Madagascar: dopo il ciclone al lavoro per scongiurare epidemie

Stampa

Madagascar - da VIS

Si lotta per scongiurare epidemie di colera, tifo e dissenteria a Bemaneviky, villaggio a nord del Madagascar, colpito due settimane fa dal violentissimo ciclone Indlala, seguito a distanza di pochi giorni da un altro uragano dalla forza dirompente. Una situazione di emergenza umanitaria che, sin dalle prime ore, i Salesiani della Missione di Bemaneviky stanno cercando di fronteggiare.

Una enorme massa d'acqua si è abbattuta su tutta la regione del fiume Sambirano e dei suoi affluenti che hanno rotto gli argini inondando la vallata per chilometri e chilometri. Le campagne e i villaggi sono stati sommersi da una coltre di melma malsana, fango, detriti ed acqua - che ha raggiunto livelli anche di tre metri - con conseguenze devastanti: alberi sradicati, capanne distrutte, abitazioni compromesse, strade interrotte, campi di riso, fagioli, mais spazzati via, tanti gli animali annegati. Pesante il bilancio umano: quindici i morti; più di 20 mila gli sfollati. Circa 2 mila persone del villaggio di Bemaneviky hanno trovato rifugio al primo piano della locale casa Salesiana e nella Chiesa sopraelevata.

È salito a 88 morti, una trentina di dispersi e 137.605 disastrati - di cui almeno 30.000 senza tetto - il bilancio ufficiale del devastante passaggio del ciclone 'Indlala' abbattutosi sul nord dell'isola alla metà di marzo, mentre è in corso l'allerta per l'arrivo di un nuovo fenomeno atmosferico, 'Jaya', che dovrebbe toccare le coste malgasce domani nel primo pomeriggio, preceduto da venti fino a 200 chilometri orari - riporta oggi l'agenzia Misna.

Don Saro Vella, direttore della Missione Salesiana di Bemaneviky racconta di uno scenario desolante: intere famiglie rimaste senza tetto e senza mezzi di sostentamento, l'80% delle coltivazioni andato distrutto - riporta il VIS.

Un lavoro ininterrotto di assistenza e distribuzione di cibo, medicine e vestiti, attinti da scorte che si stanno esaurendo. Inoltre, a preoccupare seriamente è l'aspetto sanitario: cominciano ad emergere i primi problemi intestinali, causati dall'acqua non potabile - i più colpiti sono i bambini - insieme al fondato timore che possano diffondersi epidemie di colera e tifo.

Grazie ai primi fondi in arrivo dall'Italia si sta già avviando un progetto di assistenza e ricostruzione, per riportare la gente dell'intera area colpita dal ciclone alla normalità.

Ultime notizie

Agua limpia, por favor

23 Gennaio 2019
Le radici dell’acqua – o della sua mancanza. (Anna Molinari)

La primavera araba e l'inverno di Tunisi

22 Gennaio 2019
A scendere in piazza non sono stati i giovani ma i meno giovani, i tutelati, gli organizzati, coloro che “sanno stare assieme” sotto l'ombrello del potente sindacato UGTT. (Fabio Pipinato)

Disabili e mobilità europea: una storia in costruzione

21 Gennaio 2019
Dati e volti del progetto Erasmus con i disabili come partecipanti. (Miriam Rossi)

Processi sommari e pena di morte: così ci si sbarazza delle "donne dell'Isis"

21 Gennaio 2019
Medio Oriente. Il duro prezzo pagato dalle mogli dei miliziani islamisti nei tribunali di Iraq e Siria del nord. Almeno 4.500 le donne arrivate da tutto il mondo. Solo una minima parte di...

L'angelo Zeal gira negli ospedali per liberare pazienti «prigionieri»

20 Gennaio 2019
In 30 Paesi del mondo le strutture sanitarie si trasformano in centri di detenzione quando i malati non possono pagare. In Nigeria un cittadino li salva. (Michele Farina)