Cori di no per i CPT e gli anziani in piazza

Stampa

© Anziani e immigrati

I movimenti "Viva gli anziani" e "Genti di Pace" saranno insieme a Montecitorio martedì 23 aprile alle ore 11, per chiedere la regolarizzazione degli stranieri che lavorano per l'assistenza a domicilio senza limitazione di numero per famiglia. Una sola badante per famiglia è il limite alla regolarizzazione chiesto con un emendamento da Isabella Bertolini (FI), relatrice alla legge sull'immigrazione Bossi-Fini. Secondo un'indagine della Comunità di Sant'Egidio, nelle città italiane si raggiunge fino al 22,5% di anziani assistiti in domicilio da stranieri. Con la sponsorizzazione molte famiglie possono assumere in questo modo lavoratori stranieri evitando le vie clandestine. Intanto a Bologna è ormai imminente la riapertura del Centro di Detenzione per Migranti che era stato "smontato" in un'azione dei centri sociali un mese e mezzo fa. Il Bologna Social Forum ha programmato già una serie di iniziative per i prossimi giorni, invitando le istituzioni contrarie a esprimersi con azioni concrete. A Modena, questa sera si parlerà dei CPT come "simulacri di legalità". Sergio Briguglio della Caritas dichiara che "Il governo è intervenuto con un decreto legge (n. 51/2002) per correggere una norma della legge Turco Napoletano che la Corte Costituzionale si apprestava a dichiarare incostituzionale. La proposta del governo permetterebbe che la persona possa essere espulsa con accompagnamento immediato anche in attesa di convalida".
Pubblicato il: 22.04.2002
" Fonte: » Bologna Social Forum, Stranieri Italia, Sant' Egidio, Meltingpot;
" Approfondimento: » Dossier Immigrazione;

Ultime notizie

Saverio Tommasi alle scuole: raccontare storie per restare umani

21 Ottobre 2019
Marginalità e vulnerabilità nella cornice globale, a partire da se stessi. (Anna Molinari)

Il vino della pace nella cantina dove lavorano cristiani e musulmani

19 Ottobre 2019
A Betlemme in Palestina i salesiani hanno aperto l’azienda viti-vinicola per avvicinare i popoli. (Luciano Ferrero) 

Imboscate e petroliere in fiamme: lo Yemen senza tregua

19 Ottobre 2019
L'incubo della “guerra per procura” yemenita non sembra conoscere fine, né il suo dramma umanitario avere un minimo di sollievo. (Michele Focaroli)

Una svolta per il Kashmir indiano?

18 Ottobre 2019
Il territorio a maggioranza musulmana riapre scuole, confini e comunicazioni, ma continua la disobbedienza civile della popolazione. (Alessandro Graziadei)

Turchia, opporsi alla guerra è un reato!

18 Ottobre 2019
Nell’ultima dichiarazione del 10 ottobre, il Ministro degli Interni Suleyman Soylu parlava di 500 persone denunciate e 121 prese in detenzione provvisoria. La motivazione è unica; “Offendere lo spi...