L’America latina si tinge di rosa e giallo

Stampa

Foto: msn.com

Il ciclista colombiano Egan Bernal e l’ecuadoriano Richard Carapaz hanno due cose bellissime in comune: hanno fatto la storia nei loro rispettivi Paesi per diventare campioni nel 2019 delle due più grandi corse a tappe del ciclismo mondiale, il Tour de France il primo e il Giro d’Italia il secondo. Egan Bernal, lo scorso 29 di Luglio, è diventato il primo sudamericano a vincere la Grand Boucle francese, alla tenera età di 22 anni, mettendo fine al dominio europeo, dopo che altri campioni suoi connazionali del calibro di Nairo Quintana e Rigoberto Uran ci avevano provato negli ultimi anni. Richard Carapaz, d’altro canto, è stato autore di un’impresa epica che il 2 Giugno 2019 l’ha visto salire sul gradino più alto del podio della 102esima edizione del Giro d’Italia, davanti al nostro Vincenzo Nibali, autoproclamandosi primo esponente di un ciclismo ecuadoriano che sta assumendo una dimensione sempre più internazionale.

Non solo magnifiche prestazioni sportive, le gesta di Bernal e Carapaz vanno oltre il risultato tecnico. Hanno fatto scalpore le foto di un bambino di Zipaquirà, città natale del corridore colombiano, che, di fronte al maxischermo installato nella piazza centrale, scoppia in un pianto di gioia alla vista di Egan Bernal che indossa la maglia gialla e oltrepassa il traguardo della 20esima e ultima tappa del Tour, cosí sancendo la sua clamorosa vittoria finale. “Sono molto orgoglioso di essere colombiano. Questa vittoria non è solo mia, è di tutto il Paese e per me è un grande onore ottenerla” dichiarava Bernal al concludersi l’ultima tappa. Ed è vero: la nazione si è fermata per ammirare il bagno d’oro del ciclista, considerata una conquista di tutti. In piazza c’erano migliaia di persone ad assistere alla sua consacrazione, molti erano bambini, con tanto di tutina da corridori, intenti a eseguire le prime pedalate montando una bici. 

Per molti giovani colombiani quest’evento ha generato un cambiamento nella psiche, uno spostamento nel loro mirino emotivo, nella bussola dei loro punti di riferimento. Se fino a prima per tanti di loro, specialmente di estrazione mediamente povera, gli eroi erano uomini che portavano il fucile e si facevano rispettare, adesso in quel posto c’è un ragazzo, poco più adulto di loro, che sale e scende dalle montagne in bicicletta e col sorriso. E saranno sempre di più coloro disposti a fare sacrifici per imitare il loro idolo. Questo è il miracolo dello sport, motore di condivisione, coadiuvante di culture ed etnie diverse, catalizzatore di valori e principi come la solidarietà, l’amicizia, l’umiltà, il rispetto dell’avversario, etc. Da queste parti il ciclismo si è bardato di un significato e un potere più profondi, che potrebbero convincere padri e madri di famiglia a comprare una bicicletta ai loro figli, con cui muoversi e allenarsi, probabilmente emulando il loro nuovo eroe. Invece di sperare che vengano arruolati chissà dove, indurli a desiderare il solito lavoro da soldato corrotto, o a rimpinguare le tasche di coloro che gestiscono traffici illeciti. 

In Ecuador non è stata da meno la “Locomotiva del Carchi”, nome affettuoso appioppato a Carapaz dal telecronista ufficiale latinoamericano del Giro, per e sue origini, e per andare forte come un treno in salita. Il 26enne di El Carmelo, paesino di confine con la Colombia del cantone di Tulcàn, ha fatto emozionare, sognare e infine celebrare una nazione intera per uno sport che finora, in Ecuador, godeva di poca fama, risucchiato totalmente dalle peripezie del calcio, che, come si sa, in tutto il Sudamerica regna sovrano. I meriti di Carapaz non sono pochi. Pioniere del movimento ciclistico ecuadoriano, non ha mai perso occasione di invitare e incitare giovani della sua terra a partecipare alla sport, dato anche il potenziale vantaggio di allenarsi ad altitudini vicine ai 3.000 metri. Nato in una famiglia di modeste disponibilità, è cresciuto aiutando i genitori e la sorella nella coltivazione di un piccolo appezzamento di terra e nell’allevamento di alcuni maiali e una mucca da latte. Già all’età di 4 anni, momento in cui il papà gli regala la prima bicicletta, dimostra una predilezione per le due ruote, sfrecciando di qua e di là attraverso i verdi campi di patate della zona. Il cammino di successi inanellati dal ciclita ecuatoriano sono parecchi per la giovane età, e sono lì a decorare le quattro mura dove vive la famiglia Carapaz, che durante il mese di Maggio si alzava presto ogni giorno per non perdere un minuto di diretta del Giro.

