Eritrea: fucilati 161 giovani nel campo di 'punizione'

Stampa

Situazione in Eritrea

Il regime eritreo ha compiuto un ennesimo massacro contro il popolo eritreo. E quanto denuncia l'associazione immigrati eritrei in Italia secondo cui lo scorso 10 giugno, il regime dittatoriale di Isayas Afeworki, ha dato ordine di eseguire la fucilazione a sangue freddo contro 161 inermi giovani, quando all'interno di uno dei peggiori campi di "punizione" del paese chiamato Wi'à, quest'ultimi hanno osato ribellarsi in massa contro le indescrivibili torture e la segregazione in cui si trovavano a versare da lungo tempo.

Questa tremenda ed agghiacciante notizia, pur se giunta all'estero con notevole ritardo, è stata per la prima volta pubblicata sul sito eritreo news.asmarino.com e riportata nel notiziario di Radio Popolare Network.

A seguire il comunicato dell'associazione immigrati eritrei in Italia.

Da diversi anni il regime eritreo continua a mandare a Wi'à, un'impervia località della Dancalia interdetta a chiunque, tutti coloro che contestano il suo potere politico e militare. Wi'à è conosciuta dalla gioventù eritrea con il nome "Inferno". In questa località, dove la temperatura supera di gran lunga i 55 gradi all'ombra, nell'agosto 2001 furono lì deportati, per la prima volta, gli studenti universitari di Asmara che si erano ribellati alle direttive del regime di Isayas sulla questione del servizio civile obbligatorio (in realtà militare) e proprio in quella occasione due studenti morirono a causa delle torture inflitte nei loro confronti.

Da diversi mesi in Eritrea sono in corso continue retate contro coloro che oppongono resistenza al regime ed in particolare contro la gioventù eritrea. Il regime, oramai isolato internamente e senza nessun consenso da parte della popolazione, in presa al panico ha di recente intensificato la repressione contro interi settori della società civile ed in particolare contro la gioventù eritrea. Non solo, ma proprio a partire dal 16 luglio scorso, il regime eritreo ha dato via ad un'altra vasta campagna di imprigionamenti in diverse città e distretti del paese e soprattutto ad Adi Quala, Adi Keyih, Mendefera, Tera Emni, Arreza, Mai Mine, Mai Aini e Hazemo nei confronti di genitori accusati di aver fatto "fuggire" i propri figli all'estero. In pochi giorni tra le 700 ed 800 persone risultano finite nelle carceri del regime. Ai genitori è stato loro richiesto, che per essere rilasciati dovranno versare la somma 50 mila Nakfa, a garanzia che faranno tornare i propri figli che non si sono presentati a fare il servizio militare.

Denunciamo questi gravi fatti al mondo intero, ai governi e alle istituzioni democratiche, esprimiamo la nostra ferma condanna nei confronti del regime repressivo eritreo e chiediamo che venga istituita immediatamente una commissione internazionale che indaghi sui soprusi e le continue violazioni dei diritti umani in Eritrea. Ci appelliamo alla comunità internazionale, al Parlamento dell'Unione Europea e alle organizzazioni per i diritti umani affinché faccia immediatamente concreti passi perché queste continue persecuzione, gli abusi, gli arresti e le fucilazioni di massa non passino sotto il completo silenzio. Il popolo eritreo, sta gridando ad alta voce al mondo intero per chiedere aiuto, per non essere "dimenticato" e per non continuamente ad essere calpestato da un regime, che non ha mai avuto il suo consenso. Nessuno potrà dire "non lo sapevamo" !!

Ultime notizie

Seoul, per la prima volta la Corte suprema libera un obiettore di coscienza

15 Luglio 2018
La sentenza segue la linea decisa dalla Corte costituzionale. Kim era stato condannato a 18 mesi di prigione: rifiutava l’esercito per motivi religiosi. 

Sviluppo sostenibile: a che punto è l’Italia?

14 Luglio 2018
Il nostro Paese è molto indietro sull’agenda ONU per il 2030. Cosa farà il governo appena insediato? (Lia Curcio)

Il mercato del corpo delle donne

13 Luglio 2018
Dall’India alla Cina passando per l’Indocina: “Smettiamo di fingere che non ci sia una chiara e riconosciuta catena di sfruttamento delle donne”. (Alessandro Graziadei) 

La morale dell’inclusione finanziaria dei paesi ricchi

12 Luglio 2018
Parlando di povertà e microfinanza nei paesi del terzo mondo, ci si dimentica che anche nei paesi industrializzati gli esclusi sono in molti. (Marco Grisenti)

Il Giornale Giapponese Akahata intervista gli attivisti ICAN

12 Luglio 2018
Gli attivisti di ICAN chiedono al governo italiano di aderire al Trattato di Proibizione delle Armi Nucelari (TPAN) che è stato approvato alle Nazioni Unite il 7 Luglio 2017. (Minetaka Shimada )...