Migranti d'Italia a Torino tra i CPT e l'ONU

Stampa

© Nè qui, nè altrove - manifestazione nazionale 30 novembre

A Torino è tutto pronto per la manifestazione nazionale Nè qui, nè altrove di sabato 30 contro la legge Bossi-Fini e per la chiusura dei Centri di Permanenza Temporanei, considerati i nuovi "lager per migrati". In Veneto, dopo l'emergenza per i rifugiati africani che avevano trovato "accoglienza" sui marciapiedi, resta la denuncia di Amnesty International, Consorzio Italiano di Solidarietà e Medici Senza Frontiere sulla precarietà del sistema di accoglienza italiano, mutilato pure dai tagli della Finanziaria. E' tensione tra governo e magistratura sulla norma che introduce il reato di clandestinità. Molti arresti non vengono convalidati perché contro la Costituzione e l'art. 121 del Codice penale come sottolineato nell'appello del Coordinamento Nazionale dei Giuristi Democratici e dell'Associazione Studi Giuridici sull'Immigrazione. Intanto, a Vicenza si discute su un'ordinanza anti-bivacchi che vieta di mangiare e dormire sulle panchine e sul manto erboso. Lo scorso 22 novembre è stato consegnata al Segretario delle Nazioni Unite Kofi Annan una Dichiarazione elaborata nell'ambito di un processo durato tre anni, da un gruppo di 600 persone, appartenenti a tutti i continenti, tra rappresentanti di organismi internazionali, accademici, membri della società civile e dell'imprenditoria, avendo come obiettivo quello di un riorientamento dell'approccio globale al fenomeno delle migrazioni, inclusa la questione dei rifugiati, volto a promuovere la costituzione di una rete di esperti in materia, il "Club dell'Aja", per un monitoraggio costante ed efficace. Il prossimo 18 dicembre si terrà la Giornata Internazionale dei Migranti che cade nell'anniversario della Convenzione Internazionale sulla protezione dei diritti per tutti i Migranti e le loro Famiglie adottata il 18 dicembre 1990 con il sostegno dell'associazione Migrants Rights International (MRI), il comitato direttore della campagna globale di ratifica della Convenzione internazionale sui diritti dei migranti e numerose altre associazioni. Questa giornata fu finalmente proclamata il 4 dicembre 2000. In Italia nasce Migra, la prima agenzia di informazione degli immigrati che verrà presentata a Roma giovedì 28 novembre.
Pubblicato il: 27.11.2002
" Fonte: » Nigrizia, Consiglio Italiano dei Rifugiati, Cestim, Adotta una Colf;
" Approfondimento: » Speciale sulla Convenzione al diritto di asilo, Progetto Meltingpot, San Papier, Guida Immigrazione, Diritto di asilo: risolta l'emergenza visibile Come gestire quella invisibile? ;

Ultime notizie

Countdown to extincion

17 Settembre 2019
Dieci anni fa le multinazionali aderenti al “Consumer Goods Forum” (CGF) si erano impegnate a fermare la deforestazione. Secondo Greenpeace non lo hanno fatto! (Alessandro Graziadei)

Terra di confine

16 Settembre 2019
Prosegue il mio viaggio nel "cratere" del Centro Italia. (Matthias Canapini)

Leah, la Greta d’Africa che sciopera da otto mesi in Uganda

15 Settembre 2019
C’è una ragazzina combattiva e determinata come Greta anche in Africa. Si chiama Namugerwa Leah, ha 15 anni e vive in Uganda. (Jacopo Storni)

Europa e Tunisia: un rapporto di buon vicinato?

14 Settembre 2019
Da tempo si discute di un accordo di libero scambio tra la UE e il Paese africano. Ma tra il dire e il fare c’è anche di mezzo l’olio… (Ferruccio Bellicini

Flat tax, disuguaglianze e le tasse dei futuri governi

13 Settembre 2019
Il cambiamento sociale dipende dalla distribuzione della ricchezza: le tasse vanno diminuite ai lavoratori e aumentate ai più ricchi.  Un pezzo di Salvatore Morelli, economista e membro d...