Guinea Bissau: avviata la transizione dopo il colpo di stato

Stampa

Guinea Bissau

"I militari della Guinea Bissau hanno intrapreso questa azione perché il governo ha violato i principi fondamentali della costituzione e si è dimostrato incapace di risolvere i problemi economici" - ha detto Verissimo Correia Seabre, il generale dell'esercito che ha condotto il colpo di stato di domenica scorsa.

La destituzione del governo del Primo Ministro Mario Pires e l'arresto del Presidente Koumba Yala sembra comunque - secondo fonti Misna - "un golpe indolore". Altre fonti richiamano le preoccupazioni della comunità internazionale e dell'Onu affinchè non vi siano atti di violenza ma sottolineano anche come il colpo di stato, pur sovvertendo l'ordine costituzionale, è stato salutato positivamente dai politici e dalla stessa popolazione locale.

IPS news riporta che nell'ex colonia portoghese l'insofferenza popolare regnava sovrana da tempo: gli stipendi degli operai e dei militari, non venivano pagati da undici mesi, le elezioni erano continuamente rinviate. L'economia della Guinea Bissau, prevalentemente agricola, è passata da una crisi all'altra e dopo la guerra civile del 1999 che ha devastato le infrastrutture del paese il processo di democratizzazione non ha avuto il sostegno della Comunità Internazionale.

Per ora - riferisce Misna - sarà monsignor José C㢀mnate Na Bissign, vescovo di Bissau, a guidare il Consiglio nazionale di transizione voluto dai golpisti con il compito di elaborare il percorso del governo guidato dal colonnello Verissimo Seabra Correia, attuale presidente ad interim. Il leader militare ha incontrato i rappresentanti dei partiti politici e della società civile e al termine dell'incontro il colpo di Stato è stato definito come la "miglior soluzione" al caos costituzionale, alla turbolenza sociale, alle frodi elettorali e alle violazioni dei diritti umani che caratterizzavano la vita del piccolo Paese africano. (RB)

Ultime notizie

L'Algeria e la meglio gioventù

19 Aprile 2019
In Algeria è caduta la prima B (dal nome dell’ex presidente Bouteflika), la gente si aspetta il ritiro delle altre due B che hanno segnato il potere degli ultimi 20 anni. (Ferrccio Bellcini)

Ce li stiamo mangiando tutti!

18 Aprile 2019
Oggi la “megafauna” della Terra, se si escludono alcune balene che non se la passano sempre benissimo, sta letteralmente scomparendo. Come mai? (Alessandro Graziadei)

Una scuola per la sostenibilità ambientale creativa

18 Aprile 2019
Negli ultimi anni all'Itet Fontana si è fatto un grosso lavoro di analisi sui programmi delle diverse discipline insegnate per individuare dove poter dare spazio alla sostenibilità ambientale, coll...

Una chiamata alla coscienza ambientale

17 Aprile 2019
Nessuno si dimenticherà dei tragici giorni di fine ottobre 2018, quando la catastrofe si abbatté sul Trentino e su tutto il Nord-Est italiano. (Paolo Poda)

Quel che “Vaia” ci insegna *

17 Aprile 2019
La tempesta di acqua e vento che nell'ottobre scorso ha spazzato via 41.491 ettari di bosco ci parla del cambiamento climatico e della nostra insostenibilità. Di un clima sempre più segnato da even...