessandro Graziadei)

Aree protette, una ricchezza per l’Europa

18 Luglio 2019
Giovani, comunità e natura: è qui il futuro dell’Europa. (Anna Molinari)

Balcani occidentali, la libertà dei media continua a deteriorarsi

18 Luglio 2019
I giornalisti investigativi dei Balcani occidentali hanno espresso il proprio malcontento nei confronti del sistema giudiziario nei rispettivi paesi. Le loro esperienze con giudici e pubblici minis...

Guerra del Nilo: Egitto-Etiopia, l’acqua per vivere

17 Luglio 2019
Una gigantesca diga bloccherà gran parte delle acque del ramo “Azzurro” assetando il Paese dei faraoni. Tensione anche tra il Cairo e Gerusalemme: gli israeliani hanno venduto un sistema anti-...

Tunisia: un porto sicuro?

17 Luglio 2019
Il paese maghrebino presenta ancora numerose lacune giuridiche e organizzative per quanto riguarda i richiedenti asilo. (Ferruccio Bellicini)