L'inquinamento di Porto Marghera

Stampa

© Greenpeace

"Un giorno infausto per l'affermazione del diritto alla salute ". Questo il secco giudizio di Greenpeace sul verdetto al termine del processo sul Petrolchimico di Porto Maghera, che ha visto imputati 28 manager dell'Enichem e della Montedison. 70 tonnellate di solventi organici, 220 chili di cloroformio, 2 chili di tetracloruro di carbonio, oltre due tonnellate di dicloroetano, 320 chili di tricloroetilene, 4000 chili di tetracloroetilene, 22 tonnellate di bromoformio ed oltre una tonnellata di trialometani: queste le quantità di inquinanti riversati ogni anno nella laguna di Venezia. VerdiAmbienteSocietà (VAS) commenta sul piano giuridico il processo ipotizzando "delle problematiche in diritto, quali la prescrizione dei reati ambientali, ma da una prima sommaria lettura del dispositivo della sentenza, sembra che il Tribunale abbia assolto in fatto, come dire le discariche non sussistono". Radio Sherwood, presente alla manifestazione di fronte al Tribunale, ricorda come "con questa sentenza vengono cancellati 157 morti accertate e 103 casi di cancro, viene annullata la lotta e la sofferenza delle famiglie che da anni chiedevano giustizia".

Pubblicato il: 04.11.2001
" Fonte: » Greenpeace, VerdiAmbienteSocietà, Sherwood;
" Approfondimento: » Gli atti del processo , I rapporti di Greenpeace su Porto Marghera;

Ultime notizie

In Danimarca più assimilazione che integrazione

16 Luglio 2018
In Danimarca in approvazione un pacchetto di norme per i “quartieri ghetto”. (Miriam Rossi)

Seoul, per la prima volta la Corte suprema libera un obiettore di coscienza

15 Luglio 2018
La sentenza segue la linea decisa dalla Corte costituzionale. Kim era stato condannato a 18 mesi di prigione: rifiutava l’esercito per motivi religiosi. 

Sviluppo sostenibile: a che punto è l’Italia?

14 Luglio 2018
Il nostro Paese è molto indietro sull’agenda ONU per il 2030. Cosa farà il governo appena insediato? (Lia Curcio)

Il mercato del corpo delle donne

13 Luglio 2018
Dall’India alla Cina passando per l’Indocina: “Smettiamo di fingere che non ci sia una chiara e riconosciuta catena di sfruttamento delle donne”. (Alessandro Graziadei) 

Srebrenica, tra rito e doverosa memoria

13 Luglio 2018
Partita il 3 luglio scorso da Sarajevo, si è conclusa l’11 luglio a Potocari, sede del mausoleo ove hanno trovato sepoltura le vittime di quello che è stato l’episodio più drammatico...