OPAL: Il gruppo Beretta sotto inchiesta in Finlandia

Stampa

“Il maggior produttore italiano di armi leggere ha utilizzato le carenze delle legislazioni nazionali ed europee per rifornire paesi in cui si sono violati i diritti umani”. La denuncia, rilanciata dall'Osservatorio OPAL di Brescia, viene dall'organizzazione non profit SaferGlobe Finland, che in un rapporto titolato Cosa è stato esportato a chi? (qui in finlandese in .pdf) ha messo sotto esame il sistema dei controlli sulle esportazioni di armi leggere e munizioni della Finlandia.

Nel rapporto finlandese, la ditta Beretta di Gardone Val Trompia è ripetutamente citata, e molti sospetti si sono concentrati sulla Sako, azienda finlandese con sede a Riihimäki (Finlandia) che fa parte del gruppo Beretta, produttrice di fucili sniper (cioè “da cecchino”) in dotazione alle forze speciali di numerosi paesi e in gara anche per rifornire i Green Berets USA.

A quanto risulta, 205 fucili Sako, modelli TRG-22 e TRG-42, sono stati consegnati alle Forze speciali del Bahrein nel gennaio 2011, cioè poche settimane prima dei gravi disordini scoppiati nella capitale Manama e dell’uccisione di numerosi manifestanti, colpiti da proiettili di fucile sparati proprio dai “cecchini” delle forze speciali governative. L'esportazione è avvenuta con una regolare licenza di tipo militare. Tuttavia, la Sako non ha richiesto lo stesso tipo di licenza per accessori e munizioni chiaramente collegabili alla stessa fornitura: si tratta di ben 20 tonnellate di munizioni speciali per fucili TRG e accessori (zaini, custodie, supporti bipiede), ottiche notturne e parti (canne, grilletti ecc.), tutti prodotti riferibili ai fucili TRG.

Alcune organizzazioni non profit finlandesi – tra cui Amnesty International, l'Unione finlandese per la Pace e il Comitato dei 100 – hanno citato in giudizio sia la Sako per non aver richiesto licenze militari anche per il materiale accessorio, sia il governo finlandese che non ha considerato 'militare' l'export di munizioni destinate ai fucili per sniper diretti in Bahrein.

Altre inchieste hanno poi svelato come il gruppo Beretta avrebbe fatto leva sulle debolezze della normativa finlandese ed europea per non specificare i destinatari finali reali delle armi esportate. Tra 2009 e 2011, infatti, la Sako ha esportato dalla Finlandia 1100 fucili TRG con licenze di tipo militare che indicavano come destinatario l'Italia, e precisamente la società Fabbrica d'Armi Pietro Beretta di Gardone V.T. Come OPAL ha potuto constatare, consultando le Relazioni sulle Operazioni autorizzate dal governo italiano secondo la legge 185/90, si sono verificati casi di licenze concesse dalle autorità italiane alla società Beretta per l'esportazione di fucili Sako TRG ad altri paesi, ad esempio 150 fucili all'Albania nel 2012.

«Sappiamo – commenta Piergiulio Biatta, presidente di OPAL - che già nell'aprile 2013 la direzione della Sako ha dichiarato alla stampa l'intenzione della casa-madre di Gardone di portare in Italia le produzioni di fucili militari, dal momento che il governo di Helsinki non aveva concesso licenze di esportazione verso paesi come la Giordania, l'Arabia Saudita e l'Ucraina. Più che una strategia industriale, pensiamo che si tratti di un tentativo di fare pressione sulle autorità locali per aggirare una legislazione – quella finlandese – che la società Beretta considera più rigida di quella italiana».

«Il caso di un'azienda multinazionale con molte sedi all'estero – sottolinea Carlo Tombola, coordinatore scientifico di OPAL – illustra bene la sfida posta dal recepimento della Posizione Comune europea. Il gruppo Beretta, infatti, controlla aziende produttive, oltre che in Italia, anche in Finlandia, in Germania, in Turchia e negli Stati Uniti, e possiede società prevalentemente commerciali in Spagna, Grecia, Francia, Portogallo, Svizzera, Canada, Russia e Cina. Lo spostamento di prodotti e semilavorati tra società controllate e la gestione delle esportazioni delle armi prodotte in Italia attraverso società poste fuori dell'Unione Europea ma direttamente guidate dalla direzione di Gardone V.T., rendono vane le legislazioni italiane ed europee. Si pensi che la controllata turca di Beretta, la Stoeger Silah Sanayi da Istanbul, esporta armi con marchi del gruppo Beretta verso altri 40 paesi del mondo».

Infine Giorgio Beretta, analista di OPAL, fa notare che «il fucile Sako nei due modelli TRG-22 e TRG-42, e soprattutto nella nuovissima versione M-10 multi-calibro, è un'arma molto sofisticata che, benché sia venduta anche sul mercato civile, è stata esplicitamente progettata per gli snipers, richiede munizioni potenti, può montare ottiche telescopiche e visori notturni esclusivamente in uso ai militari, ed è già stato impiegato in Afghanistan e in Iraq. È stato personalmente presentato da Franco Gussalli Beretta, amministratore delegato della ditta Beretta, al presidente kazako Nazarbayev durante la fiera di materiale militare KADEX tenutasi ad Astana nel marzo 2012, ed è già utilizzato dalle forze speciali del Kazakistan, un paese al centro di numerose denunce di violazione dei diritti civili e del “rimpatrio forzato” dall'Italia della signora Shalabayeva e di sua figlia».

A fronte delle continue esportazioni di armi dalla Provincia di Brescia verso paesi dove si verificano brutali repressioni da parte delle Forze dell’ordine e reiterate violazioni dei diritti umani, l’Osservatorio OPAL rinnova la richiesta al Questore di Brescia, Luigi De Matteo, di rendere noti gli effettivi destinatari e utilizzatori finali e la compatibilità di queste esportazioni con la normativa nazionale e dell’Unione Europea. [GB]

Ultime notizie

Giochi olimpici e paralimpici invernali 2026: ancora cemento

30 Novembre 2022
Il mantra “Olimpiadi uguale fondi, quindi sviluppo” appare essere il classico specchietto per le allodole. (Lucia Michelini)

Diventare “green” - #Diventaregreen

29 Novembre 2022
La transizione ecologica individuale, diventare “green” è un lusso che pochi si possono permettere. (Raffaele Crocco)

Angelo Righetti: «Il desiderio di esclusione non diventi pratica di esclusione»

28 Novembre 2022
È matto perché è pericoloso ed è pericoloso perché è matto: è la grande tentazione da evitare quando si parla di salute mentale, anche decenni dopo Basaglia. (Vita)

Balene: creature fragili e misteriose

28 Novembre 2022
Di tragedie o di scoperte fondamentali per la biologia, i cetacei sono protagonisti. (Anna Molinari)

Dossier/ Iran, Afghanistan e Golfo: i diritti violati delle donne

27 Novembre 2022
Nei Paesi del Golfo Persico, in Iran e in Afghanistan le discriminazioni nei confronti delle donne sono diffuse e, in vari casi, normate. (Atlante delle guerre e dei conflitti del Mondo)