Anche il Parco dello Stelvio si candida alla CETS

Stampa

Foto: Montagna.tv

Metodi partecipati, turismo, aree protette, sostenibilità: quadro nodi chiave per il futuro dello sviluppo economico, naturalistico e comunitario delle aree protette, che in un’unica parola potremmo chiamare… C.E.T.S. L’ennesima sigla da decifrare? Forse, ma questa è facile, suvvia, e contiene il senso profondo di un’idea elaborata nel 1991 con uno sguardo che puntava già – e con ragione – al futuro.

La Carta Europea del Turismo Sostenibile, nata nel cuore della Federazione Europarc, riunisce ad oggi oltre 400 aree protette in tutta Europa ed è un metodo che attiva dinamiche di partecipazione e collaborazione nella strutturazione delle proposte turistiche delle aree tutelate, favorendo un’offerta integrata di proposte – credibili per istituzioni e fruitori – all’insegna della sostenibilità. In Italia sono 39 le aree protette certificate, su un totale di 164 in Europa.

La Convenzione delle Alpi e lo studio di Eurac per la Fondazione Dolomiti UNESCO riconoscono nella CETS uno strumento d’eccellenza per sviluppare il turismo sostenibile nelle sue variegate possibilità e all’interno delle aree protette. Uno strumento importante a cui ha deciso di candidarsi anche il Parco Nazionale dello Stelvio, realtà cruciale per la conservazione ma anche per le relazioni interregionali di gestione, che vede nella CETS un’occasione di sperimentare la condivisione, per quanto complessa e articolata, sui tre versanti di competenza, seguendo il fil rouge delle proposte turistiche. Trentino, Alto Adige e Lombardia intendono impegnarsi per la gestione della biodiversità, in piena sintonia con gli intenti della CETS che hanno a cuore la tutela della natura, certo, ma anche delle comunità che all’interno delle aree protette abitano e lavorano. Ecco perché a Milano lo scorso 4 marzo è stata firmata dai rappresentanti istituzionali delle Province di Trento e Bolzano e della Regione Lombardia la proposta di candidatura del Parco alla certificazione.

Una presa in carico di responsabilità che va di pari passo con una seconda firma, apposta sulla Convenzione Quadro relativa a monitoraggio, conservazione e gestione delle risorse naturali e della biodiversità, che segue all'approvazione delle linee guida su monitoraggi e ricerca scientifica. Prevede un impegno e un lavoro coordinato della Regione Lombardia e delle due Province autonome di Trento e Bolzano e definisce e disciplina la gestione delle risorse naturali  e delle attività di ricerca, basandosi su una programmazione annuale e pluriennale delle azioni da realizzare.

Come si evince, si tratta di un percorso lungo e ricco, avviato nel 2018 per iniziativa del Ministero dell'Ambiente con la regia comune di Federparchi: il piano prevede una sessantina di azioni in 5 anni, con l’obiettivo di individuare gli impegni in materia di viabilità sostenibile, riduzione degli scarti, monitoraggio dell’impatto del turismo sulla flora e sulla fauna, promozione delle attività, incluse quelle turistiche, che favoriscono la conservazione del patrimonio storico-culturale e delle tradizioni, incoraggiamento ai visitatori e all’industria turistica affinché contribuiscano alla conservazione ambientale. Un percorso virtuoso che non perde di vista il coinvolgimento di tutti i protagonisti del territorio, tra cui operatori turistici, Apt e amministratori locali, impiantisti e altri soggetti che gravitano attorno a queste attività.

Anna Molinari

Giornalista pubblicista, laureata in Bioetica presso la Facoltà di Scienze Filosofiche di Bologna, ha frequentato a Roma la scuola di Scienze politiche internazionali, cooperazione e sviluppo di Focsiv e ha lavorato presso il Ministero dell’Interno - Commissione per il Riconoscimento della Protezione Internazionale e il Consiglio Italiano per i Rifugiati. Dal 2011 cura per Fondazione Fontana Onlus e in provincia di Trento laboratori formativi e percorsi di sensibilizzazione rivolti a scuole e cittadinanza su temi a carattere sociale, con particolare attenzione a tutela ambientale, sovranità alimentare, stili di vita sostenibili ed educazione.

Ultime notizie

Hong Kong: che fine ha fatto il “Movimento degli ombrelli”?

21 Maggio 2019
Nelle scorse settimane nove leader democratici, responsabili del "Movimento degli ombrelli", sono stati giudicati colpevoli di “cospirazione”. (Alessandro Graziadei)

L’inquinamento dell’acqua si misura a mercurio (ma senza termometro)

20 Maggio 2019
Oltre 280.000 mila firme raccolte per proteggere l’acqua in Argentina. (Anna Molinari)

Maestri cestai: dietro le sbarre l’arte di lavorare gli intrecci

19 Maggio 2019
Antonella Mannarino e Caterina Mirarchi da 7 anni curano un laboratorio nel carcere di Catanzaro dove si recupera un lavoro artigianale. (Giovanna Maria Fagnan)

Sandokan e i migranti della Malesia

18 Maggio 2019
L'immigrazione pone sfide che tanti Paesi si trovano a dover affrontare; in Europa siamo molto concentrati a guardare il nostro ombelico, ma cosa succede altrove? (Novella Benedetti)

Sudafrica ed elezioni: vince (ma cala) l'Anc

17 Maggio 2019
Il partito di governo guidato da Ramaphosa conquista il 57,5% delle preferenze, ma frena di 4,5 voti percentuali rispetto al 2014. Bene la sinistra con l’Economic Freedom Fighters che arriva quasi...