La Bossi-Fini è per la clandestinità

Stampa

Immagine

A seguito delle prime audizioni in Commissione Affari Costituzionali, la Federazione di 52 Ong di volontariato internazionale - FOCSIV, esprime la propria preoccupazione per un disegno di legge Bossi-Fini che di fatto può alimentare la clandestinità. L'esperto Marco Paggi per Meltingpot ha riportato commenti duri per quanto riguarda la sponsorizzazione, il contratto di soggiorno, il rinnovo del permesso di soggiorno, il controllo delle frontiere e l'asilo. E proprio in materia di asilo, nei giorni scorsi due casi emblematici: nei pressi di Ferrara, 46 clandestini curdi sono stati scoperti e gli è stato fatto il solito invito a uscire dal Paese. Nella vicina Venezia, due famiglie kurde da anni in Italia, in possesso di regolare status di rifugiati con diritto di asilo hanno occupato due appartamenti dell'ATER, sfitti da anni. Per questi ed altri motivi il movimento Kurdo invita a manifestare i prossimi 9 a Milano e 14 a Roma per la libertà e la pace, anche in presenza del Papa.
Pubblicato il: 06.12.2001
" Fonte: » FOCSIV, Consiglio Italiano Rifugiati, Sherwood, Meltingpot, Azad - Kurdistan;

Ultime notizie

Un disastro chiamato Yemen (1)

15 Luglio 2019
Le origini dai moti del 2011. (Michele Focaroli)

I ragazzi del circolo «La Gru» creano un giardino da una discarica

14 Luglio 2019
L’impresa (riuscita) di Aldo Bifulco, professore di scienze in pensione, che a Scampia ha saputo aggregare le energie dei più giovani attorno a una sfida ambientale. (Sara Gandolfi) 

Al via il 26° Premio del Volontariato Internazionale FOCSIV 2019

13 Luglio 2019
Entro il 26 agosto sarà possibile candidarsi al 26° Premio del Volontariato Internazionale FOCSIV 2019.

Enea, l’Italia resta indietro sul clima

12 Luglio 2019
L’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile ha appena pubblicato l’ultima Analisi trimestrale del sistema energetico italiano: nel I trimestre 20...

Ombre sulla legalizzazione della cannabis in Uruguay

12 Luglio 2019
L’esempio uruguayano dimostra come la liberalizzazione della droga leggera abbia anche effetti negativi, da non sottovalutare. (Marco Grisenti