Damasco: ‘Grandi progressi’ nella formazione della costituente post-guerra

Stampa

Foto: Asianews.it

Per la prima volta dall’inizio del conflitto, il governo siriano parla di “grandi progressi” nella formazione dell’organismo chiamato a scrivere la Costituzione post-conflitto. L’annuncio di Damasco - mentre sul terreno si continua a combattere, in particolare nell’area contesa di Idlib - è giunto in concomitanza con la visita dell’inviato speciale Onu per la Siria nella capitale. 

La scorsa settimana si è tenuto il faccia a faccia fra l’inviato speciale delle Nazioni Unite Geir Pedersen e il ministero siriano degli Esteri Walid Muallem. Al termine dell’incontro il dicastero ha diffuso una nota in cui parla di “grandi progressi [che] sono stati fatti, al fine di raggiungere un accordo per la nascita di un comitato” chiamato a discutere della nuova “Costituzione”. 

Pedersen, diplomatico norvegese di lungo corso che ha assunto l’incarico nel gennaio scorso, è arrivato il 9 luglio a Damasco, con l’obiettivo di riavviare i colloqui di pace - tuttora in una fase di stallo - per mettere fine a otto anni di conflitto devastante. Il predecessore Staffan del Mistura, ha rassegnato le dimissioni dopo quattro anni di tentativi infruttuosi, che si sono conclusi con il tentativo abortito di dar vita all’Assemblea costituente. 

Il governo di Damasco e il presidente Bashar al-Assad propendono per una revisione della Carta già in vigore. La galassia delle opposizioni - che riunisce gruppi anti-governativi, movimenti estremisti e membri della società civile - chiede che sia redatta una Costituzione ex-novo. 

Il Comitato è formato da 150 membri, 50 dei quali sono scelti dal governo, altrettanti dalle opposizioni e gli ultimi 50 dall’inviato speciale delle Nazioni Unite. Il giornale filo-governativo al-Watan nei giorni scorsi ha annunciato che i lavori del nuovo comitato potrebbero iniziare già a settembre, nel caso in cui Damasco accetti la lista presentata da Pedersen. 

In passato i numerosi tentativi di mediazione delle Nazioni Unite si sono sempre rivelati infruttuosi e a poco sono serviti per mettere fine a un conflitto che ha causato, in otto anni, quasi 500mila morti e milioni di sfollati. Intanto sul terreno, nell’area di Idlib nel nord-ovest del Paese, continuano le violenze fra esercito governativo e gruppi ribelli e jihadisti.

A bloccare di fatto l’avanzata dell’esercito di Assad, il sostegno fornito dalla Turchia ai ribelli che sembrano oggi guadagnare terreno e posizioni. Del resto l’obiettivo dichiarato di Ankara è quello di mantenere il controllo di una zona cuscinetto oltreconfine in Siria, ostacolando il tentativo del presidente e dei vertici militari di riassumere - con l’aiuto dell’alleato russo - il pieno controllo di tutto il Paese. 

Da Asianews.it

Ultime notizie

Un clima impazzito

21 Febbraio 2020
Un clima impazzito che non conosce una via di mezzo e le cui conseguenze sono pagate soprattutto dai più deboli. (Lia Curcio)

"Niente più vittime, niente più martiri"

20 Febbraio 2020
“Niente più vittime, niente più martiri, vogliamo sentire solo le voci di persone vive” che difendano i loro diritti umani. (Alessandro Graziadei)

Testimoni dai Lager

20 Febbraio 2020
I perché del Progetto "Per non dimenticare". Perché da anni promoviamo e sosteniamo il progetto "Per non dimenticare" delle città di Nova milanese e Bolzano che raccoglie l...

Inquinamento e salute

19 Febbraio 2020
Gli agenti più inquinanti, le categorie a rischio, le patologie conseguenti. Intervista con il prof. Alessandro Miani, docente di Prevenzione Ambientale all’Università di Milano e presidente della...

“Gender” e diritti nel vocabolario della diversità

19 Febbraio 2020
Pari opportunità vuol dire anche ricerca, informazione, servizi, riconoscimenti. (Anna Molinari)