Primavalle, «il bambino coi libri» avrà gli studi pagati da 60 benefattori

Stampa

Foto: Corriere.it

Sessanta benefattori si sono offerti di pagare gli studi a Rayane, il piccolo «bambino coi libri» sgomberato pochi giorni fa a Primavalle, la cui foto durante lo sgombero è diventata virale. Colpiti dalla sua passione per lo studio, l’associazione «Famiglie accoglienti» di Bologna ha lanciato una raccolta fondi, venerdì scorso, per permettere al piccolo di origini marocchine di continuare a studiare per il prossimo anno scolastico. Nel giro di soli quattro giorni, sono stati raccolti quasi 3mila euro provenienti da circa 60 donatori. Tra questi, c’è chi ha donato anche 500 euro, mentre la cifra media di donazione è stata intorno ai 20 euro ciascuno. 

«Rayane vuole studiare, ha promesso alla sua professoressa di matematica di laurearsi – ha spiegato il professor Fabrizio Tonello dell’associazione Famiglie accoglienti, che promuove l’ospitalità dei migranti - Abbiamo lanciato questa campagna di sostegno per permettergli di continuare gli studi. Oggi ma anche domani: alle medie, alle superiori, all’università. Rayane, come tutti i bambini stranieri o rom, ha diritto di studiare». Famiglie Accoglienti userà i fondi raccolti per aiutare non soltanto Rayane, ma possibilmente «anche gli altri bambini sgomberati a Primavalle e oggi dispersi in varie sistemazioni di fortuna a decine di chilometri da quella che era stata per vent’anni la loro casa».  

I fondi raccolti saranno devoluti all’associazione «Nonna Roma», che si occuperà sul territorio romano di assistere e supportare Rayane e gli altri bambini sgomberati da Primavalle. Già nei prossimi giorni è previsto un incontro tra l’associazione Famiglie accoglienti e la famiglia di Rayane, affinchè le donazioni possano essere consegnate ai bisognosi. Attualmente Rayane e i genitori sono ospiti presso un centro di accoglienza di un’associazione romana. Questo il link per le donazioni: https://www.gofundme.com/f/vogliamo-studiare

Da Corriere.it

Ultime notizie

La “Visione Matauranga”

05 Dicembre 2019
L’Associazione per i Popoli Minacciati chiede che la ricerca scientifica sul clima tenga maggiormente conto delle popolazioni indigene. (Alessandro Graziadei)

Invertire la rotta, prima che sia tardi

04 Dicembre 2019
Da alcuni decenni il quadro internazionale si sta frantumando e stiamo ritornando all’epoca delle “cannoniere”. (Fabio Pipinato)

Ong per i diritti umani sotto attacco del governo: difende le minoranze

03 Dicembre 2019
Il presidente di Human Right Focus Pakistan denuncia le violenze compiute in nome della religione di fronte agli organismi internazionali. Due funzionari hanno visitato la sua casa e promesso “grav...

La sfida più complessa per il Mediterraneo: la plastica!

03 Dicembre 2019
La plastica in mare si conferma un nemico per tutto il Mediterraneo. Che fare? (Alessandro Graziadei)

Serre biologiche nel deserto, di necessità virtù?

02 Dicembre 2019
Il percorso del Qatar verso l’autosufficienza alimentare. (Anna Molinari)