Un cammino che l’ha condotto sul tetto del mondo del ciclismo, a voler testimoniare a tutti i giovani ecuadoriani che grazie allo sport si puó davvero arrivare lontano.Una televisione locale, un’impresa telefonica e le autorità locali del Carchi hanno reso possibile ai genitori, moglie e figlie (che non possedevano né passaporto né visto per entrare in Italia) di prendere un aereo e assistere personalmente alla vittoria di Richie all’arena di Verona. L’amico di Tulcàn Jorge Montenegro, che dirige la scuola di ciclismo intitolata a suo nome, racconta che, nonostante la risonanza del suo successo in tutto il Paese, Richard ha mantenuto umiltà e perseveranza: “gli piace allenarsi con i suoi compagni di sempre, spesso attraversa la frontiera con la Colombia, dove si beve i “tinticos” (tazze di caffè) e ama salire sul vulcano Chiles in Ecuador, a oltre 4.700 metri. Lassù incontra un ecosistema di terre desolate, dove si arriva a climi molti rigidi, con temperature sotto i zero gradi. Se piove – fenomeno tutt’altro che raro - a Richard piace ancora di più; ecco perché nei giorni piovosi al Giro la gente diceva che Richard se la passasse ridendo continuamente". Sorride Montenegro mentre parla dal velodromo di Tulcàn, dove sempre più ragazzi si avvicinano al ciclismo agonistico, svincolandosi dalle distrazioni di un cellulare, da attività oziose e comportamenti pigri, dalla microcriminalità, o più spesso da un lavoro familiare al quale sono obbligati.

“Vincere un Giro è come vincere una Champions League” cita un cartellone pubblicitario locale. Forse non si eguaglieranno in quanto a premio in denaro, ma sicuramente lo sport, vero e genuino, da questo lato dell’oceano ha la forza di attivare e unire il cuore pulsante di tutta una nazione, che finalmente ha un nuovo modello a cui ispirarsi. Questo vale ancora di più quando la popolazione di quella nazione è giovane e tempestata di sogni nel cassetto. L’importante è che gli vengano suggeriti i giusti sogni.

Marco Grisenti

Mi chiamo Marco Grisenti e sono da poco entrato nell’arcano capitolo dei 30. Nato a Bolzano, cresciuto in Trentino, durante gli anni universitari, appena potevo, partivo per qualche meta Europea, abbattendo barriere fuori e dentro di me. Ho vissuto in Inghilterra, Estonia, Spagna, Lussemburgo, stretto amicizie con mondi altrimenti estranei, imparato qualche lingua e giocato al fuggitivo. Laureato in Analisi Finanziaria, nel 2014 ho passato un anno in Unicredit a Milano, impotente di fronte a tante domande. Dopodiché hanno iniziato a brillarmi gli occhi: nel 2015 in Guatemala ho lavorato per una ONG impegnata nello sviluppo di imprese sociale. Da fine 2015 vivo a Quito e lavoro come analista per Microfinanza Rating realizzando valutazioni finanziarie e di impegno sociale a organizzazioni di microcredito in America Latina. Credo in un mondo piú equo, ma sono giá follemente innamorato di questo. Per Unimondo cerco di trasmettere, senza filtri, la sensibilitá che incontro quotidianamente. 

Ultime notizie

La simbiosi tra uomo e ape: perché è necessaria?

20 Agosto 2019
Api e miele, da sempre fedeli compagni della vita dell’uomo, sono già a rischio di estinzione, e con loro il nostro ecosistema. (Marco Grisenti)

“Non può essere”

19 Agosto 2019
La repressione religiosa non è una novità in Cina, ma sta costantemente crescendo. A fare scuola il Tibet. (Alessandro Graziadei)

A Roma il murale che purifica l’aria

18 Agosto 2019
Lo street artist Iena Cruz in via del Porto Fluviale ha realizzato un dipinto utilizzando una vernice speciale che assorbe lo smog.

Fare affari con i militari del Myanmar finanzia la guerra

17 Agosto 2019
Le speranze di democrazia e riconciliazione in Birmania/Myanmar che sembravano prossime a diventare reali con la liberazione e l’elezione in Parlamento della Premio Nobel per la Pace Aung San...

Educazione civica: ce n’è davvero bisogno

17 Agosto 2019
Potrebbe essere uno degli ultimi provvedimenti voluti dal governo Conte: a scuola ritorna una materia che avrà un voto specifico in pagella. (Lia Curcio)