Diga di Ilisu: soddisfazione delle ONG

Stampa

© villaggio che verrà coperto dalla diga di Ilisu

Il cartello di associazioni che si adopera per impedire la costruzione della diga di Ilisu nel Kurdistan turco ha comunicato con soddisfazione la decisione delle due compagnie costruttrici, l'italiana Impregilo e la britannica Balfour Beatty, di ritirarsi dal progetto. Le motivazioni, contenute in un comunicato ufficiale della Balfour Beatty in cui si cita anche il ritiro dell'Impregilo, riguardano l'impossibilità di limitare gli impatti socio ambientali del progetto, così come era stato richiesto dalle agenzie di credito all'esportazione interessate alla copertura assicurativa del progetto, tra cui l'italiana Sace. La diga di Ilisu è il fulcro di un insieme di progetti "Great anatolian project" (Gap) studiato dal governo di Ankara per trasformare radicalmente il Sud-est del Paese. La costruzione della diga nasconde dietro ai fini economici, quelli politici: provocherebbe infatti il trasferimento forzato di decine di migliaia di curdi, dando conseguentemente il controllo totale alla Turchia delle acque del Tigri e dell'Eufrate, provocando forti conflitti con Siria e Iraq.
Pubblicato il: 13.11.2001
" Fonte: » Balfour Beatty, Vita NonProfit ;
" Approfondimento: » Campagna per la riforma della Banca Mondiale, Il progetto di Ilisu, Ilisu dam campaign, La baattaglia sulla diga di Ilisu

Ultime notizie

Bambini: “chi non produce è inutile”

25 Giugno 2019
È necessario contrastare l’idea che chi non produce è inutile per la società. A cominciare dai bambini costretti ad essere “economicamente attivi”. (Alessandro Graziadei)

Cocktail artico… al veleno

24 Giugno 2019
Le inquietanti conseguenze dello scioglimento dei ghiacci. (Anna Molinari)

La seconda vita dei libri, nelle mani dei senza dimora

23 Giugno 2019
I volontari della Ronda della carità distribuiscono (oltre a panini e bevande) fumetti, romanzi e riviste. 

Niente sta scritto vince Il Premio Cinema degli Italian Paralympic Awards

22 Giugno 2019
Il documentario Niente sta scritto riceve il Premio Cinema agli Italian Paralympic Awards 2019, gli “Oscar” dello sport paralimpico. (Raffaella Bonora)

La donna che combatte i matrimoni precoci

21 Giugno 2019
Povertà, matrimoni precoci e abbandono scolastico sono tre componenti dello stesso circolo vizioso. È contro un tale flagello che si batte da oltre 15 anni Theresa Kachindamoto, una donna...