Animali a rischio, dagli zoo ai mari

Stampa

© Ebrei contro occupazione

Sabato 16 e domenica 17 marzo, in oltre 250 piazze italiane, la LAV organizza le Giornate nazionali contro la detenzione degli animali negli zoo con lo scopo di raccogliere firme a sostegno della propria proposta di recepimento della Direttiva Europea 1999/22, relativa alla custodia degli animali selvatici nei giardini zoologici. In Italia vi sono attualmente circa 100 zoo e come tali sono considerati anche delfinari, zoosafari, acquari e terrari. "Gran parte degli animali rinchiusi negli zoo non sono affatto in pericolo di estinzione e sono considerati dalla legge italiana "animali pericolosi" e come tali non dovrebbero più essere detenuti dal primo gennaio 1997". Intanto il WWF lancia una campagna contro lo sfruttamento dei mari che sta facendo "crollare" molte specie come il Tonno rosso o il Merluzzo. I cittadini e i consumatori europei potranno influenzare le scelte dei propri ministri e rappresentanti di governo attraverso una petizione online da sottoscrivere richiedendo una politica comune europea in difesa delle specie ittiche a rischio di estinzione.
Pubblicato il: 12.03.2002
" Fonte: » Infolav, WWF, Panda;

Ultime notizie

Spazio al bosco, e le specie spariscono

23 Settembre 2019
Che l’uomo intervenga o si assenti, per la sopravvivenza dell’ecosistema avrà sempre una responsabilità. (Anna Molinari)

Giornata del dono, coinvolti centinaia di studenti

22 Settembre 2019
Sono 80 gli istituti scolastici che hanno aderito al progetto #DonoDay2019, realizzato in collaborazione con il Miur. 

Abbiamo solo 11 anni per salvare la nostra specie

21 Settembre 2019
Ci avviciniamo al prossimo evento, venerdì 27 settembre, organizzato dai giovani dei "Fridays for Future”. (Lia Curcio)

La guerra nel nome della pace

20 Settembre 2019
Attorno ad Idlib continuano i combattimenti, la fuga dei cittadini, le morti, le distruzioni. Il ruolo della Turchia è sempre più ambiguo, nei suoi giochi anti-curdi tra Mosca, Washington e Damasco...

Presidenziali in Tunisia: vincono astensione e populismo anti-casta

20 Settembre 2019
Al ballottaggio per eleggere il nuovo presidente tunisino si affronteranno due candidati controversi e fuori dagli schemi tradizionali. (Ferruccio Bellicini