La nostra democrazia a sovranità limitata

Stampa

Immagine: Remocontro.it

Si fa presto a dire che il nostro Paese sullo scenario internazionale conta come il due di coppe a briscola quando regna bastoni. Che dovrebbero fare di più di quanto fanno o non fanno quelli che governano? Gestiscono una barchetta che naviga a vista, impegnati da decenni a fare la centesima legge elettorale, la millesima legge sul decoro, a inseguire misero consenso sparando alzo zero, a combattere nelle arene televisive per lo slogan più accattivante, per cavalcare il brivido del marketing della politica.

Che dovrebbero decidere, di testa loro e per il bene del Paese, quando le decisioni le prendono altrove, in altre sedi, per altre finalità strategiche. Viviamo in una democrazia a sovranità limitata. Ci sono delle regole da rispettare. Alcune fatte di trattati, alleanze e rapporti tra governi; altre oscure, figlie di quel livello segreto che innerva la democrazia asimmetrica. 

Dovrebbero provare a tenere la schiena dritta sul piano internazionale? Pretendere rispetto istituzionale? Ma avete presente che cosa è oggi il turbocapitalismo? Chi comanda le democrazie? Come si muovono i mercati?
E a voi, poveri illusi, opinionisti quattro stagioni sembra una cosa da niente? Ma per caso avete dato uno sguardo alla storia recente del nostro Paese, a quello che è accaduto su queste nostre strade dal dopoguerra a oggi? Sapete della strategia della tensione? Del tintinnare di sciabole? Degli omicidi selettivi, della presenza per decenni di tutte le forme di eversione democratica conosciute? Conoscete la storia di Enrico Mattei? E quella di Aldo Moro che col Muro di Berlino in piedi, e una guerra fredda ancora in azione, voleva sdoganare il Pci? E Gladio? E la quantità enorme di uomini di giustizia e speranza fatti fuori selettivamente? E la mafia invincibile, non ci avete fatto caso? E Andreotti? E Craxi? E le privatizzazioni insensate del patrimonio nazionale? 

Ancora mi venite a dire che il nostro Paese conta zero?  Conta quello che vale. 

Antonio Cipriani da Remocontro.it

Ultime notizie

“Gender” e diritti nel vocabolario della diversità

19 Febbraio 2020
Pari opportunità vuol dire anche ricerca, informazione, servizi, riconoscimenti. (Anna Molinari)

Droga: Sirisena imitava Duterte?

18 Febbraio 2020
La Corte suprema dello Sri Lanka ha deciso di sospendere per la seconda volta l’applicazione della sentenza di morte per i trafficanti di droga. È incostituzionale. (Alessandro Graziadei)

Rendere sostenibile l’Italia mettendo in rete esperienze e progetti

17 Febbraio 2020
Leonardo Becchetti, docente di Economia politica all'Università Tor Vergata, è stato scelto dal ministro dell'Ambiente Costa per presiedere un Gruppo di studio su economia e sviluppo sostenibile, c...

Impressioni sul coronavirus da Dakar

17 Febbraio 2020
Si è parlato molto della possibile diffusione del virus in Africa anche a causa della massiccia presenza cinese. Ma cosa succede realmente sul terreno? (Lucia Michelini)

L’omofobia diventa un reato in Svizzera

16 Febbraio 2020
Una nuova legge approvata in Svizzera consente di condannare discriminazioni e insulti basati sull’orientamento sessuale. (Andrea Barolini)