ONG: forti dubbi sul 1% di Berlusconi

Stampa

Immagine

In risposta all'annuncio del presidente del Consiglio italiano di chiedere al prossimo G8 di portare l'aiuto per lo sviluppo dei paesi più poveri dallo 0,7 all'1% del PIL, il VIS (Volontariato Italiano Salesiano), in un recente comunicato ringrazia il Presidente del Consiglio Italiano per le parole spese ma invita Berlusconi a passare dalle parole ai fatti. Luigi Bobba delle Acli ha dichiarato: "Peccato che i paesi del G8 non abbiano mantenuto le promesse fatte fin dal 1999 al Vertice di Colonia e che l'Italia sia la maglia nera della compagnia: infatti non andiamo oltre lo 0,14%". Tra le richieste presentate dalle ONG si propone una nuova legge sulla cooperazione internazionale e l'inserimento nella riforma fiscale di misure per promuovere i prodotti del commercio equo e i titoli finanziari etici. Anche nel campo dell'aiuto umanitario l'attenzione rimane alta. A Goma, nella regione dei Grandi Laghi, per esempio, 740 orfani sono fuggiti davanti alla lava del Nyiragongo trovando rifugio dai missionari salesiani.
Pubblicato il: 31.01.2002
" Fonte: » Vis, Acli;
" Approfondimento: » Ong, Campagna Operazione Nocciolina, Focsiv, Cipsi, Cocis;

Ultime notizie

Tessere il filo del mare

18 Settembre 2019
Difendere i fondali del Mediterraneo attraverso un’arte millenaria. (Anna Molinari)

Countdown to extincion

17 Settembre 2019
Dieci anni fa le multinazionali aderenti al “Consumer Goods Forum” (CGF) si erano impegnate a fermare la deforestazione. Secondo Greenpeace non lo hanno fatto! (Alessandro Graziadei)

I dilemmi della lotta per il clima e l’ambiente

16 Settembre 2019
La crisi climatica al centro degli allarmi lanciati da Greta Thunberg marcia parallelamente a una crisi ambientale, anch’essa planetaria, come ci ricordano sempre quelli di Extinction Rebellion, la...

Terra di confine

16 Settembre 2019
Prosegue il mio viaggio nel "cratere" del Centro Italia. (Matthias Canapini)

Leah, la Greta d’Africa che sciopera da otto mesi in Uganda

15 Settembre 2019
C’è una ragazzina combattiva e determinata come Greta anche in Africa. Si chiama Namugerwa Leah, ha 15 anni e vive in Uganda. (Jacopo Storni)