Campagna di sostegno all'Alternative Information Center

Stampa

da rsfitalia.org

Le riviste Erre e Guerre & Pace dopo aver promosso la campagna "verso il 20 marzo" con la presenza in Italia di Michel Warschawski, co-direttore dell'Alternative Information Center, hanno rilanciato l'iniziativa raccogliendo ciò che è stato seminato. L'idea si è trasformata in un progetto di sostegno permanente all'Alternative Information Center. Questo progetto si prefigge l'obiettivo di sostenere concretamente l'Aic attraverso la produzione di una pubblicazione, on line e in carta, trimestrale in cui si raccolgano i contributi più significativi che giungono da Palestina/Israele.

Lo sforzo vuol essere quello di far giungere in Italia il dibattito che, pur nell'attuale situazione drammatica, in Palestina/Israele si sta svolgendo sui nodi cruciali che riguardano il futuro dei due popoli. Il progetto, ambizioso ma non irrealizzabile, vuole costruire un ponte tra l'Italia e la Palestina che produca non solo solidarietà contingente, ma anche momenti di riflessione comune che aiutino i militanti e le militanti italiane, palestinesi ed israeliani/e a costruire un percorso comune di lotta, qui e li. Soprattutto la necessità che emerge, importante ed urgente, è quella di capire i meccanismi di fondo per riuscire a smontare la costruzione fittizia dell'odio, della paura e del rifiuto dell'altro.

In questo senso per l'autunno prossimo si prevede la realizzazione di un seminario di riflessione con i protagonisti. Il progetto vuol essere un mezzo per non restare vittime dell'impotenza di fronte all'apparente avvitarsi senza fine del conflitto. Il futuro dei palestinesi e degli israeliani ci riguarda, ci coinvolge e ci interroga su che cosa intendiamo per "un altro mondo possibile" ed aggiungiamo noi, necessario. La scelta è caduta non casualmente sull'Alternative Information Center, la prima organizzazione palestinese-israeliana, che da oltre vent'anni si pone fuori dal coro degli "illuminati" e "progressisti" che, come dice il regista israeliano Eyal Sivan, pensano sia molto furbo proporre il "divorzio prima delle nozze", senza capire che il vero futuro dei due popoli (ma anche il nostro.) passa non attraverso una "separazione" che, con muri o senza, comporta la legalizzazione di un progetto coloniale, il sionismo, che solo attraverso la "convivenza necessaria e possibile" può essere sconfitto e superato.

La campagna "la convivenza possibile, la convivenza necessaria" è promossa da: Erre, Guerre & Pace, Reds e Donne in Nero. Sappiamo che sarà un impegno difficile, ma anche un periplo entusiasmante che ci porterà sicuramente, almeno, a consolidare insieme a tutti e tutte coloro che ci hanno creduto la prima volta, a costruire un piccolo, ma importante, tassello di quel Nuovo Mondo per cui tutti i giorni ci battiamo, in Italia come nel resto del mondo.

Ultime notizie

Locanda Dal Barba, dove l’accoglienza si fa in tavola

24 Febbraio 2020
Inclusione sociale per persone con disturbi del neurosviluppo, un’esperienza da conoscere. (Anna Molinari)

Bari il cibo torna in circolo (per i poveri)

23 Febbraio 2020
Sette frigo solidali ospitano il cibo donato. I volontari si spostano anche con pattini e biciclette. L’idea di Kenda onlus. (Bepi Castellaneta)

Disabilità in Ecuador: un cammino disseminato di ostacoli

22 Febbraio 2020
Nonostante le iniziative realizzate, la situazione dei disabili, soprattutto intellettivi, rimane profondamente disagiata e vittima di una politica viziosa. (Marco Grisenti)

Un clima impazzito

21 Febbraio 2020
Un clima impazzito che non conosce una via di mezzo e le cui conseguenze sono pagate soprattutto dai più deboli. (Lia Curcio)

"Niente più vittime, niente più martiri"

20 Febbraio 2020
“Niente più vittime, niente più martiri, vogliamo sentire solo le voci di persone vive” che difendano i loro diritti umani. (Alessandro Graziadei)