Madagascar: dopo il ciclone al lavoro per scongiurare epidemie

Stampa

Madagascar - da VIS

Si lotta per scongiurare epidemie di colera, tifo e dissenteria a Bemaneviky, villaggio a nord del Madagascar, colpito due settimane fa dal violentissimo ciclone Indlala, seguito a distanza di pochi giorni da un altro uragano dalla forza dirompente. Una situazione di emergenza umanitaria che, sin dalle prime ore, i Salesiani della Missione di Bemaneviky stanno cercando di fronteggiare.

Una enorme massa d'acqua si è abbattuta su tutta la regione del fiume Sambirano e dei suoi affluenti che hanno rotto gli argini inondando la vallata per chilometri e chilometri. Le campagne e i villaggi sono stati sommersi da una coltre di melma malsana, fango, detriti ed acqua - che ha raggiunto livelli anche di tre metri - con conseguenze devastanti: alberi sradicati, capanne distrutte, abitazioni compromesse, strade interrotte, campi di riso, fagioli, mais spazzati via, tanti gli animali annegati. Pesante il bilancio umano: quindici i morti; più di 20 mila gli sfollati. Circa 2 mila persone del villaggio di Bemaneviky hanno trovato rifugio al primo piano della locale casa Salesiana e nella Chiesa sopraelevata.

È salito a 88 morti, una trentina di dispersi e 137.605 disastrati - di cui almeno 30.000 senza tetto - il bilancio ufficiale del devastante passaggio del ciclone 'Indlala' abbattutosi sul nord dell'isola alla metà di marzo, mentre è in corso l'allerta per l'arrivo di un nuovo fenomeno atmosferico, 'Jaya', che dovrebbe toccare le coste malgasce domani nel primo pomeriggio, preceduto da venti fino a 200 chilometri orari - riporta oggi l'agenzia Misna.

Don Saro Vella, direttore della Missione Salesiana di Bemaneviky racconta di uno scenario desolante: intere famiglie rimaste senza tetto e senza mezzi di sostentamento, l'80% delle coltivazioni andato distrutto - riporta il VIS.

Un lavoro ininterrotto di assistenza e distribuzione di cibo, medicine e vestiti, attinti da scorte che si stanno esaurendo. Inoltre, a preoccupare seriamente è l'aspetto sanitario: cominciano ad emergere i primi problemi intestinali, causati dall'acqua non potabile - i più colpiti sono i bambini - insieme al fondato timore che possano diffondersi epidemie di colera e tifo.

Grazie ai primi fondi in arrivo dall'Italia si sta già avviando un progetto di assistenza e ricostruzione, per riportare la gente dell'intera area colpita dal ciclone alla normalità.

Ultime notizie

Francesca, la sua laurea fa notizia

16 Giugno 2019
Francesca ha la sindrome di Usher e in Italia è fra le prime persone con sordocecità ad aver raggiunto il traguardo della laurea. (Sara De Carli)

Danzare – e vivere – in 3D

15 Giugno 2019
Sindri Runudde, ballerino e artista, ci parla della sua arte e del suo modo di interpretare la vita – da una prospettiva queer e legata alla disabilità.  (Novella Benedetti)

Quando la solidarietà viene premiata…

14 Giugno 2019
La storia di un progetto di accoglienza che dalla Siria ha portato una famiglia in Trentino nel paese di Caderzone Terme. Con riconoscimento finale. (Piergiorgio Cattani)

Hasankeyf: l’acqua alla gola

13 Giugno 2019
Nel mese di giugno diverrà operativa in Turchia la diga Ilisu. Spariranno per sempre sott'acqua un centinaio di villaggi. Tra questi anche il simbolo di questo disastro sociale ed ambientale, la ci...

E la luna bussò nel Maghreb

13 Giugno 2019
Dispetti lunari e calcistici allargano le divisioni da tempo esistenti fra i cinque Paesi dell’UMA, l'Unione Maghrebina Araba. (Ferruccio Bellicini)