Gas: l’incidente in Austria e i ritornelli sulla dipendenza dall’estero

Stampa

L’incidente al terminale del gasdotto TAG ha causato un morto e ventidue feriti. Le polemiche che sono seguite non hanno fatto altro che alzare un gran polverone su una situazione in realtà chiarissima. Le forniture di gas all’Italia non sono mai state in pericolo, quella del gas russo dall’Austria si è interrotta solo per poche ore. Ciononostante in molti hanno approfittato della situazione per tornare a proporre l’Italia come hub europeo del gas, citando una presunta debolezza del nostro Paese. Ma come stanno realmente le cose?

Il gasdotto TAG (Trans Austria Gasleitung) ha una potenzialità di 107 milioni di metri cubi di gas al giorno. Pari a meno del 30% del potenziale complessivo degli impianti attualmente attivi in Italia (circa 375 milioni di metri cubi al giorno). In aggiunta a questi sono già stati autorizzati nuovi impianti per un totale di altri 117 milioni di metri cubi al giorno. Se e quando saranno terminati il gasdotto TAG si ridurrebbe a poco più del 20% del potenziale nazionale di importazione. I consumi di gas nel 2016 sono stati di circa 71 miliardi di metri cubi, a fronte di una capacità di importazione attuale di circa il doppio (136 miliardi) e potenziale di circa 180 miliardi.

Non vi è quindi alcun allarme e alcun pericolo per gli approvvigionamenti. I consumi in Italia sono risaliti negli ultimi due anni dopo essere scesi per 15 anni da un massimo di 86 miliardi a un minimo di 62 nel 2014. Non a caso sono anni in cui la produzione da rinnovabili è sostanzialmente rimasta bloccata mentre i governi in carica rilanciavano l’industria fossile (ad esempio con lo Sblocca Italia). Peraltro, se giustamente siamo preoccupati della eccessiva dipendenza energetica dall’estero del nostro Paese, dovremmo affrettarci per ridurla investendo sulle rinnovabili, non per aumentarla costruendo nuove infrastrutture di importazione di gas.

Investire in nuovi gasdotti è quindi una scelta politica e industriale, non una necessità. Una scelta ribadita anche da una Strategia Energetica Nazionale troppo debole. Avevamo già ricordato qualche mese fa come i Paesi attorno all’Italia stiano perseguendo strategie di riduzione dei consumi energetici comprese tra il 50 e il 66%. A chi venderemmo il gas in queste condizioni?

Gianluca Ruggieri da Altreconomia.it

Ultime notizie

I rifugi come palestra di cambiamento

23 Giugno 2018
Fortemente voluta dall'Accademia della Montagna, il 24 giugno si celebra la terza edizione della Giornata Europea della montagna. Ecco tutte le novità. (Novella Benedetti)

Ecuador: progetto “sognando per il cambio”

22 Giugno 2018
Quando i destini di bambini e volontari s’incontrano e creano un legame incorruttibile. (Marco Grisenti)

Caritas Libano: qui sì è difficile il peso dell’accoglienza

21 Giugno 2018
I vescovi maroniti invocano un ritorno sicuro e dignitoso dei rifugiati. Ma mancano le garanzie di pace e sicurezza. P. Karam: la comunità internazionale deve promuovere un processo di pace in Siri...

#laRAIchevorrei: innovazione, sostenibilità e crisi dimenticate

21 Giugno 2018
Tra le polemiche che ruotano intorno al Governo Lega-M5s si affacciano anche quelle legate alle nomine in seno alla RAI. (Anna Toro)

Nuovi legami tra Russia, Cina e Medio Oriente

20 Giugno 2018
Più che rientrare a far parte del G8, la Russia sembra interessata a consolidare i rapporti con la Cina. La sempre maggiore influenza di queste due potenze nello scacchiere mediorientale, inoltre,...