Lesotho: Impregilo colpevole di corruzione

Stampa

Lesotho: la diga di Katse - da impregilo.it

La "nuova" Impregilo ha ammesso le responsabilità della vecchia società nel processo per corruzione in merito all'aggiudicazione di appalti per il Lesotho Highlands Water Project, il progetto di gestione delle acque più importante al mondo dopo la diga delle Tre Gole in Cina. Per aver interferito al corso della giustizia, impedendo l'acquisizione di una serie di documenti che avrebbero fatto luce sui pagamenti illeciti eseguiti negli anni novanta dall'intermediario della "vecchia" Impregilo, il tribunale del piccolo Paese africano ha imposto all'importante impresa di costruzioni italiana il pagamento della somma di 15 milioni di rand, ovvero circa 1,5 milioni di euro - riporta la Campagna per la Riforma della Banca mondiale (CRBM).

Il progetto del Lesotho Highlands Water Project - le cui due dighe maggiori sono quella diKatse e quella di Mohale Dam - ha oramai una storia pluriennale e si intreccia da tempo con il caso di corruzione che vede coinvolte 14 multinazionali del settore delle infrastrutture di numerosi paesi occidentali. Finanziamenti per l'opera, che ha un valore complessivo di oltre 4 miliardi di dollari, sono stati erogati anche da istituzioni pubbliche come la Banca mondiale, la Banca europea per gli investimenti (con fondi per 122,5 milioni di euro) e le principali agenzie di credito all'esportazione europee, tra cui l'italiana Sace e le sue corrispettive in Francia, Gran Bretagna e Germania. Le prime due sentenze per la canadese Acres International e la tedesca Lahmeyer sono già state formulate con condanne a pagamenti di sanzioni per aver versato mazzette al fine di aggiudicarsi l'appalto, che ammontano rispettivamente a circa 2 milioni e a 670mila dollari.

La Campagna per la riforma della banca mondiale (Crbm), organizzazione che segue da anni la vicenda, sottolinea come la Banca mondiale si sia a lungo opposta alla sostituzione dell'ex direttore Sole e abbia assolto con molta fretta, dopo un'indagine interna, i funzionari incaricati di seguire il progetto. Il destinatario di più di 2 milioni di dollari in tangenti, un pubblico ufficiale del Lesotho di nome Sole, è poi stato condannato a 18 anni di prigione, mentre le compagnie sono ora singolarmente a processo.

"Mentre il Presidente della Banca mondiale Paul Wolfowitz combatte la corruzione solo a parole, i coraggiosi magistrati di un piccolo Paese africano muovono condanne esemplari, che mostrano come le multinazionali nell'ambito dei progetti finanziati dalla Banca siano una delle maggiori cause della corruzione a danno dei poveri del pianeta" ha dichiarato Antonio Tricarico, coordinatore della CRBM. E' palese che l'Impregilo ha ostacolato chi voleva fare giustizia anche in nome dei poveri del Lesotho che ancora aspettano benefici dal mega-progetto. La Banca mondiale nello spirito delle sue lineeguida contro la corruzione, ne deve prendere atto e conseguentemente sanzionare l'impresa italiana" - ha concluso Tricarico. [GB]

Ultime notizie

Italia: persiste tra uomo e donna un gap enorme

20 Luglio 2019
Occupazione, politiche per le famiglie e pari opportunità sono fattori che s’intrecciano con le disparità di genere. (Lia Curcio)

Plastica: siamo più consapevoli del problema, ma…

19 Luglio 2019
Siamo più consapevoli dei problemi legati all'inquinamento da plastica, ma solo ora iniziamo a prendere in considerazione le possibili soluzioni. (Alessandro Graziadei)

Aree protette, una ricchezza per l’Europa

18 Luglio 2019
Giovani, comunità e natura: è qui il futuro dell’Europa. (Anna Molinari)

Balcani occidentali, la libertà dei media continua a deteriorarsi

18 Luglio 2019
I giornalisti investigativi dei Balcani occidentali hanno espresso il proprio malcontento nei confronti del sistema giudiziario nei rispettivi paesi. Le loro esperienze con giudici e pubblici minis...

Guerra del Nilo: Egitto-Etiopia, l’acqua per vivere

17 Luglio 2019
Una gigantesca diga bloccherà gran parte delle acque del ramo “Azzurro” assetando il Paese dei faraoni. Tensione anche tra il Cairo e Gerusalemme: gli israeliani hanno venduto un sistema anti-...