Colombia: Amnesty scrive a Uribe

Stampa

Amnesty International - Manifestazione a Bogotà contro il conflitto con le FARC


Alvaro Uribe Vélez ha inaugurato il 7 agosto il suo mandato di presidente della Colombia. "Polso fermo, cuore grande" è il motto con il quale Uribe conta di governare la Colombia, insanguinata da oltre 38 anni da un conflitto interno del quale non si riesce ad intravedere la fine. Amnesty International ha inviato una lettera al Presidente Uribe chiedendo di fare dei diritti umani di tutti i colombiani una priorità. "La nuova presidenza inizia mentre la crisi dei diritti umani in Colombia è avvolta in una spirale e milioni di persone subiscono le conseguenze quotidiane della violenza politica e delle violazioni dei diritti umani ad opera di entrambe le parti in conflitto" ricorda Amnesty. Nella sua lettera, l'organizzazione ha ribadito le proprie preoccupazioni su alcuni specifici progetti del presidente Uribe, tra questi: la creazione di una milizia civile di un milione di informatori, che rischia di trascinare ulteriormente nel conflitto la popolazione civile e di consolidare la strategia dei paramilitari sostenuti dall'esercito; la concessione dei poteri di polizia giudiziaria alle forze armate e l'autorizzazione ad effettuare perquisizioni nelle case e arresti senza l'autorizzazione di un giudice, ciò che potrebbe favorire la copertura delle violazioni dei diritti umani perpetrate dalle forze di sicurezza o dai loro alleati paramilitari. Intanto la Colombia ha ratificato Trattato di Roma, costitutivo del Tribunale penale internazionale (Tpi) entrato in vigore lo scorso primo luglio.
Pubblicato il: 07.08.2002 " Fonte: » Amnesty International, Misna, Corte Penale Internazionale;
" Approfondimento: » Carta, Dossier Colombia;

Ultime notizie

Danzare – e vivere – in 3D

15 Giugno 2019
Sindri Runudde, ballerino e artista, ci parla della sua arte e del suo modo di interpretare la vita – da una prospettiva queer e legata alla disabilità.  (Novella Benedetti)

Quando la solidarietà viene premiata…

14 Giugno 2019
La storia di un progetto di accoglienza che dalla Siria ha portato una famiglia in Trentino nel paese di Caderzone Terme. Con riconoscimento finale. (Piergiorgio Cattani)

Hasankeyf: l’acqua alla gola

13 Giugno 2019
Nel mese di giugno diverrà operativa in Turchia la diga Ilisu. Spariranno per sempre sott'acqua un centinaio di villaggi. Tra questi anche il simbolo di questo disastro sociale ed ambientale, la ci...

E la luna bussò nel Maghreb

13 Giugno 2019
Dispetti lunari e calcistici allargano le divisioni da tempo esistenti fra i cinque Paesi dell’UMA, l'Unione Maghrebina Araba. (Ferruccio Bellicini)

La fiducia è un bene comune

12 Giugno 2019
Due storie terribili e allo stesso tempo esemplari, tragicamente istruttive. Rendono evidente il perché la fiducia sia un bene così fragile e anche perché, al contrario, la sfiducia e la diffidenza...