Clima, l'Italia ora passi ai fatti

Stampa

WWF - Ciminiere

Il WWF esprime soddisfazione per le dichiarazioni dei ministri dell'ambiente a Marrakesh, e per questo invita l'Italia a non perdere tempo e a ratificare il protocollo di Kyoto entro la primavera del 2002. Per sostenere questa richiesta è possibile sottoscrivere la petizione via e-mail. Dello stesso tono è Ermete Realacci, presidente di Legambiente, che invita il governo italiano a "non perdere il treno di questa Finanziaria e di passare subito ad azioni concrete per ridurre le emissioni di gas serra nel nostro paese". Gli Amici della Terra si dichiarano moderatamente soddisfatti dell'accordo sul clima raggiunto che ha finalmente superato il persistente ostruzionismo di Giappone, Canada e Russia. Tra le critiche che vengono riportate troviamo i programmi di riforestazione, la questione sui "pozzi di assorbimento" e la mancata promozione dell'energie rinnovabili a livello mondiale.
Pubblicato il: 14.11.2001
" Fonte: » WWF, Amici della Terra , Legambiente ;
" Approfondimento: » Climate Change, Conto alla rovescia - Greenpeace ;

Ultime notizie

L’inquinamento dell’acqua si misura a mercurio (ma senza termometro)

20 Maggio 2019
Oltre 280.000 mila firme raccolte per proteggere l’acqua in Argentina. (Anna Molinari)

Maestri cestai: dietro le sbarre l’arte di lavorare gli intrecci

19 Maggio 2019
Antonella Mannarino e Caterina Mirarchi da 7 anni curano un laboratorio nel carcere di Catanzaro dove si recupera un lavoro artigianale. (Giovanna Maria Fagnan)

Sandokan e i migranti della Malesia

18 Maggio 2019
L'immigrazione pone sfide che tanti Paesi si trovano a dover affrontare; in Europa siamo molto concentrati a guardare il nostro ombelico, ma cosa succede altrove? (Novella Benedetti)

In Messico è altolà ai narcos

17 Maggio 2019
Il neo presidente del Messico lavora per una riduzione della violenza dei narcotrafficanti. (Miriam Rossi)

Le nostre “eco-colpe” non sono compensabili!

16 Maggio 2019
Termini come “eco-friendly” o “green” incoraggiano l’idea che esistano oggetti e comportamenti “buoni” per l’ambiente. Ma non è sempre così… (Alessandro Graziadei)