Madagascar: dopo il ciclone al lavoro per scongiurare epidemie

Stampa

Madagascar - da VIS

Si lotta per scongiurare epidemie di colera, tifo e dissenteria a Bemaneviky, villaggio a nord del Madagascar, colpito due settimane fa dal violentissimo ciclone Indlala, seguito a distanza di pochi giorni da un altro uragano dalla forza dirompente. Una situazione di emergenza umanitaria che, sin dalle prime ore, i Salesiani della Missione di Bemaneviky stanno cercando di fronteggiare.

Una enorme massa d'acqua si è abbattuta su tutta la regione del fiume Sambirano e dei suoi affluenti che hanno rotto gli argini inondando la vallata per chilometri e chilometri. Le campagne e i villaggi sono stati sommersi da una coltre di melma malsana, fango, detriti ed acqua - che ha raggiunto livelli anche di tre metri - con conseguenze devastanti: alberi sradicati, capanne distrutte, abitazioni compromesse, strade interrotte, campi di riso, fagioli, mais spazzati via, tanti gli animali annegati. Pesante il bilancio umano: quindici i morti; più di 20 mila gli sfollati. Circa 2 mila persone del villaggio di Bemaneviky hanno trovato rifugio al primo piano della locale casa Salesiana e nella Chiesa sopraelevata.

È salito a 88 morti, una trentina di dispersi e 137.605 disastrati - di cui almeno 30.000 senza tetto - il bilancio ufficiale del devastante passaggio del ciclone 'Indlala' abbattutosi sul nord dell'isola alla metà di marzo, mentre è in corso l'allerta per l'arrivo di un nuovo fenomeno atmosferico, 'Jaya', che dovrebbe toccare le coste malgasce domani nel primo pomeriggio, preceduto da venti fino a 200 chilometri orari - riporta oggi l'agenzia Misna.

Don Saro Vella, direttore della Missione Salesiana di Bemaneviky racconta di uno scenario desolante: intere famiglie rimaste senza tetto e senza mezzi di sostentamento, l'80% delle coltivazioni andato distrutto - riporta il VIS.

Un lavoro ininterrotto di assistenza e distribuzione di cibo, medicine e vestiti, attinti da scorte che si stanno esaurendo. Inoltre, a preoccupare seriamente è l'aspetto sanitario: cominciano ad emergere i primi problemi intestinali, causati dall'acqua non potabile - i più colpiti sono i bambini - insieme al fondato timore che possano diffondersi epidemie di colera e tifo.

Grazie ai primi fondi in arrivo dall'Italia si sta già avviando un progetto di assistenza e ricostruzione, per riportare la gente dell'intera area colpita dal ciclone alla normalità.

Ultime notizie

La terra che dorme

21 Marzo 2019
A Ulan Udè (la Porta Rossa) diparte la Transmongolica, ferrovia a binario unico e non elettrificata, che attraversa la Mongolia passando per Ulan Bator. (Matthias Canapini)

Jair Bolsonaro e il futuro dei circa 300 popoli indigeni

20 Marzo 2019
Bolsonaro fin dal primo giorno di mandato non ha perso occasione per attaccare i diritti territoriali dei popoli indigeni del Brasile. (Alessandro Graziadei)

La nuova destra europea frena la lotta al riscaldamento globale

20 Marzo 2019
Sul finire di un inverno insolitamente tiepido su tutta l’Europa occidentale, bisogna chiedersi: l’Unione europea sarà in grado di fare la sua parte per contrastare il riscaldamento globale? Stiamo...

Economia circolare: l’Ue alla ricerca dell’anello mancante

19 Marzo 2019
La Commissione europea ha pubblicato una relazione completa sull’attuazione del piano d’azione per l’economia circolare adottato nel dicembre 2015  «per spianare la strada verso un’e...

La verità sull’industria del latte

19 Marzo 2019
Cosa succede quando si perde di vista la realtà. (Anna Molinari)