Egitto: stop alle mutilazioni genitali femminili

Stampa

"Fermiamo la pratica dell'infibulazione". Con questo appello di Suzanne Mubarak, moglie del presidente egiziano, è stato aperto al Cairo il primo incontro di esperti arabo-africani sugli "strumenti legali per la prevenzione della mutilazione genitale femminile (Fgm)". Il convegno è stato promosso da tre Ong (le italiane Aidos, l'associazione
No peace without justice e l'Esphp, Egyptian Society for Prevention of Harmful Practices to Women and Children), con il sostegno della Commissione Europea e gli auspici del Consiglio Nazionale (egiziano) per l'infanzia e la maternità (Nccm).

La conferenza, momento chiave della Campagna Internazionale "Stop Female Genital Mutilation", ha offerto l'opportunità di discutere sugli strumenti legali in grado di prevenire una pratica che interessa tuttora, secondo i dati dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, dai 100 ai 140 milioni di donne di 28 paesi
africani, ma anche alcuni paesi asiatici e del Medio Oriente. Ogni anno 2 milioni di ragazze corrono il rischio di essere mutilate.

In Italia le donne che hanno subito mutilazioni sessuali risulterebbero 40 mila. Il Senato italiano ha dato il via ad una normativa anti-infibulazione, mentre Bruxelles ha approvato il "rapporto Valenciano": alle donne infibulate si può concedere asilo politico.

La mutilazione viene di solito eseguita con strumenti rudimentali ed in condizioni pericolose per la salute dalle donne del villaggio o da ostetriche locali. Nelle aree urbane le famiglie più agiate ricorrono all'aiuto di personale medico, nonostante l'Oms e altre organizzazioni internazionali abbiano ripetutamente condannato l'esecuzione di tali pratiche da parte dei medici. Il Medical Council del Sudan ha affermato che revocherà le licenze ai dottori sorpresi a praticare le Fgm.

Le ricerche Demografiche e di Salute (DHS) rivelano, però, come persino le donne che si oppongono a queste pratiche, scelgano di farle subire alle proprie figlie in seguito alle forti pressioni della comunità o all'influenza dei membri più anziani della famiglia.

Fonti: Stop Female Genital Mutilation, Aidos, Femmis;

Ultime notizie

Giochi olimpici e paralimpici invernali 2026: ancora cemento

30 Novembre 2022
Il mantra “Olimpiadi uguale fondi, quindi sviluppo” appare essere il classico specchietto per le allodole. (Lucia Michelini)

Diventare “green” - #Diventaregreen

29 Novembre 2022
La transizione ecologica individuale, diventare “green” è un lusso che pochi si possono permettere. (Raffaele Crocco)

Angelo Righetti: «Il desiderio di esclusione non diventi pratica di esclusione»

28 Novembre 2022
È matto perché è pericoloso ed è pericoloso perché è matto: è la grande tentazione da evitare quando si parla di salute mentale, anche decenni dopo Basaglia. (Vita)

Balene: creature fragili e misteriose

28 Novembre 2022
Di tragedie o di scoperte fondamentali per la biologia, i cetacei sono protagonisti. (Anna Molinari)

Dossier/ Iran, Afghanistan e Golfo: i diritti violati delle donne

27 Novembre 2022
Nei Paesi del Golfo Persico, in Iran e in Afghanistan le discriminazioni nei confronti delle donne sono diffuse e, in vari casi, normate. (Atlante delle guerre e dei conflitti del Mondo)