Politica di coesione, dall’Europa più fondi per l’Italia: 43,4 miliardi di euro

Stampa

Mentre la dialettica politica italiana – e la prossima campagna elettorale, praticamente mai interrotta – sembra polarizzarsi sempre più in modo acritico tra fazioni pro- e contro- Europa, ieri la Commissione europea ha proposto la sua nuova politica di coesione per il bilancio Ue 2021-2027: ovvero verso quali fini impiegare e come distribuire tra i vari Stati membri 373 miliardi di euro (a prezzi correnti), all’interno della «principale politica di investimenti dell’Ue».

Il Pil pro capite resta il criterio predominante per l’assegnazione dei fondi, ma a questo criterio andranno ad affiancarsi – in modo da “rispecchiare più fedelmente la realtà”, spiegano da Bruxelles – disoccupazione giovanile, istruzione, basso livello di istruzione, cambiamenti climatici come pure accoglienza e integrazione dei migranti. Data dunque la nostra tutt’altro che rosea performance in questi ambiti, per l’Italia sembrano profilarsi buone notizie. Nonostante i tagli alla politica di coesione per circa il 10% rispetto al budget corrente, la quota di risorse distribuite al nostro Paese aumentano di circa il 6%, assestandosi a oltre 43,4 miliardi di euro (a prezzi correnti, 38,5 a prezzi costanti 2018) sui 373 disponibili; questo significa che è l’Italia lo Stato Ue che più beneficerà della politica di coesione europea dopo la Polonia (72,7 miliardi di euro) e prima della Spagna (38,3), se la proposta della Commissione sarà approvata.

Interessanti progressi si registrano anche sulla tipologia degli investimenti che la politica di coesione Ue andrà ad alimentare: «Nel prossimo decennio – ha dichiarato al proposito il vicepresidente della Commissione, Jyrki Katainen – la politica di coesione aiuterà tutte le regioni ad ammodernare le loro industrie e ad investire nell’innovazione e nella transizione verso un’economia circolare a basse emissioni di carbonio. La nostra proposta apporterà un ulteriore contributo a un contesto favorevole all’attività imprenditoriale in Europa, ponendo le basi necessarie alla crescita, alla creazione di posti di lavoro e agli investimenti».

Secondo Bruxelles infatti “la maggior parte degli investimenti a valere sul Fondo europeo di sviluppo regionale e sul Fondo di coesione sarà destinata all’innovazione, al sostegno delle piccole imprese, alle tecnologie digitali e alla modernizzazione industriale. Contribuirà inoltre alla transizione verso un’economia circolare a basse emissioni di carbonio e alla lotta contro i cambiamenti climatici, rispettando gli impegni assunti con l’accordo di Parigi”. E per accedere più agevolmente ai fondi messi a disposizione, la Commissione propone di ridurre la complessità delle norme nel prossimo bilancio a lungo termine dell’Ue, diminuendo la burocrazia e alleggerendo i controlli per le imprese e gli imprenditori che beneficiano del sostegno europeo.

La proposta della Commissione dovrà ora attraversare trattative non facili prima di potersi dire definitiva, e da Bruxelles non si mostrano particolarmente positivi sulle tempistiche. Un accordo nel 2019 sul prossimo bilancio a lungo termine consentirebbe infatti «una transizione agevole tra l’attuale bilancio a lungo termine (2014-2020) e quello successivo», ma la Commissione mette già le mani avanti: «In caso di ritardi analoghi a quelli verificatisi all’inizio dell’attuale periodo di bilancio 2014-2020, 100 000 progetti finanziati con fondi dell’UE potrebbero non essere avviati nei tempi previsti; molte scuole non potrebbero avviare i necessari lavori di ristrutturazione; le attrezzature mediche verrebbero consegnate in ritardo agli ospedali e le piccole imprese dovrebbero pianificare investimenti senza la necessaria certezza».

Da Greenreport.it

Ultime notizie

Quando la fame costringe ad emigrare

12 Novembre 2018
Un recente studio sulla fame nel mondo descrive una situazione molto preoccupante. (Lia Curcio)

Green economy contro la disoccupazione

11 Novembre 2018
Investire in green economy conviene, e non solo all’ambiente. 

Egitto: arrestarne uno per arrestarne altri cento

10 Novembre 2018
La cappa autoritaria di Al Sisi si fa sempre più pesante, con conseguenze che ci riguardano. (Michele Focaroli

2018. È allarme fascismo

09 Novembre 2018
9 novembre, Giornata internazionale contro il fascismo e l’antisemitismo. (Miriam Rossi)

18 anni e ricercatrice

08 Novembre 2018
18 anni ed avere già all'attivo un'esperienza da ricercatrice: l'avventura di una ragazza trentina presso l'Ifom di Milano. (Novella Benedetti)