Alta Velocità: gli interessi in gioco

Stampa

© Report - Alta Velocità

Si è tenuto a Roma, venerdì 14 settembre, il primo incontro sull'Alta Velocità tra l'associazione di volontariato ambientale fiorentina Idra e i dirigenti e funzionari dei servizi del Ministero dell'Ambiente. Temi della riunione sono stati: l'emergenza idrogeologica provocata dai cantieri TAV in Toscana e l'inchiesta giudiziaria su cantieri, depositi e cave. L'associazione fiorentina ha presentato e documentato i "quattro scandali progettuali" dell'opera, ovvero la sottovalutazione delle caratteristiche geologiche, idrogeologiche e sismiche del territorio nonchè la disattenzione per le esigenze di sicurezza dei lavoratori e dei futuri utenti della linea veloce. Riguardo in particolare al problema idrogeologico, secondo Idra l'unica soluzione seria è la riapertura del procedimento di Valutazione di Impatto Ambientale. L'associazione ha espresso una moderata soddisfazione per gli esiti dell'incontro che hanno visto avviarsi un itinerario di confronto e di collaborazione che permetterà un interscambio di informazioni e proposte con la società civile. Proprio di Alta Velocità parlerà anche la trasmissione di Rai 3 Report, nella puntata del 20 settembre, dal titolo "la grande opera".
Pubblicato il: 19.09.2001
" Fonte: » Idra, Report;
" Approfondimento: » Dossier Tav, Alta Voracità;

Ultime notizie

Cocktail artico… al veleno

24 Giugno 2019
Le inquietanti conseguenze dello scioglimento dei ghiacci. (Anna Molinari)

La seconda vita dei libri, nelle mani dei senza dimora

23 Giugno 2019
I volontari della Ronda della carità distribuiscono (oltre a panini e bevande) fumetti, romanzi e riviste. 

Niente sta scritto vince Il Premio Cinema degli Italian Paralympic Awards

22 Giugno 2019
Il documentario Niente sta scritto riceve il Premio Cinema agli Italian Paralympic Awards 2019, gli “Oscar” dello sport paralimpico. (Raffaella Bonora)

L’Africa sempre più dimenticata

21 Giugno 2019
Gli ultimi dati sull’informazione che danno i telegiornali italiani sul Sud del mondo sono sconfortanti. Ma gli utenti possono fare qualcosa. (Piergiorgio Cattani)

Brasile in piazza contro Bolsonaro e poi il ‘Moro della vergogna’

21 Giugno 2019
Primo sciopero da quando Bolsonaro è Presidente, contro l’aumento dell’età pensionabile e contro l’economia che non riparte. E poi lo scandalo di Sergio Moro, ‘il Moro della vergogna’, giudice a ma...