Ong: "l'Italia cancelli l'illegittimo debito verso l'Ecuador per progetti fallimentari"

Stampa

La copertina del Rapporto della CRBM

Un'ampia coalizione di Ong italiane, ecuadoriane e internazionali ha scritto al Governo italiano per chiedere la cancellazione del debito illegittimo che l'Ecuador deve al nostro Paese. Lo riporta un comunicato della CRBM che si è fatta promotrice dell'iniziativa insieme a Mani Tese, il Centro Legale pro Afro Discendenti e Indigeni (CLAI), l’Associazione delle ONG Italiane, l’European Network on Debt and Development (EURODAD) e sette tra Ong e reti ecuadoriane parte del Gruppo Nazionale sul Debito oggi. In particolare le organizzazioni della società civile internazionale fanno riferimento all’analisi del debito effettuata dalla Commissione del governo ecuadoriano per la Revisione Integrale del Credito Pubblico (CAIC) che ha riscontrato elementi di "illegittimità e illegalità" nei crediti concessi, incluso quello accordato dal governo italiano per la realizzazione della centrale idroelettrica di Marcel Laniado De Wind, nei pressi della diga di Daule Peripa.

"Un prestito di circa 45 milioni di euro che però non ha portato ai risultati sperati" - sottolinea Elena Gerebizza della CRBM che ha presentatao un dettagliato rapporto sulla diga di Daule Peripa. La centrale, costruita da una cordata di imprese italiane guidate da Ansaldo, ha subito un incremento dei costi del 163%, dovuto anche alla decisione in corso d'opera di aumentarne la potenza. Tuttavia in base alla verifica tecnica della CAIC sembrerebbe che le turbine installate siano in realtà di potenza inferiore a quella dichiarata nel contratto, per cui il popolo ecuadoriano sta pagando un prezzo altissimo per un’opera di scarso valore, che non produce più di un terzo dell'energia attesa ed ha avuto delle conseguenze negative sotto vari punti di vista.

A quasi 30 anni dalla loro realizzazione, la diga di Daule Peripa e l’annessa centrale idroelettrica di Marcel Laniado De Wind hanno avuto impatti ambientali e sociali enormi. Il territorio che è stato inondato dal bacino artificiale era uno dei più fertili del Paese. Secondo il rapporto della CAIC, in seguito all'inondazione sono stati costretti ad abbandonare le proprie terre 14.965 contadini, mentre altre 63 comunità sono rimaste pressoché isolate. Le organizzazioni della società civile ecuadoriana sostengono che circa 50.000 persone siano state impattate direttamente e indirettamente dal bacino artificiale, senza mai venir compensate per le perdite subite. Non a caso la popolazione locale rimasta all'interno dell’area interessata dalle decine di frange d'acqua dell'invaso si trova in condizioni di povertà estrema, costretta a coltivare terre a bassissimo rendimento. L'indice di carenza di servizi di base tra le comunità all'interno dell'invaso è tra i più alti nel paese. Tra il 70 e il 90% degli abitanti non ha accesso ad acqua potabile ed è vittima di malattie come il dengue e la malaria.

"Questo debito è la conseguenza di un'operazione fallimentare della Cooperazione italiana, che ha peggiorato le condizioni di vita delle popolazioni che vivono nell'area e ha caricato sulle spalle dei più poveri in Ecuador il peso di un debito illegittimo che non deve più essere ripagato" - ha dichiarato Elena Gerebizza della CRBM. "Chiediamo al governo italiano di riconoscere la propria co-responsabilità nell'aver generato questo debito, e di procedere immediatamente alla sua cancellazione unilaterale e incondizionata" - ha concluso la Gerebizza.

Secondo la ‘Commissione governativa di indagine sul debito estero’ (Commissione di Auditoria Integrale del Credito Pubblico - CAIC) dell'Ecuador, il Paese avrebbe pagato quasi 120 miliardi di dollari ai suoi creditori tra il 1982 e il 2006 coprendo l'88% della cifra attraverso il ricorso a nuovi prestiti nel più classico dei circoli viziosi. Lo scorso dicembre il presidente dell'Ecuador, Rafael Correa ha ribadito l’intenzione di non ripagare i 30,6 milioni di dollari di cedole sulle obbligazioni in obbligazioni in scadenza, in quanto il debito estero del suo Paese è "illegittimo" e "immorale". [GB]

Ultime notizie

Studiare serve ancora? No, secondo il 14% dei giovani italiani

21 Novembre 2018
Pur diminuendo, la dispersione scolastica in Italia resta ancora alta. (Miriam Rossi)

È l’era delle rinnovabili?

20 Novembre 2018
Entro il 2035 il 20% del fabbisogno energetico globale arriverà da energia solare o eolica. Gli investitori lo sanno, ma i politici? (Alessandro Graziadei)

Chiapas: il primo festival di cinema zapatista

19 Novembre 2018
Dal 1 al 10 di novembre si é tenuto a Ovenitk il primo festival di cinema zapatista. (Michela Giovannini)

Moni Ovadia: diventiamo tutti attivisti di Pace

19 Novembre 2018
La questione in campo è assoluta: è la questione della vita. "Sono Moni Ovadia e sostengo ICAN (International Campaign to abolish nuclear weapons) campagna internazionale per l’...

I nuovi obiettivi Ue su rinnovabili ed efficienza energetica

18 Novembre 2018
Entro il 2030 le rinnovabili deve dovranno rappresentare almeno il 32% del consumo finale lordo dell'Unione europea. (Luca Aterini)