La Bayer ritira la denuncia contro gli ambientalisti

Stampa

Gli attivisti per la difesa dell'ambiente hanno vinto una battaglia legale contro la Bayer per il diritto di pubblicizzare i potenziali pericoli dei pesticidi. La Bayer è stata costretta a rinunciare a una battaglia legale contro Friends of the Earth UK (FoE). Una vittoria importante nella campagna per una maggiore informazione sui pesticidi. Gli attivisti di FoE erano riusciti ad ottenere alcuni studi sulla sicurezza sottoposti dalla Bayer all'ispettorato svedese responsabile per la regolamentazione dell'uso di pesticidi. I documenti furono consegnati dal governo svedese in accordo con la propria legge sulla libertà di informazione. La Bayer ha intimato a FoE di non divulgare che era venuta in possesso di tali studi né di fornire informazioni su come ottenere altri studi simili. FoE si è rifiutata.

La compagnia, che ha un giro di affari di 30 miliardi di Euro, ha minacciato di citare FoE per danni. FoE ha impugnato l'ingiunzione e questa settimana la Bayer l'ha ritirata e ha promesso che non compirà ulteriori passi legali. "Questa è una ritirata umiliante per la Bayer, un vero "bullo" delle biotecnologie" ha affermato Tony Jupiter di Friends of the Earth UK. "La Bayer ha cercato di usare la sua potenza economica per impedire al pubblico l'accesso a dati importanti per la salute e per l'ambiente riguardanti sostanze che vengono irrorate quotidianamente sulle nostre colture agricole. La Bayer ha fatto di tutto per impedire che questi dati divenissero di pubblico dominio, ma alla fine ha dovuto cedere perché la nostra causa si è dimostrata giusta. Juniper ha aggiunto che la vittoria di FoE è "un passo importante verso la rimozione del velo di segretezza corporativa che avvolge l'approvazione dei pesticidi. E' un segnale importante alle grosse aziende che non riusciranno a zittirci.".

Philipp Mimkes della Coalizione Contro i Pericoli Derivanti dalla Bayer (CBG) aggiunge: "La Bayer immette sul mercato molti pesticidi in tutto il mondo e ciò costituisce una minaccia per l'ambiente e per la salute. La Bayer deve essere costretta a concedere pieno accesso alle informazioni ivece di ricorrere a tattiche intimidatorie nei tribunali." CBG sta monitorando la Bayer da 25 anni ed è stata denunciata da questa parecchie volte. In un caso molto conosciuto la Bayer ha perso una battaglia legale presso la Corte Suprema Tedesca dopo aver fatto causa per danni all'associazione.

Fonte: Coalizione contro i pericoli derivanti dalla Bayer

Ultime notizie

Locanda Dal Barba, dove l’accoglienza si fa in tavola

24 Febbraio 2020
Inclusione sociale per persone con disturbi del neurosviluppo, un’esperienza da conoscere. (Anna Molinari)

Bari il cibo torna in circolo (per i poveri)

23 Febbraio 2020
Sette frigo solidali ospitano il cibo donato. I volontari si spostano anche con pattini e biciclette. L’idea di Kenda onlus. (Bepi Castellaneta)

Disabilità in Ecuador: un cammino disseminato di ostacoli

22 Febbraio 2020
Nonostante le iniziative realizzate, la situazione dei disabili, soprattutto intellettivi, rimane profondamente disagiata e vittima di una politica viziosa. (Marco Grisenti)

Un clima impazzito

21 Febbraio 2020
Un clima impazzito che non conosce una via di mezzo e le cui conseguenze sono pagate soprattutto dai più deboli. (Lia Curcio)

"Niente più vittime, niente più martiri"

20 Febbraio 2020
“Niente più vittime, niente più martiri, vogliamo sentire solo le voci di persone vive” che difendano i loro diritti umani. (Alessandro Graziadei)