Di chi sono le responsabilità della pace?

Stampa

Dopo le dimissioni del governo dei Paesi Bassi in seguito al Rapporto su Srebrenica, esperti come Samantha Power chiedono che siano ONU e USA a far luce sulle proprie responsabilita'.

La terza conferenza WSA (Civitas, 4 maggio, ore 14.30) avra' per tema come intervenire nei conflitti. Samanta Power, autrice di "A problem from Hell: America and the Age of Genocide" (Un problema dall'inferno: l'America e l'epoca dei genocidi)chiede che gli Stati Uniti prendano esempio dal governo olandese: "Per la prima volte nella storia un governo occidentale cade perche' spettatore di un genocidio. Il premier Kok ed il suo consiglio dei ministri si sono dimessi in seguito al rapporto voluto dallo stesso governo olandese sulle modalita' con cui governo e esercito dei Paesi Bassi hanno inviato circa 400 soldati di pace a svolgere la missione praticamente impossibile di proteggere i musulmani bosniaci nell'enclave ONU di Srebrenica" afferma Power.

A partire dall'11 luglio 1995, la ricercatrice ha analizzato i documenti disponibili sull'eccidio e le violenze ad opera delle truppe di Mladic e ha avuto circa cinquanta interviste con funzionari del governo e delle agenzie degli Stati Uniti che oggi afferma: "Dopo il bagno di sangue ne' Clinton ne' il Congresso ne hanno piu' voluto sapere. I ricercatori che hanno lavorato al Rapporto ONU del 1998 sostengono che i funzionari e i membri del governo Clinton non hanno mai risposto agli inviti a collaborare, a parte contatti con impiegati di basso rango che non hanno dato risultati. Anche i ricercatori olandesi si sono scontrati a Washington contro lo stesso muro. La distanza geografica che separa l'America da quanto e' successo non puo' servire da alibi. Il governo Bush ha oggi una possibilita' unica di guardare a quanto e' successo prima di intraprendere nuove azioni. L'esempio dei Paesi Bassi puo' e deve essere imitato per capire perche' gli Stati Uniti ed altri attori hanno girato la testa mentre in Europa avveniva il peggior genocidio degli ultimi 50 anni". (fonte: LAT-WP News service)

Ultime notizie

Ce li stiamo mangiando tutti!

18 Aprile 2019
Oggi la “megafauna” della Terra, se si escludono alcune balene che non se la passano sempre benissimo, sta letteralmente scomparendo. Come mai? (Alessandro Graziadei)

Una chiamata alla coscienza ambientale

17 Aprile 2019
Nessuno si dimenticherà dei tragici giorni di fine ottobre 2018, quando la catastrofe si abbatté sul Trentino e su tutto il Nord-Est italiano. (Paolo Poda)

Chi minaccia le foreste? Noi!

16 Aprile 2019
Il cambiamento climatico, le piantagioni e le mega dighe sono tra le principali minacce contemporanee dei nostri ecosistemi forestali. (Alessandro Graziadei)

Seoul: istruzione gratuita, il presidente Moon vara un piano

16 Aprile 2019
Ciascuna famiglia risparmierebbe 1.228 euro all'anno per ogni figlio. Ogni anno saranno necessari 1,5 miliardi di euro come copertura finanziaria. Le spese saranno condivise dal governo centrale e...

La transizione per l’energia sostenibile

15 Aprile 2019
Si è sfatato peraltro il mito della correlazione tra consumo di energia e ricchezza di un’economia. Se in passato vi era una buona proporzionalità tra le due grandezze, oggi molti Paesi mostrano co...