Finanziaria: 80mila miliardi di iniquità

Stampa

© Sbilanciamoci

La proposta di Legge Finanziaria approvata dal Consiglio dei Ministri si presenta come una delle più pesanti tra quelle degli ultimi 10 anni. La manovra da 33 mila miliardi di lire che essa accompagna è solo una parte della Vera Finanziaria che il Governo sta predisponendo e che raggiungerà gli 80 mila miliardi, andando oltre il 3,2% del PIL previsto per il 2002. I benefici andranno tutti ai ceti più alti e l'innalzamento delle pensioni minime raggiungerà solo una ridotta percentuale degli oltre 8 milioni di poveri del nostro paese. L'Italia continuerà ad essere il fanalino di coda in Europa per quanto riguarda le spese per assistenza (solo l'1,6% del PIL contro il 5,1% dell'UE), per sanità (5,7% contro 7,1%), per la protezione dell'ambiente (0,2% contro 0,6%), per la cooperazione allo sviluppo (0,1% contro 0,6%). L'unico comparto in cui la spesa pubblica aumenta è quello della difesa (+15%), che sfrutta i venti guerra per finanziare un sistema corporativo e di privilegi. Luisa Morgantini, parlamentare europea, ricorda che lo scorso governo per le spese alla difesa aveva superato i 34 mila miliardi che ha portato alla realizzazione della prima portaerei italiana costata quattromila miliardi.
Pubblicato il: 01.10.2001
" Fonte: » Lunaria, Il paese delle donne;
" Approfondimento: » Richieste del Forum del Terzo Settore;

Ultime notizie

Cocktail artico… al veleno

24 Giugno 2019
Le inquietanti conseguenze dello scioglimento dei ghiacci. (Anna Molinari)

La seconda vita dei libri, nelle mani dei senza dimora

23 Giugno 2019
I volontari della Ronda della carità distribuiscono (oltre a panini e bevande) fumetti, romanzi e riviste. 

Niente sta scritto vince Il Premio Cinema degli Italian Paralympic Awards

22 Giugno 2019
Il documentario Niente sta scritto riceve il Premio Cinema agli Italian Paralympic Awards 2019, gli “Oscar” dello sport paralimpico. (Raffaella Bonora)

L’Africa sempre più dimenticata

21 Giugno 2019
Gli ultimi dati sull’informazione che danno i telegiornali italiani sul Sud del mondo sono sconfortanti. Ma gli utenti possono fare qualcosa. (Piergiorgio Cattani)

Brasile in piazza contro Bolsonaro e poi il ‘Moro della vergogna’

21 Giugno 2019
Primo sciopero da quando Bolsonaro è Presidente, contro l’aumento dell’età pensionabile e contro l’economia che non riparte. E poi lo scandalo di Sergio Moro, ‘il Moro della vergogna’, giudice a ma...