Anche l'Italia dietro al debito argentino

Stampa

© Madres Plaza de Mayo

"Il tasso di povertà in Argentina, misurato dalla linea di povertà nazionale, è cresciuto a partire dal 1995 oltre il 22%". A questo commento della Banca Mondiale segue, dal rapporto "Poverty Trends and Voices of the Poor" del maggio 2001, l'argomentazione che l'Argentina "ha applicato male la ricetta del Fondo Monetario". Il debito estero totale si avvicina ai 150 miliardi di dollari. Poco meno della metà di esso fa capo alle banche: 66 miliardi di dollari. I principali creditori sono (dati di marzo 2001): Spagna, Stati Uniti, Germania, Gran Bretagna e Italia che a giugno aveva 4,5 miliardi di euro, di cui quasi 2,5 miliardi sono operazioni a breve termine, ma probabilmente sono di più calcolando l'esposizione complessiva delle banche argentine controllate da gruppi italiani. Tra questi troviamo IntesaBci, Banca Nazionale del Lavoro, San Paolo-Imi, Unicredito Italiano. "Un'insolvenza sul debito complessivo delle tre principali economie latinoamericane -- Argentina, Brasile e Messico -- basterebbe a far saltare i sistemi bancari di USA, Giappone ed Europa occidentale" - tratto dal nuovo libro di Sbancor American Nightmare scritto mesi prima della crisi argentina. Intanto le "madri di Plaza de Mayo" chiedono che se ne vadano i corrotti, che si smetta di pagare il debito estero, che finiscano i privilegi di giudici e legislatori, che vengano liberati i prigionieri politici.
Pubblicato il: 27.12.2001
" Fonte: » Microfinanza, Rekombinat, Madres de Plaza de Mayo, Lettera 22;

Ultime notizie

Spazio al bosco, e le specie spariscono

23 Settembre 2019
Che l’uomo intervenga o si assenti, per la sopravvivenza dell’ecosistema avrà sempre una responsabilità. (Anna Molinari)

Giornata del dono, coinvolti centinaia di studenti

22 Settembre 2019
Sono 80 gli istituti scolastici che hanno aderito al progetto #DonoDay2019, realizzato in collaborazione con il Miur. 

Abbiamo solo 11 anni per salvare la nostra specie

21 Settembre 2019
Ci avviciniamo al prossimo evento, venerdì 27 settembre, organizzato dai giovani dei "Fridays for Future”. (Lia Curcio)

La guerra nel nome della pace

20 Settembre 2019
Attorno ad Idlib continuano i combattimenti, la fuga dei cittadini, le morti, le distruzioni. Il ruolo della Turchia è sempre più ambiguo, nei suoi giochi anti-curdi tra Mosca, Washington e Damasco...

Presidenziali in Tunisia: vincono astensione e populismo anti-casta

20 Settembre 2019
Al ballottaggio per eleggere il nuovo presidente tunisino si affronteranno due candidati controversi e fuori dagli schemi tradizionali. (Ferruccio Bellicini