Diamanti ed eticità delle imprese

Stampa

Si terrà a Interlaken il prossimo 5 novembre l'incontro sul "Kimberley Process', il sistema di certificazione internazionale dei diamanti. Si concluderà quindi nel paese elvetico il percorso avviato oltre due anni fa in Sudafrica, che ha visto coinvolti i Paesi produttori, importatori e le società diamantifere. Si tratta di un procedimento studiato per evitare lo sfruttamento illegale da parte di gruppi ribelli e di governi stranieri delle pietre preziose, ma che, almeno nelle intenzioni, avrebbe anche il fine di porre un freno alle numerose violenze che spesso accompagnano l'estrazione dei diamanti nelle aree 'calde' del continente nero. Nel continente asiatico invece è ancora aperta la battaglia contro le ditte estere che intrattengono rapporti commerciali con la giunta militare al potere in Myanmar (ex Birmania). La 'Confederazione internazionale dei sindacati liberi' (Icftu), da anni impegnata a convincere industrie e governi esteri a boicottare il Paese asiatico, ha diffuso in questi giorni un elenco che comprende in tutto 325 ditte.
Pubblicato il: 30.10.2002 " Fonte: » Misna, Amnesty International;
" Approfondimento: » Bilancio Sociale, ICFTU, Guida Globalizzazione;

Ultime notizie

Cocktail artico… al veleno

24 Giugno 2019
Le inquietanti conseguenze dello scioglimento dei ghiacci. (Anna Molinari)

La seconda vita dei libri, nelle mani dei senza dimora

23 Giugno 2019
I volontari della Ronda della carità distribuiscono (oltre a panini e bevande) fumetti, romanzi e riviste. 

Niente sta scritto vince Il Premio Cinema degli Italian Paralympic Awards

22 Giugno 2019
Il documentario Niente sta scritto riceve il Premio Cinema agli Italian Paralympic Awards 2019, gli “Oscar” dello sport paralimpico. (Raffaella Bonora)

L’Africa sempre più dimenticata

21 Giugno 2019
Gli ultimi dati sull’informazione che danno i telegiornali italiani sul Sud del mondo sono sconfortanti. Ma gli utenti possono fare qualcosa. (Piergiorgio Cattani)

Brasile in piazza contro Bolsonaro e poi il ‘Moro della vergogna’

21 Giugno 2019
Primo sciopero da quando Bolsonaro è Presidente, contro l’aumento dell’età pensionabile e contro l’economia che non riparte. E poi lo scandalo di Sergio Moro, ‘il Moro della vergogna’, giudice a ma...