Brasile: crisi finanziaria con le elezioni?

Stampa

Molte sono le voci di una prossima crisi finanziaria che colpirà il Brasile. Ma il paese è già in una situazione allarmante. Frei Betto presenta stime molto divergenti tra vari istituti che rilevano secondo la Banca Mondiale, 15 milioni di poveri, secondo l'IPEA 22 milioni, secondo l'Istituto della Cittadinanza sono 44 milioni e per la Fondazione Getùlio Vargas, 50 milioni. Secondo la Fondazione Getulio Vargas, quasi metà dei miserabili sono bambini e giovani al di sotto dei 15 anni, e il 17% ha dai 16 ai 25 anni. Intanto la corsa verso le prossime elezioni che si terranno il 6 ottobre prossimo danno il candidato presidenziale Josè Serra in risalita al 20,9 e Lula è sceso al 36,1%. "Se verranno eletti Serra, Garotinho o Ciro Gomes, la situazione del paese non cambierà affatto" commenta Plinio de Arruda Sampaio. Sarà necessaria quindi una forte mobilitazione popolare che coinvolgerà anche il Movimento Sem Terra. "Ora la violenza è diminuita perché abbiamo occupato altre aree, difeso i nostri insediamenti e minacciato altre occupazioni, così abbiamo costretto gli agrari a trattare", spiega Isabel Grein, responsabile del settore educazione del MST. "Ci sono altre duemila famiglie pronte a occupare". Molto chiaccherata è diventata l'esperienza di Curitiba, capitale dello stato del Paranà abitata da due milioni e mezzo di persone, che è considerata una città modello dagli ambientalisti di tutto il mondo.
Pubblicato il: 25.07.2002 " Fonte: » Mani Tese, Comitato appoggio MST, Rekombinant;
" Approfondimento: » Incontro con Sebasti㣀o Salgado , Dossier Brasile , Peacelink Brasile ;

Ultime notizie

Agua limpia, por favor

23 Gennaio 2019
Le radici dell’acqua – o della sua mancanza. (Anna Molinari)

La primavera araba e l'inverno di Tunisi

22 Gennaio 2019
A scendere in piazza non sono stati i giovani ma i meno giovani, i tutelati, gli organizzati, coloro che “sanno stare assieme” sotto l'ombrello del potente sindacato UGTT. (Fabio Pipinato)

Disabili e mobilità europea: una storia in costruzione

21 Gennaio 2019
Dati e volti del progetto Erasmus con i disabili come partecipanti. (Miriam Rossi)

Processi sommari e pena di morte: così ci si sbarazza delle "donne dell'Isis"

21 Gennaio 2019
Medio Oriente. Il duro prezzo pagato dalle mogli dei miliziani islamisti nei tribunali di Iraq e Siria del nord. Almeno 4.500 le donne arrivate da tutto il mondo. Solo una minima parte di...

L'angelo Zeal gira negli ospedali per liberare pazienti «prigionieri»

20 Gennaio 2019
In 30 Paesi del mondo le strutture sanitarie si trasformano in centri di detenzione quando i malati non possono pagare. In Nigeria un cittadino li salva. (Michele Farina)