Brasile: crisi finanziaria con le elezioni?

Stampa

Molte sono le voci di una prossima crisi finanziaria che colpirà il Brasile. Ma il paese è già in una situazione allarmante. Frei Betto presenta stime molto divergenti tra vari istituti che rilevano secondo la Banca Mondiale, 15 milioni di poveri, secondo l'IPEA 22 milioni, secondo l'Istituto della Cittadinanza sono 44 milioni e per la Fondazione Getùlio Vargas, 50 milioni. Secondo la Fondazione Getulio Vargas, quasi metà dei miserabili sono bambini e giovani al di sotto dei 15 anni, e il 17% ha dai 16 ai 25 anni. Intanto la corsa verso le prossime elezioni che si terranno il 6 ottobre prossimo danno il candidato presidenziale Josè Serra in risalita al 20,9 e Lula è sceso al 36,1%. "Se verranno eletti Serra, Garotinho o Ciro Gomes, la situazione del paese non cambierà affatto" commenta Plinio de Arruda Sampaio. Sarà necessaria quindi una forte mobilitazione popolare che coinvolgerà anche il Movimento Sem Terra. "Ora la violenza è diminuita perché abbiamo occupato altre aree, difeso i nostri insediamenti e minacciato altre occupazioni, così abbiamo costretto gli agrari a trattare", spiega Isabel Grein, responsabile del settore educazione del MST. "Ci sono altre duemila famiglie pronte a occupare". Molto chiaccherata è diventata l'esperienza di Curitiba, capitale dello stato del Paranà abitata da due milioni e mezzo di persone, che è considerata una città modello dagli ambientalisti di tutto il mondo.
Pubblicato il: 25.07.2002 " Fonte: » Mani Tese, Comitato appoggio MST, Rekombinant;
" Approfondimento: » Incontro con Sebasti㣀o Salgado , Dossier Brasile , Peacelink Brasile ;

Ultime notizie

Leggi, sostanze, propaganda e persone

23 Maggio 2019
La questione droga non può essere affrontata a partire dalle pene, ma dalle persone. (Alessandro Graziadei)

Il Premio Goldman a un difensore mapuche del territorio

22 Maggio 2019
Il premio, ritenuto una sorta di “Nobel ambientale”, è il più importante riconoscimento per chi difende i diritti dell’ambiente. (Michela Giovannini)

Hong Kong: che fine ha fatto il “Movimento degli ombrelli”?

21 Maggio 2019
Nelle scorse settimane nove leader democratici, responsabili del "Movimento degli ombrelli", sono stati giudicati colpevoli di “cospirazione”. (Alessandro Graziadei)

Api: continua lo sterminio. E intanto si diffonde il nuovo pesticida Bayer (Monsanto)

21 Maggio 2019
Il Sivanto è stato registrato per l’uso commerciale nel 2014 ed è disponibile in 30 paesi del mondo, tra cui l’Italia, mentre altre 65 nazioni si preparano ad autorizzarlo. Sul sito di Bayer si leg...

Lo schiaffo dell’Onu è a tutti noi

20 Maggio 2019
“Le leggi volute dal governo italiano sul tema migranti sono contrarie ai  diritti  umani”. Le Nazioni Unite strigliano l’Italia. Forse dovrebbero strigliare gli italiani. Solo...