India: violenze in Kashmir e proteste popolari

Stampa

Il bilancio della guerra a bassa intensità che insanguina il Kashmir, tormentata regione a maggioranza musulmana contesa tra India e Pakistan continua ad aggravarsi. Dall'uccisione, il 30 agosto scorso, per mano delle forze di sicurezza indiane di Gazi Baba leader della guerriglia separatista, il bilancio delle vittime sale a 250.

Warnews riferisce che "alla base della recrudescenza degli scontri ci sarebbero, secondo un editorialista dell'Indian Express, le recenti spaccature in seno al All Party Hurriyat Conference, il principale ombrello politico dei separatisti. Il presidente dell'organizzazione Maulvi Abbas Ansari, incline al dialogo con Nuova Dehli, è stato isolato dai falchi del leader del movimento di Jamat-e-Islami Syed Ali Shah Geelani, convinto sostenitore della linea dura contro il governo centrale".

Intanto la pesante militarizzazione della Regione, ad opera del Governo indiano, ha sollevato le proteste di migliaia di civili che il 20 settembre scorso si sono riversati nelle strade di Srinagar nel Kashmir meridionale. La gente denuncia infatti di essere vittima di pesanti violenze e intimidazioni ad opera delle forze armate indiane. La recrudescenza si è avuta dopo che la popolazione civile ha cominciato ad opporsi all'eccessiva ingerenza dei militari nella vita dei villaggi.

L' organizzazione per i diritti umani "Kashmir Human rigts" denuncia che il governo di Mufti Mohammed Sayeed del Partito democratico del popolo (Pdp), alla guida della Regione dal novembre scorso, non è riuscito a porre freno alle violazioni dei diritti umani e non ha attuato quelle necessarie politiche di conftonto e partecipazione per la risoluzione della disputa sul Kashmir tra India e Pakistan. (RB)

Fonti: Warnews, Human rigts, http://southasia.oneworld.net Oneworld Southasia.

Ultime notizie

Superati i 9 mesi dall’inizio dell’invasione russa. Il punto

02 Dicembre 2022
Di fatto, la guerra in Ucraina somiglia sempre più ad una “nota di fondo”, a cui il Mondo sembra abituarsi. (Raffaele Crocco)

Anche la Germania indaga sulle stazioni di polizia illegali di Pechino

01 Dicembre 2022
La ong Safeguard le ha individuate in 30 Paesi europei; quattro solo in Italia. Stabilite all’interno di ambasciate e consolati. Inchieste già avviate da Paesi Bassi, Spagna e Irlanda. (AsiaNews...

Energia: l'alternativa c’è? - #Diventaregreen

01 Dicembre 2022
“Guardiamo all'energia del futuro, non a quella del passato”. Un’intervista ad Arturo Lorenzoni. (Alessandro Graziadei)

Iran: il colpo in canna è italiano. Parlamentari e associazioni chiedono spiegazioni

30 Novembre 2022
Tornano le cartucce della italo francese Cheddite sulla scena di altre repressioni. Questa volta nella Repubblica islamica. (Atlante delle guerre e dei conflitti del Mondo)

Giochi olimpici e paralimpici invernali 2026: ancora cemento

30 Novembre 2022
Il mantra “Olimpiadi uguale fondi, quindi sviluppo” appare essere il classico specchietto per le allodole. (Lucia Michelini)