La crisi idrica vista dagli ambientalisti

Stampa

© Governo Italiano - Crisi idrica

L'emergenza acqua e i piani che il Governo sta varando contro la siccità vedono in questi giorni interventi propositivi e critici da parte delle associazioni ambientaliste italiane. Il Comitato italiano per il contratto dell'acqua e Cipsi sono intervenuti sul problema denunciando la logica degli interventi governativi che "continuano nella linea degli interventi d'emergenza e paradossalmente puntano a dare risposte emergenziali a sostegno dell'agricoltura che, insieme all'industria, è fra i maggiori consumatori ed utilizzatori delle riserve di acqua disponibili proprio nelle regioni a più alta crisi idrica". Il Wwf tramite il portavoce Fulco Pratesi ha scritto al Presidente Silvio Berlusconi e ai ministri competenti perchè si faccia la mappa degli sprechi, considerando che l'Italia è al primo posto nell'Unione Europea per prelievo d'acqua procapite, con 980 metri cubi all'anno per ciascun abitante. Legambiente ricorda che in Italia sono già 170 i soggetti istituzionali ordinariamente preposti alla gestione delle risorse idriche nazionali e critica la super struttura emergenziale prevista dall'esecutivo sostenendo che così facendo "il Governo proclama l'emergenza al quadrato, mentre una legge ordinaria come la legge Galli, che avrebbe dovuto razionalizzare l'uso dell'acqua nel nostro paese, è ancora disattesa soprattutto nelle regioni più colpite dalla siccità".
Pubblicato il: 19.07.2002 " Fonte: » Cipsi, WWF, Legambiente Senato, Corpo forestale, Governo Italiano ;

Ultime notizie

Spazio al bosco, e le specie spariscono

23 Settembre 2019
Che l’uomo intervenga o si assenti, per la sopravvivenza dell’ecosistema avrà sempre una responsabilità. (Anna Molinari)

Giornata del dono, coinvolti centinaia di studenti

22 Settembre 2019
Sono 80 gli istituti scolastici che hanno aderito al progetto #DonoDay2019, realizzato in collaborazione con il Miur. 

Abbiamo solo 11 anni per salvare la nostra specie

21 Settembre 2019
Ci avviciniamo al prossimo evento, venerdì 27 settembre, organizzato dai giovani dei "Fridays for Future”. (Lia Curcio)

La guerra nel nome della pace

20 Settembre 2019
Attorno ad Idlib continuano i combattimenti, la fuga dei cittadini, le morti, le distruzioni. Il ruolo della Turchia è sempre più ambiguo, nei suoi giochi anti-curdi tra Mosca, Washington e Damasco...

Presidenziali in Tunisia: vincono astensione e populismo anti-casta

20 Settembre 2019
Al ballottaggio per eleggere il nuovo presidente tunisino si affronteranno due candidati controversi e fuori dagli schemi tradizionali. (Ferruccio Bellicini