Diga di Ilisu: soddisfazione delle ONG

Stampa

© villaggio che verrà coperto dalla diga di Ilisu

Il cartello di associazioni che si adopera per impedire la costruzione della diga di Ilisu nel Kurdistan turco ha comunicato con soddisfazione la decisione delle due compagnie costruttrici, l'italiana Impregilo e la britannica Balfour Beatty, di ritirarsi dal progetto. Le motivazioni, contenute in un comunicato ufficiale della Balfour Beatty in cui si cita anche il ritiro dell'Impregilo, riguardano l'impossibilità di limitare gli impatti socio ambientali del progetto, così come era stato richiesto dalle agenzie di credito all'esportazione interessate alla copertura assicurativa del progetto, tra cui l'italiana Sace. La diga di Ilisu è il fulcro di un insieme di progetti "Great anatolian project" (Gap) studiato dal governo di Ankara per trasformare radicalmente il Sud-est del Paese. La costruzione della diga nasconde dietro ai fini economici, quelli politici: provocherebbe infatti il trasferimento forzato di decine di migliaia di curdi, dando conseguentemente il controllo totale alla Turchia delle acque del Tigri e dell'Eufrate, provocando forti conflitti con Siria e Iraq.
Pubblicato il: 13.11.2001
" Fonte: » Balfour Beatty, Vita NonProfit ;
" Approfondimento: » Campagna per la riforma della Banca Mondiale, Il progetto di Ilisu, Ilisu dam campaign, La baattaglia sulla diga di Ilisu

Ultime notizie

Countdown to extincion

17 Settembre 2019
Dieci anni fa le multinazionali aderenti al “Consumer Goods Forum” (CGF) si erano impegnate a fermare la deforestazione. Non lo hanno fatto! (Alessandro Graziadei)

Terra di confine

16 Settembre 2019
Prosegue il mio viaggio nel "cratere" del Centro Italia. (Matthias Canapini)

Leah, la Greta d’Africa che sciopera da otto mesi in Uganda

15 Settembre 2019
C’è una ragazzina combattiva e determinata come Greta anche in Africa. Si chiama Namugerwa Leah, ha 15 anni e vive in Uganda. (Jacopo Storni)

Europa e Tunisia: un rapporto di buon vicinato?

14 Settembre 2019
Da tempo si discute di un accordo di libero scambio tra la UE e il Paese africano. Ma tra il dire e il fare c’è anche di mezzo l’olio… (Ferruccio Bellicini

Flat tax, disuguaglianze e le tasse dei futuri governi

13 Settembre 2019
Il cambiamento sociale dipende dalla distribuzione della ricchezza: le tasse vanno diminuite ai lavoratori e aumentate ai più ricchi.  Un pezzo di Salvatore Morelli, economista e membro d...