Africa: morto Ki-Zerbo, lo storico dell'Africa nera

Stampa

E' morto ieri a Ouagadogou, capitale del Burkina Faso, lo scrittore e storico Joseph Ki-Zerbo. Considerato uno dei principali intellettuali africani, pubblicò diversi scritti inerenti la cultura e la storia africana tra cui la celebre "Histoire de l'Afrique noire, des origines à nos jours", opera di riferimento sulla storia africana in cui espone concetti rinnovati ed in antitesi con la descrizione riduttiva, discriminante e razzista in auge al tempo nella cultura europea.

"Insegnandoci la storia dell'Africa ci ha insegnato a scoprirne la dignità e a vedere in una dimensione diversa i problemi africani. Ci ha fatto capire che l'Europa della colonizzazione ha il dovere di restituire all'Africa ciò che per secoli le ha rubato, soprattutto la sua cultura, le sue tradizioni, la sua storia, oltre che le sue risorse. "Con Ki-Zerbo abbiamo imparato ad amare l'Africa, e amandola a cercare insieme con gli africani forme nuove di cooperazione. Ki-Zerbo lascia un archivio ricchissimo con migliaia di documenti inediti. Nella nostra ultima visita in Burkina Faso abbiamo preso l'impegno di non disperdere questo tesoro: stiamo valutando l'ipotesi di creare una fondazione a suo nome a livello internazionale" - affermano Chiama l'Africa e CIPSI in un comunicato congiunto. Le due associazioni erano legate allo scrittore scomparso da un rapporto intenso di stima, amicizia e stretta collaborazione inaugurato durante la prima campagna di Chiama l'Africa.

Lo scrittore e storico Joseph Ki-Zerbo - (Toma, Alto Volta, 21 giugno 1922), esponente dell'opposizione, considerato uno dei principali intellettuali africani - è morto ieri a Ouagadogou, Burkina Faso. Lo ha annunciato Etienne Traoré, docente di filosofia all'Università della capitale, che ad agosto scorso prese il suo posto come deputato in Parlamento, dove era stato rieletto nel 2001. Joseph Ki-Zerbo fu uno storico e politico di fama internazionale, uomo d'azione del Burkina Faso e fondatore del maggiore partito di opposizione del suo Paese.

Chiama l'Africa lo incontrò nel novembre 2005 nella sua casa di Ouagadougou, in Burkina Faso, dove Ki-Zerbo pur già malato accettò di tenere un corso di studi sul tema "Le parole che l'Africa dice all'Europa" a 25 membri dell'associazione. Il Professore burkinabé dava lezioni di approfondimento e dava voce all'Africa. "L'unità africana è la vera priorità, senza la quale non ci sarà mai democrazia, perché senza un mercato interno africano non ci può essere il valore aggiunto che viene dalla lavorazione delle merci; e così non ci può essere la classe media che è alla base della democrazia. Ora abbiamo solo pochi ricchi che si arricchiscono sempre più, mentre le masse sono sempre più povere; in questo modo rimarremo sempre solo produttori di materie prime per gli altri; non "soggetti della nostra storia", ma "oggetti della storia degli altri".

Joseph Ki - Zerbo crebbe nel contesto rurale del suo villaggio natale, nella parte settentrionale del paese, figlio di Alfred Ki-Zerbo (da alcuni considerato il primo cristiano dell'Alto Volta) e Thérèse Folo Ki. Lo stesso Joseph affermò che l'ambiente contadino, nel quale trascorse i primi undici anni della sua infanzia, influenzò profondamente la sua personalità. La sua radice africana, la sua concezione di grande famiglia ed il suo rapporto con la natura affondano le origini proprio in quel periodo.

Ki-Zerbo pubblica diversi scritti inerenti la cultura e la storia africana; in tali pubblicazioni espone il suo pensiero e le sue idee sociali. Nel 1963 redige un manuale di didattico di storia e nel 1972 pubblica il celebre "Histoire de l'Afrique noire, des origines à nos jours", opera di riferimento sulla storia africana in cui espone concetti rinnovati ed in antitesi con la descrizione riduttiva, discriminante e razzista in auge al tempo nella cultura europea. Ki-Zerbo sostiene e comprova, nella sua opera, che l'Africa avesse raggiunto un elevato sviluppo sociale, politico e culturale prima del declino del continente determinato in buona parte anche dalla tratta degli schiavi prima dal colonialismo poi.

Tra il 1972 ed il 1978 Ki-Zerbo è membro del consiglio dell'UNESCO e lavora, per conto della stessa organizzazione, alla storia dell'Africa in otto volumi intitolata Histoire générale de l'Afrique. Nel 1980 fonda il Centro studi per lo sviluppo africano (CEDA) e sulla base di una attenta analisi critica dell'imperialismo conia il concetto di sviluppo endogeno. Con l'avvento di Thomas Sankara alla presidenza (1983-87), Ki-Zerbo fu costretto a lasciare il paese e condannato poi in contumacia essenzialmente per motivi politici, mentre la sua biblioteca di oltre 11.000 volumi venne saccheggiata: nonostante i successivi ripetuti inviti di Sankara a rientrare in Burkina, vi ritornerà solo dopo la morte del giovane presidente.

"Ki-Zerbo, storico e politico, ma soprattutto intellettuale africano che ha coniugato scienza e azione politica, non si è limitato a proseguire la carriera scientifica ma, attento osservatore degli avvenimenti, ha preso posizione per mutare l'ordine delle cose in Africa associando la dottrina con l'impegno quotidiano, impegnandosi per l'affermazione della democrazia in Burkina Faso e nell'Africa intera" - notano Chiama L'africa e Cipsi. "I suoi libri costituiscono punti di riferimento imprescindibili per la conoscenza della storia africana. Qualcuno ha scritto che il solo nome Ki-Zerbo è per molti africani e l'Africa un modo di andare alle fonti della propria identità". Oggi si terrà una veglia in sua memoria e giovedì dovrebbe essere seppellito nel suo villaggio natale a Toma, nella provincia occidentale di Nayala.

Per chi fosse interessato Chiama l'Africa ha disponibile un video di Michele Citoni con una lunga intervista a Ki-Zerbo sui problemi e sul futuro del continente africano.

Ultime notizie

Energia: l'alternativa c’è? - #Diventaregreen

01 Dicembre 2022
“Guardiamo all'energia del futuro, non a quella del passato”. Un’intervista ad Arturo Lorenzoni. (Alessandro Graziadei)

Iran: il colpo in canna è italiano. Parlamentari e associazioni chiedono spiegazioni

30 Novembre 2022
Tornano le cartucce della italo francese Cheddite sulla scena di altre repressioni. Questa volta nella Repubblica islamica. (Atlante delle guerre e dei conflitti del Mondo)

Giochi olimpici e paralimpici invernali 2026: ancora cemento

30 Novembre 2022
Il mantra “Olimpiadi uguale fondi, quindi sviluppo” appare essere il classico specchietto per le allodole. (Lucia Michelini)

Diventare “green” - #Diventaregreen

29 Novembre 2022
La transizione ecologica individuale, diventare “green” è un lusso che pochi si possono permettere. (Raffaele Crocco)

Angelo Righetti: «Il desiderio di esclusione non diventi pratica di esclusione»

28 Novembre 2022
È matto perché è pericoloso ed è pericoloso perché è matto: è la grande tentazione da evitare quando si parla di salute mentale, anche decenni dopo Basaglia. (Vita)