Il Ministero degli Esteri preoccupa le ONG

Stampa

Logo CIPSI

Dopo le dimissioni del ministro degli esteri Renato Ruggero, molte sono le preoccupazioni nazionali e internazionali sulla futura politica estera italiana. Il CIPSI (Coordinamento di iniziative popolari di solidarietà internazionale), attraverso il Presidente Rosario Lembo, "esprime preoccupazione per l'assenza di una politica estera italiana di pace e di distensione, e si dichiara contrario al programma di Berlusconi che intende trasformare la politica estera in commercio estero, piuttosto che rispettare gli impegni di cooperazione internazionale". Il dibattito sugli eventi della Farnesina trova eco anche nelle parole di Raffaele K Salinari, Presidente di Terre Des Hommes International che sostiene come la successione di Ruggero sia un'occasione importante per riaprire il dibattito a tutto tondo sulle scelte di politica estera del nostro paese. Salinari ricorda poi come l'ex ministro degli esteri "destinasse quasi tutti i, pochi, fondi per gli aiuti allo sviluppo verso le agenzie internazionali perché l'Italia non ha una Direzione Generale di Cooperazione che funziona, a causa appunto della mancata riforma." Anche molta stampa straniera ha manifestato apprensioni per la politica estera italiana. Jean Quatremer scrive su Libération "la condotta irresponsabile dei ministri del governo italiano non è più solo "politica interna" ma indebolisce un edificio comune, quello di una moneta ormai condivisa con più di 300 milioni di europei".
Pubblicato il: 10.01.2002
" Fonte: » CIPSI, Italieni, Carta;

Ultime notizie

I lébous di Dakar, guardiani dell’oceano

07 Dicembre 2019
In Senegal sopravvive ancora la pesca tradizionale. I mercati sono ancora affollati ma al supermercato il pesce è importato dall’estero. (Lucia Michelini

Black Friday: come il consumismo ha corrotto le nostre menti

06 Dicembre 2019
Dal Black Friday al Block Friday, un cammino di consumo cosciente esiste, ed è l’unica strada. (Marco Grisenti)

La “Visione Matauranga”

05 Dicembre 2019
L’Associazione per i Popoli Minacciati chiede che la ricerca scientifica sul clima tenga maggiormente conto delle popolazioni indigene. (Alessandro Graziadei)

Nigeria, paura nei campus

05 Dicembre 2019
Un numero imprecisato di confraternite affolla i campus di tutta la Nigeria e le rivalità tra questi gruppi causano la morte di decine di studenti ogni anno. Negli ultimi mesi ci sono stati omicidi...

È ufficiale, anche per l'Accademia le Ong non sono un “pull factor”

04 Dicembre 2019
Lo European University Institute pubblica uno studio scritto da due ricercatori italiani, Matteo Villa ed Eugenio Cusumano che mette definitivamente la parola fine alla leggenda metropolitana delle...