Essere immigrati in Italia

Stampa

© Melting Pot

Mentre la Camera ha approvato il ddl Bossi-Fini sull'immigrazione con 279 voti favorevoli, 203 contrari, il Centro ascolto stranieri gestito dalla Caritas permette di rilevare da un suo Rapporto un quadro piuttosto dettagliato dell'immigrato in Italia. Il 41% degli immigrati registrati è celibe o nubile (3.719), mentre il 39% (3.559) è coniugato, ma con il partner in patria. Solo il 9,1% (846) risulta sposato con il coniuge presente in Italia, "a conferma - nota la Caritas - di quanto siano difficoltosi i processi migratori, comportando spesso separazioni che possono durare anche vari anni". Il problema della salute degli immigrati in Italia è stato invece affrontato alla fine di maggio ad Erice durante VII Consensus Conference sulla Medicina sulle Migrazioni. Dal convegno è emerso come le malattie da disagio, l' infortunistica soprattutto sul lavoro, l'alto ricorso all'ivg e alcune malattie infettive siano le patologie e gli interventi sanitari più frequenti, aggravati dal fatto che il grado di accessibilità e fruibilità dei servizi sanitari sia per molti immigrati ancora bassissimo.
Pubblicato il: 04.06.2002
" Fonte: » Redattore Sociale, Rainews24, S.I.M.M., Melting Pot, Vita;
" Approfondimento: » Temi Immigrazione;

Ultime notizie

L’inquinamento dell’acqua si misura a mercurio (ma senza termometro)

20 Maggio 2019
Oltre 280.000 mila firme raccolte per proteggere l’acqua in Argentina. (Anna Molinari)

Maestri cestai: dietro le sbarre l’arte di lavorare gli intrecci

19 Maggio 2019
Antonella Mannarino e Caterina Mirarchi da 7 anni curano un laboratorio nel carcere di Catanzaro dove si recupera un lavoro artigianale. (Giovanna Maria Fagnan)

Sandokan e i migranti della Malesia

18 Maggio 2019
L'immigrazione pone sfide che tanti Paesi si trovano a dover affrontare; in Europa siamo molto concentrati a guardare il nostro ombelico, ma cosa succede altrove? (Novella Benedetti)

In Messico è altolà ai narcos

17 Maggio 2019
Il neo presidente del Messico lavora per una riduzione della violenza dei narcotrafficanti. (Miriam Rossi)

Le nostre “eco-colpe” non sono compensabili!

16 Maggio 2019
Termini come “eco-friendly” o “green” incoraggiano l’idea che esistano oggetti e comportamenti “buoni” per l’ambiente. Ma non è sempre così… (Alessandro Graziadei)