Le proteste dei profughi a Woomera

Stampa

E' sempre drammatica la protesta dei profughi in attesa di asilo a Woomera (Australia), che ha visto il tentativo di suicidio da parte di 11 ragazzini afgani. Lo sciopero della fame, arrivato al suo quattordicesimo giorno, è condotto da 376 persone, 46 delle quali si sono cucite le labbra. Nel frattempo la protesta ha raggiunto anche il campo di Curtin (1.300 chilometri a nord di Perth, sudovest dell'Australia). Numerose associazioni per i diritti umani, tra cui Amnesty Interntional e comunità religiose, hanno invitato il governo australiano a liberare i profughi, assumendosi maggiori responsabilità riguardo l' angosciante situazione di chi chiede asilo. Tuttavia il primo ministro John Howard ha dichiarato che le severe politiche anti-immigrazione del governo di Canberra non verranno modificate. Mentre Amnesty International ricorda anche che l'Italia è l'unico tra i Paesi dell'Unione Europea a non essersi ancora dotato di una legge organica in materia di asilo, benché questo diritto sia garantito dalla Costituzione e dalla legislazione internazionale, il gruppo dei "Disobbedienti" ha effettuato un'azione di protesta contro i Centri di permanenza temporanea in Emilia Romagna, definiti dai manifestanti "i nuovi carceri etnici".
Pubblicato il: 29.01.2002
" Fonte: » Misna, Carta, Amnesty International, Redattore Sociale, Sherwood, Indymedia, Il Manifesto;

Ultime notizie

Buone notizie: il primo stop al glifosate arriva dall’Austria

21 Luglio 2019
Una buona notizia per la salute nostra e dell’ambiente è arrivata nei giorni scorsi dall’Austria.

Italia: persiste tra uomo e donna un gap enorme

20 Luglio 2019
Occupazione, politiche per le famiglie e pari opportunità sono fattori che s’intrecciano con le disparità di genere. (Lia Curcio)

Plastica: siamo più consapevoli del problema, ma…

19 Luglio 2019
Siamo più consapevoli dei problemi legati all'inquinamento da plastica, ma solo ora iniziamo a prendere in considerazione le possibili soluzioni. (Alessandro Graziadei)

Aree protette, una ricchezza per l’Europa

18 Luglio 2019
Giovani, comunità e natura: è qui il futuro dell’Europa. (Anna Molinari)

Balcani occidentali, la libertà dei media continua a deteriorarsi

18 Luglio 2019
I giornalisti investigativi dei Balcani occidentali hanno espresso il proprio malcontento nei confronti del sistema giudiziario nei rispettivi paesi. Le loro esperienze con giudici e pubblici minis...