Bahrain, giovani contro il re stanchi dell’opposizione

Stampa

Foto: Nena-news.it

«Le vedi quelle auto della polizia? Restano ferme lì per gran parte della notte e del ‎giorno, all’ingresso di Muhazza, pronte ad intervenire. Mandarle via è difficile, la ‎reazione (delle forze di sicurezza) è sempre più dura‎». Hassan, ha 21 anni. Siamo ‎obbligati a nascondere la sua vera identità per evitargli l’arresto. Parlare ai giornalisti stranieri è un crimine nel Bahrain di re Hamad bin Isa al Khalifa e i giovani sono presi particolarmente di mira da un regime che fa ciò che vuole, indisturbato, grazie anche all’appoggio che riceve dalle altre monarchie del Golfo e da importanti paesi occidentali, come Usa e Gran Bretagna. ‎«Se sei un giovane ‎sciita la polizia ti considera automaticamente un pericolo potenziale – aggiunge ‎Hassan – sei guardato a vista quando vai in città o incontri delle persone. La tua ‎posta elettronica e i tuoi post sui social sono seguiti con attenzione. Non sono un ‎attivista politico ma lo diventerò se l’oppressione non finirà. Non si può restare ‎immobili senza fare nulla».‎

‎Hassan è uno dei tanti giovani di Muhazza, Al Eker, Nuwaidrat, Maameer e ‎tanti altri villaggi e località che hanno legato il loro nome a quello di Sitra, la ‎‎”regina della rivoluzione” del 2011 repressa nel sangue dalla monarchia con l’aiuto degli Emirati e dell’Arabia sauditaL’opposizione più concreta alla monarchia assoluta oggi è proprio questi centri abitati. Squallide case popolari, abitate da ‎famiglie a basso reddito, che stridono con l’immagine più comune del Bahrain ‎all’estero fatta di larghe superstrade e grattacieli di vetro. Un’opposizione tenuta ‎insieme più dall’avversione al regime che da un programma politico vero e ‎proprio, che coniuga rivendicazioni politiche ed economiche e va oltre la battaglia ‎per le riforme democratiche portata avanti per oltre venti anni dall’opposizione ‎tradizionale. «Rispetto quelle persone e i prigionieri politici», ci dice Muhammad, ‎‎20 anni, studente universitario, residente a Sitra. «Tuttavia», aggiunge, «hanno fatto il loro tempo, il loro progetto è fallito. Hanno cercato per anni di negoziare con il re e non hanno ottenuto nulla. Dobbiamo seguire nuove strade che ci portino alla democrazia ma anche lavoro e uguaglianza economica con i sunniti ‎‎(la minoranza della popolazione che sostiene il re, ndr)».‎

 A quali «nuove strade» si riferisca il giovane non è ben chiaro. Parlava della ‎lotta armata? Governo e servizi di sicurezza la scorsa settimana hanno annunciato ‎mandati di cattura per 169 persone accusate di far parte di un «gruppo armato ‎simile a Hezbollah» in Libano e finanziata e armata dall’Iran. Con ogni ‎probabilità ne hanno ingigantito la consistenza allo scopo di colpire ‎l’opposizione. E non è peraltro facile valutare tra i giovani la forza degli haqisti, i ‎sostenitori del religioso estremista Hassan Mushaima, il leader del movimento ‎Haq, che chiede la fine della monarchia e l’instaurazione della repubblica.

I giovani sono arrabbiati e non seguono più i leader moderati dell’opposizione. Le loro richieste sono radicali rispetto all’opposizione tradizionale. Durante le ‎manifestazioni lanciano molotov, in alcuni casi anche piccoli ordigni artigianali. I ‎loro slogan sono diretti, inequivocabili. ‎«Alcuni ci dicono di non esagerare, di ‎evitare la violenza. Non hanno capito che è il regime che ci spinge verso di essa». I ‎giovani bahraniti vogliono anche la fine del sistema economico che produce un ‎tasso di disoccupazione del 15%. ‎«Re Hamad è un criminale‎», dice Hassan ‎«è ‎responsabile dell’uccisione di tante persone: lui e la sua famiglia controllano ‎l’intero paese e la sua ricchezza‎».‎

Michele Giorgio da Nena-news.it

Ultime notizie

Non gridate al lupo, al lupo. C’è l’Unione europea!

18 Dicembre 2018
Il successo della salvaguardia dei grandi carnivori in Europa sta facendo aumentare le possibilità di conflitto tra uomo e fauna selvatica. Che fare? (Alessandro Graziadei)

Pensare globale nell'era dei cambiamenti climatici

17 Dicembre 2018
Numerosi gruppi indigeni, soprattutto donne, negli ultimi anni hanno creato una forte e solida rete che va rafforzandosi sempre più. (Roberta Pisani)

Un nuovo tipo di trattato ambientale: il Global Pact

16 Dicembre 2018
Il clima ha bisogno di nuovo trattato internazionale: la cosiddetta Bozza del Patto Globale sull’Ambiente. (Giulia De Nadai)

Come l’arte può influenzare la politica: The 50 State Initiatives

15 Dicembre 2018
Negli Stati Uniti, in occasione delle elezioni di mid term, si è svolta la più grande campagna di arte pubblica del Nord America. (Marta Cacciavillani)

Gli scienziati avvertono: “Il tempo sta per scadere, occorre agire subito”

14 Dicembre 2018
A quasi due mesi di distanza dalla pubblicazione del rapporto speciale sull’impatto del riscaldamento globale di 1.5°, i rappresentanti dell’IPCC sono stati invitati alla Conferenza ONU sul Clima&n...