Mali: sovranità alimentare e ruolo delle donne

Stampa

Donne al lavoro nei campi in Mali - da nyeleni2007.org

Si è concluso la scorsa settimana in Mali il "Forum mondiale per la Sovranità Alimentare" al quale hanno partecipato oltre 500 delegati di organizzazioni femminili, contadine, indigene, di pastori e pescatori, movimenti ecologisti, comunità rurali e forestali provenienti da 80 paesi che hanno dichiarato il proprio impegno per un mondo dove siano i popoli a definire i propri sistemi alimentari e dove vengano riconosciuti i diritti e il ruolo delle donne nella produzione agricola. L'evento è stato organizzato da alcuni movimenti sociali internazionali come La Via Campesina, ROPPA (Rete di Organizzazioni dei Produttori allevatori e agricoltori dell'Africa Occidentale), la Marcia Mondiale delle Donne, il Comitato Internazionale di Pianificazione sulla Sovranità Alimentare, il Forum Mondiale dei Pescatori e Lavoratori della Pesca, il Forum Mondiale dei Popoli della Pesca, la Rete Mondiale per la Sovranità Alimentare, e gli Amici della Terra.

La dichiarazione finale del Forum di Nyéléni di fronte alle politiche agricole mondiali dettate dalle Organizzazione Mondiali e dalle Istituzioni finanziarie pone come orizzonte comune la Sovranità Alimentare che "ci dà la forza e il potere di conservare, recuperare e sviluppare le nostre conoscenze e le capacità acquisite nella produzione di alimenti" , anteponendole alle esigenze dei mercati e delle imprese, difendendo gli interessi delle prossime generazioni. Come si legge nel comunicato "La Sovranità Alimentare dà la priorità alle economie e ai mercati locali e nazionali, e fa prevalere l'agricoltura contadina e familiare, la pesca tradizionale e la dignità dei pastori, insieme a una produzione, distribuzione, e consumo alimentare basati sulla sostenibilità ambientale, sociale e economica".

Le delegate e i delegati intervenuti a Nyéléni 2007 hanno dichiarato di combattere per un mondo dove siano i popoli a definire propri sistemi alimentari, e dove vengano riconosciuti i diritti e il ruolo delle donne nella produzione agricola. Chiedono vere riforme agrarie che riconoscano il pieno diritto alla terra per i contadini, che difendano e recuperino i territori dei popoli autoctoni, che venga affermato come diritto universale l'autodeterminazione delle popolazioni nella scelte e nello sviluppo agricolo, nel sud del mondo come per i piccoli produttori occidentali.

"Il Forum è stata l'occasione per un importante confronto - afferma Sergio Marelli, presidente del Comitato Italiano per la Sovranità Alimentare - a livello mondiale sulle tematiche e sulle sfide che ci toccano da vicino. Il nostro lavoro come sottoscritto in Mali ha l'obiettivo generale di affermare la Sovranità Alimentare come diritto che deve essere recepito dagli ordinamenti giuridici internazionali. Il prossimo impegno che ci vedrà protagonisti sarà il grande Forum Europeo sulla Sovranità Alimentare organizzato a Budapest per fine settembre: da tutta Europa, dai contadini russi a quelli portoghesi, i delegati discuteranno insieme e lanceranno proposte per le politiche agricole in Europa".

"Tre le priorità: l'appuntamento del 2008, tra un anno si valuteranno con l'analisi di medio termine i risultati della PAC, la Politica Agricola Comune dell'Europa, varata nel 2003 e di cui ci prepareremo a chiedere con una decisa battaglia la riforma; la discussione in seno alla Commissione Europea sulla soglia di tolleranza nei cibi e prodotti biologici di transgenico; inoltre, l'Europa dopo aver chiesto un'improbabile "coesistenza" tra biologico e OGM nelle nostre agricolture, ora cerca di far passare ed accettare l'inevitabile contaminazione delle sementi e delle coltivazioni biologiche introducendo la percentuale dello 0,9 tollerata di OGM nei prodotti BIO; infine ma ugualmente fondamentale la questione degli accordi di partenariato, gli EPA, gli accordi di scambio bilaterali che l'Europa vuole imporre ai paesi del sud in contrasto con le richieste degli agricoltori".

E sempre nel Mali, a Bamako, la viceministro agli Affari esteri, Patrizia Sentinelli tra gli impegni della cooperazione italiana in Africa occidentale ha sottolineato il sostegno alle reti della società civile specializzate - come quelle nel settore agricolo - dando una particolare attenzione al ruolo delle nuove generazioni di donne e delle donne africane della diaspora che hanno costruito reti e ponti di collegamento con i loro Paesi d'origine".

La Direzione generale per la cooperazione italiana ha annunciato lo stanziamento di un fondo per programmi di sviluppo in Africa Occidentale di 15 milioni di euro che riguarderanno in modo particolare il sostegno all'imprenditoria e all'associazionismo. "Vogliamo dare un segno, il programma comincerà proprio dalle donne, sostenendo la loro iniziativa per lo sviluppo con programmi in collaborazione con i governi e le organizzazioni non governative che operano in quest`area. Manderemo dei fondi alle unità tecniche della cooperazione in Senegal e Burkina Faso. In Sierra Leone, in Mali e Mauritania verranno istituite delle rappresentanze della cooperazione italiana che faranno da antenne e monitoreranno soprattutto la gestione dei conflitti. A Roma faremo una riunione di seguito a questa conferenza" - ha annunciato il direttore generale della cooperazione, Alain Economides.

La conferenza "Le donne protagoniste: dialogo tra i Paesi dell'Africa Occidentale e la Cooperazione Italiana" che si è svolta lo scorso fine settimana è stata un primo passo per un "dialogo di cooperazione" aperto e continuo con le differenti realtà regionali africane" e l'occasione per fare un bilancio del lavoro svolto dalla cooperazione italiana in Africa, soprattutto per quanto riguarda la parità di genere. [GB]

Ultime notizie

Il Senegal ha sete

14 Ottobre 2019
La crisi idrica causata da un ritardo della stagione delle piogge e le anomalie della produzione di biomassa mettono in ginocchio il nord del Paese africano. (Lucia Michelini)

Pescara: dalla periferia nasce una nuova mappa del bene comune

13 Ottobre 2019
Al via cinque progetti realizzati da reti di associazioni con il supporto del Csv locale.

Saturday For Future

12 Ottobre 2019
Un giorno buono per fare qualcosa contro il cambiamento climatico? Tutti, ma soprattutto il sabato. (Lia Curcio)

Cosa c’è nella plastisfera del Santuario dei Cetacei?

11 Ottobre 2019
Secondo Expèdition Med e Legambiente, la plastisfera si può definire «un nuovo ecosistema marino sviluppatosi intorno ai rifiuti plastici, composto da microorganismi potenzialmente dannosi per pesc...

Rete Disarmo: stop ad armi italiane verso la Turchia dopo inizio bombardamenti in Siria

11 Ottobre 2019
Rete Disarmo esprime una "Forte preoccupazione per le notizie che giungono dalle aree controllate dalle forze curde. La Turchia è uno dei principali clienti dell’industria bellica italiana: ne...